"La guerra dei cafoni" Barletti-Conte: favola su lotta di classe

Film in molti festival internazionali e nei cinema dal 27 aprile

21.04.2017 - 19:00

0

Roma (askanews) - Due bande di adolescenti che si fronteggiano in un territorio sospeso, quasi magico, dove non esistono adulti: è "La guerra dei cafoni" di Davide Barletti e Lorenzo Conte, nei cinema dal 27 aprile, tratto dal libro di Carlo D'Amicis. Il film racconta un vero e proprio scontro di classe tra due bande di ragazzini, i figli dei ricchi e quelli dei contadini, in un luogo remoto della Puglia alla fine degli anni Settanta, come spiegano i registi.

"A noi ci interessava raccontare quello, ma poi raccontare una favola anche, e da quello un po' si differenzia anche dal libro: il film ha preso più una deriva quasi magica, di un racconto per ragazzi proprio".

Gli interpreti sono 24 ragazzini alla prima esperienza cinematografica, selezionati in tutta la Puglia.

"Ci ha sorpreso la naturalezza della recitazione, che abbiamo tanto cercato, favorita sicuramente dal dialetto. Al di là delle battute Il lavoro è stato far proprio un copione blindato e forte. Il nostro non è un film di silenzi, di atmosfera, ma ci sono dialoghi molto serrati e vedere come i ragazzi si sono appassionati alla sceneggiatura, ai tempi della recitazione, però mantenendo una loro spontaneità, è stata forse la sorpresa più grossa".

"La guerra dei cafoni", grazie anche alla sua originalità, al suo alternare toni di commedia e racconto epico, ha entusiasmato i ragazzi che l'hanno visto in anteprima all'ultimo festival di Roma.

"Noi amiamo dire che il nostro è un film per ragazzi, un film per adulti, per il figlio accompagnato dal padre e dalla madre: ognuno poi può trovare uno spunto di interesse".

Intanto "La guerra dei cafoni" sta riscuotendo consensi in vari festival internazionali, da Rotterdam a Pechino, e dopo il passaggio in concorso al festival di Bari verrà presentato a New York e Buenos Aires. L'interesse per un racconto sulla lotta di classe, seppur sotto forma di favola, sembra vivo ovunque.

"Per noi è una storia abbastanza universale, abbastanza attuale.

Oggi sembra tutto un po' più statico, più immobile: paradossalmente le cose non sono migliorate ma sono peggiorate. Oggi purtroppo chi è povero rimane povero e chi ha tutto continua ad avere tutto. Quindi secondo me in realtà è una storia ancora attuale".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Los Angeles (askanews) - Il tenore spagnolo Placido Domingo ha festeggiato, con un recital speciale al Dorothy Chandler Pavilion di Los Angeles, circondato da amici, cantanti e musicisti, i suoi 50 anni di carriera. Domingo, direttore generale della Washington National Opera e della Los Angeles Opera, esordì proprio nella città californiana il 17 novembre del 1967, senza immaginare - ha spiegato ...

 
Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Roma (askanews) - Nulla di fatto dopo l'incontro sulle pensioni a Palazzo Chigi tra Governo e sindacati. Gentiloni ha chiesto ai leader di Cgil, Cisl e Uil uno sforzo significativo di condivisione sulle pensioni e di sostenere il pacchetto delle misure; un documento di tre cartelle sullo stop al rialzo dell'età pensionabile per 15 categorie di lavori gravosi, e il fondo per la proroga dell'Ape ...

 
Mattarella a Napoli per i 230 anni Scuola militare Nunziatella

Mattarella a Napoli per i 230 anni Scuola militare Nunziatella

Napoli (askanews) - Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella ha presenziato, in piazza del Plebiscito a Napoli, alla cerimonia del giuramento di 90 nuovi allievi della scuola militare della Nunziatella in occasione dei 230 anni dalla fondazione della prestigiosa scuola militare, voluta dal Re Ferdinando IV di Borbone il 18 novembre del 1787. Erano presenti anche il ministro della Difesa, Roberta ...

 
Saad Hariri all'Eliseo, incontro e pranzo con Macron

Saad Hariri all'Eliseo, incontro e pranzo con Macron

Parigi (askanews) - Il premier dimissionario libanese, Saad Hariri è stato accolto all'Eliseo dal presidente francese Emmanuel Macron, che gli ha riservato gli onori della Guardia Repubblicana, a sottolineare che per la Francia non si tratta di un premier decaduto, ma ancora in carica. Il 4 novembre 2017, l'annuncio delle sue dimissioni, aveva innescato le accuse che fosse trattenuto nel Paese ...

 
Ambra e Max, luna di miele a Venezia

Gossip

Ambra e Max, luna di miele a Venezia

La foto pubblicata dal periodico "Chi" è la prova provata che il rapporto fra Ambra Angiolini e Massimiliano Allegri si sta sempre più saldando. Dopo che lei è andata a ...

14.11.2017

Frizzi è tornato a casa

Il fatto

Frizzi è tornato a casa

Fabrizio Frizzi ha lasciato l'ospedale. Lo stretto riserbo sulle condizioni di salute del conduttore colpito da malore il 24 ottobre continua, ma Carlo Conti, durante un ...

06.11.2017

L'Umbria a "Mezzogiorno in famiglia"

Il particolare

L'Umbria a "Mezzogiorno in famiglia"

L'Umbria, in modo particolare il Trasimeno e i suoi borghi, ancora protagonista in televisione. Dopo il servizio dedicato a Passignano e Castiglione del Lago, andato in onda ...

05.11.2017