Il metropolita russo Hilarion compositore al RavelloFestival

La soprano Kasyan: canterò una sua Stabat Mater al Festival

19.04.2017 - 15:00

0

Mosca, (askanews) - Dalla gelida Mosca del Bolshoi, ancora intorpidita dal freddo, al calore del Festival di Ravello. Svetlana Kasyan, soprano in piena ascesa, già molto apprezzata al Regio di Torino nella Manon Lescaut di Giacomo Puccini, interpreterà un doppio Stabat Mater il prossimo 30 luglio in Costiera amalfitana. Ma non sarà semplicemente un appuntamento come tanti del festival wagneriano. Piuttosto un evento storico: Kasyan verrà infatti diretta da una personalità di spicco del Patriarcato ortodosso russo, il metropolita Hilarion, grande appassionato di musica nonché "ministro degli Esteri" della Chiesa Ortodossa di Mosca.

Dell'evento, in Italia ancora top secret, ci parla la stessa Kasyan nella capitale russa: "In Italia devo cantare il 30 luglio due Stabat mater, una di Pergolesi, che ho già fatto a Mosca alla Casa della Musica, con Hilarion nel ruolo di direttore di orchestra.

"E devo cantare un'altra Stabat Mater di Hilarion stesso. Lui è un grande e moderno compositore e io sono molto felice di poter cantare su questa musica".

Kasyan ha cominciato a 18 anni a studiare canto. Come una seconda vita, dopo quella di rifugiata in fuga dalla Georgia, da dove scappò a 9 anni in seguito ai primi conflitti separatisti.

Oggi con i suoi colori scuri, i suoi occhi neri e la sua potente voce, è il soprano russo più promettente e conteso in Italia. "La mia bimba è nata in Italia". Come anche il belcanto e l'opera, per la quale Kasyan sembra fatta apposta.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

A Tokyo Maria Grazia Chiuri presenta la collezione Dior

A Tokyo Maria Grazia Chiuri presenta la collezione Dior

Roma, (askanews) - A Tokyo la collezione Dior è sul tetto di un grande magazzino a Ginza. La stilista Maria Grazia Chiuri: "Sono stata diverse volte in Giappone in passato, è un paese bellissimo. Adoro le sue creazioni artigianali. Sono piene di umanità e in questo sono vicine alla cultura francese e alla mia cultura italiana. Lavoro in questa compagnia con lo stesso atteggiamento. Rispetto il ...

 
Storie Di Vino: Frescobaldi, soddisfatti da quantità buyer esteri

Storie Di Vino: Frescobaldi, soddisfatti da quantità buyer esteri

Roma, (askanews) - Lamberto Frescobaldi, è vice presidente vicario dell' Unione Italiana Vini, e rappresenta anche l' azienda, che porta il suo nome, e che si trova in Toscana. Askanews lo ha incontrato, nelle giornate in cui si è svolto il Vinitaly a Verona. Frescobaldi ha spiegato che gli stanno a cuore tutte le cose che sono del mondo del vino. Quello del 2017 per Frescobaldi è stato un bel ...

 
La 'prima' di Macron dopo il voto è al memoriale genocidio armeno

La 'prima' di Macron dopo il voto è al memoriale genocidio armeno

Roma, (askanews) - Il centrista Emmanuel Macron, che ha superato il primo turno delle elezioni francesi e si confronterà con Marine Le Pen al ballottaggio il 7 maggio, ha reso omaggio alle vittime del genocidio armeno, a Parigi. Prima uscita pubblica del candidato vittorioso alle elezioni di domenica 23 aprile. Macron - che ha insistito per avere una cerimonia separata da quella del presidente ...

 
Esce Kapi, l'album del trio Gulun, Allulli, de Raymondi

Esce Kapi, l'album del trio Gulun, Allulli, de Raymondi

Roma (askanews) - Un viaggio nei colori, nelle atmosfere, nei profumi e nelle sonorità mediterranee. Tutto questo in Kapi, il nuovo progetto discografico che nasce dall'amicizia e dalle affinità tra i due musicisti romani, Marcello Allulli, al sassofono, ed Emanuele de Raymondi alla chitarra elettrica, e Selen Gulun, artista di Istanbul, al piano e alla voce. Un incontro, il loro, che risale a ...

 
Il "figlio" di Benigni (La Vita è Bella) è tornato

AREZZO

Il "figlio" di Benigni torna in Toscana

Il "figlio" di Roberto Benigni nel film degli oscar La Vita è Bella (1997) è tornato ad Arezzo. Una visita di piacere per l'attore Giorgio Cantarini (Orvieto, 1992) che è stato ...