Un titolo involontariamente profetico

Ecco cosa è accaduto in questi due mesi: il Pd si è davvero biodegradato

Non è un partito che è venuto meno: è finita l'Italia delle oligarchie al comando. E non è affatto un male

26.06.2018 - 16:26

0

Nei primissimi giorni in cui ero diventato direttore del Corriere dell'Umbria e dei Corrieri di Siena, Rieti, Viterbo e Arezzo mi scappò un titolo irriverente che a vedere quel che è accaduto in questi giorni è divenuto profetico (e non lo immaginavo). Il titolo- il 5 gennaio- era "Il Pd è biodegradabile", e ovviamente non era riferito alla liquefazione di quel partito a cui abbiamo assistito dal 4 marzo ad oggi. Mi riferivo alla vicenda dei sacchetti biodegradabili per la conservazione degli alimenti, fatti pagare ai consumatori grazie a una norma non annunciata che li aveva fatti infuriare. Una piccola cosa (2 centesimi), che però aveva fatto infuriare la gente e che dimostrava come il partito che guidava il governo avesse una capacità particolare di infilarsi in casini perfettamente evitabili. Il giorno dopo molta gente che ho incontrato in Umbria mi ha messo in guardia: "esagerato quel titolo, troppo irriverente. Stai attento perché da queste parti il Pd è un sistema di potere consolidato e non accetta prese in giro: E anche i lettori...". Non me ne sono preoccupato, anche perché si trattava solo di una battuta e non mi ci è voluto molto per capire come la gente in giro sia assai più libera e intelligente dei suoi presunti interpreti che un sistema di potere sì avevano messo in piedi. Ma ormai solo a protezione delle proprie auguste terga: per agli altri non c'erano più soldi e attenzioni disponibili. Però non credo che sia il funerale del Pd quello deciso dagli elettori italiani, e se così dovesse essere me ne dispiacerebbe perché in questo paese sono importanti idee e ideali che appartengono alla sinistra più genuina. Penso che invece in questo 2018 sia avvenuta la frattura forse definitiva fra gli italiani e una classe dirigente che li guidava sempre e comunque avendo il potere strettamente nelle sue mani, chiunque vincesse le elezioni. Anche se Matteo Renzi aveva suscitato qualche speranza, alla fine il suo Pd è diventato l'ultimo appiglio della conservazione del potere da parte di quelle oligarchie che hanno governato l'Italia a dispetto degli italiani. Oggi- senza capire- si dice "populismo" pensando a un manipolo di pazzi mezzi fascisti. Invece la frattura che si è consumata è quella fra popolo e quel gruppo di ottimati che lo guardava con disprezzo definendolo come ha fatto Eugenio Scalfari "popolino": gente che non sa che cosa vuole, e che ha bisogno dei saggi che sanno al posto loro. E' dal dopoguerra che l'Italia è guidata da salotti di pensatori più o meno illuminati, industriali, registi, attori, economisti che si riuniscono in cenacolo e stabiliscono cosa è il bene e cosa è il male. Cenacoli come quello che si è ritrovato prima intorno all'Espresso, poi intorno a Repubblica, che non è stato un giornale, ma una delle principali oligarchie governanti in Italia: gli Scalfari, i Carlo De Benedetti e la corte diu giullari, magistrati e intellettuali che si sono portati appresso. Lì sono stati inventati i Ciriaco De Mita, i Romano Prodi, i Carlo Azeglio Ciampi, gli Antonio Maccanico, i Walter Veltroni, e tanti altri fino allo stesso Renzi da mettere in prima fila. Chi ha provato a smarcarsi da loro è sempre stato buttato via come un cencio, distrutto in poche mosse. Ecco, questa Italia forse nel 2018 dopo tanti e tanti anni si è biodegradata. E non è mica un male...

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Boeri: "Di Maio perde contatto con la crosta terrestre"

Boeri: "Di Maio perde contatto con la crosta terrestre"

(Agenzia Vista) Roma, 19 luglio 2018 Boeri Di Maio ha perso contatto con la crosta terrestre L'audizione alla Camera dei Deputati del presidente dell'Inps Tito Boeri. / fonte webtv Camera Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo (askanews) - Alle 16.58 del 19 luglio 2018, orario della strage di Via D'Amelio a Palermo, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e i 5 agenti della sua scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, è stato celebrato un minuto di silenzio, interrotto soltanto dalle note di un giovane trombettiere e lo scandire dei nomi delle ...

 
Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Perugia, (askanews) - Il fumo causa ogni anno nel mondo oltre 7 mln di vittime, tra le 70 e le 83mila in Italia, ma il numero totale di fumatori resta stabile. In Italia sono 12,2 milioni (il 23,3 % della popolazione) e l'Umbria risulta la regione con la percentuale più alta di fumatori adulti (31%). Alla luce di questo l'industria ha deciso di puntare con decisione alla riduzione del danno ...

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018