Vietato dire non ce la faccio più

Vietato dire non ce la faccio più

Quando "casa loro" non c'è più

10.04.2017 - 15:55

0

Potremmo immaginare il futuro come un gigantesco puzzle. Ogni bambino ne è una tessera. In Siria quel puzzle è incompleto. E’ incompleto perché in Siria c’è la guerra. Banale da dirsi? No, perché in troppi sembrano averlo scoperto solo la scorsa settimana. In troppi sembrano aver scoperto solo adesso, dopo l’attacco con i gas tossici, che in guerra si muore davvero e che muoiono anche i bambini.
Lo sgomento, l’indignazione si sono sollevati solo adesso, ma quella guerra si combatte da anni. Eppure dovremmo saperlo perché su quei barconi che arrivano nelle nostre coste, ci sono quelli che scappano da quella guerra. Quelli che diciamo di non volerci, quelli a cui diciamo, nella migliore delle ipotesi, “aiutiamoli a casa loro”.
Ecco, “casa loro” non c’è, “casa loro” non esiste più. A “casa loro” si muore, ogni giorno, sotto le bombe, respirando gas tossici. “Casa nostra” non è una scelta, è l’unica possibilità che hanno di vivere, è la fuga verso la vita, trainati dall’istinto di sopravvivenza per non essere la tessera mancante di un puzzle che si chiama futuro.
Chissà quali sono i desideri dei bambini siriani. Quelli dei bambini di “casa nostra” li conosciamo bene. Sono desideri che hanno il futuro in sè, la sfrontata arroganza verso la vita che solo un bambino può avere, quella che fa iniziare le frasi con “io vorrei...”, quella che fa dire “da grande farò quello che mi piace fare”, “da grande sarò il miglior pasticcere del mondo”, “da grande farò il capostazione perché mi piacciono i treni”, “da grande sarò una scrittrice perché in italiano sono proprio brava”. Quante emozioni in un bambino che si immagina “grande” perché si immagina felice.
In questi giorni abbiamo visto video e foto di bambini morire “a casa loro”, nell’impotenza di soccorritori eroi che provavano l’impossibile per salvare le tessere del puzzle. Chissà se avevano anche quei bambini l'arroganza dei desideri, chissà se quelli che sono sopravvissuti pensano “da grande...”. Forse sì, forse il loro unico desiderio è “da grande vorrei essere vivo”.
Abbiamo tutti il dovere di non fare di un diritto un privilegio. Diventare grande per i bambini siriani è un privilegio. Restituiamo loro il diritto a desiderare, a vivere.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Domestikator, la polemica scultura al Centre Pompidou di Parigi

Domestikator, la polemica scultura al Centre Pompidou di Parigi

Roma, (askanews) - Dodici metri di altezza, una struttura che ricorda le costruzioni Lego o dei container, così grande che ci si può camminare dentro, ma a guardarla un po' più da lontano non sembrano esserci dubbi: la macroscultura "Domestikator", dell'artista olandese Joep Van Lieshout, evoca un gigantesco rapporto sessuale "a terga". L'opera è stata oggetto di un'accesa polemica a Parigi, dove ...

 
Tanti vip alla prima di "Un borghese piccolo piccolo" all'Eliseo

Tanti vip alla prima di "Un borghese piccolo piccolo" all'Eliseo

Roma, (askanews) - Per la prima di "Un borghese piccolo piccolo", tratto dal romanzo del 1976 di Vincenzo Cerami per la regia di Fabrizio Coniglio e le musiche di Nicola Piovani, con Massimo Dapporto protagonista, sono intervenuti in molti al Teatro Eliseo di Roma. Tra i vip Aisha Cerami, le attrici Paola Quattrini, Anna Kanakis, Maria Rosaria Omaggio, gli attori Giorgio Pasotti, Blas Roca Rey e ...

 
Digital Twin, una tecnologia strategica per le imprese del futuro

Digital Twin, una tecnologia strategica per le imprese del futuro

Modena (askanews) - Una tecnologia strategica, che nei prossimi anni si stima diventerà sempre più rilevante sullo scenario globale. Il Digital Twin, letteralmente il gemello digitale di un prodotto reale, è stato l'oggetto di un workshop tecnico che CNH Industrial ha organizzato al Museo Enzo Ferrari di Modena. A dare il benvenuto ai partecipanti Gennaro Monacelli, Design Analysis & Simulation ...

 
Renzi: su banche è successo di tutto, pagina nuova in Bankitalia

Renzi: su banche è successo di tutto, pagina nuova in Bankitalia

Roma, (askanews) - "Se qualcuno vuol raccontare agli italiani che in questi anni sul settore delle banche non è successo niente, quel qualcuno non sarò certo io. In questi anni nel settore delle banche è accaduto di tutto. È mancata evidentemente una vigilanza efficace". Lo ha detto il segretario del Pd Matteo Renzi, parlando a Recanati della questione Bankitalia, ribadendo che in via Nazionale ...

 
Elio e le storie tese si sciolgono

Musica

Elio e le storie tese si sciolgono

"Ci vuole l'intelligenza di capire di essere fuori dal tempo. Youtuber, rapper, influencer: queste sono le persone che parlano ai giovani oggi. Staremo insieme fino al 2017, ...

18.10.2017

Don Matteo, ecco quanto sono costate le riprese al Comune

Spoleto

Don Matteo, ecco quanto sono costate le riprese

E' ormai agli sgoccioli il secondo blocco di riprese dell’undicesima stagione di “Don Matteo”. La troupe della Lux Vide e il cast della fortunata fiction, che dovrebbe ...

07.10.2017

Colin Firth diventa italiano

Concessa la cittadinanza

Colin Firth diventa italiano

Colin Andrew Firth ha ottenuto la cittadinanza italiana. Lo rende noto il ministero dell'Interno. Il famoso attore, premio Oscar per il film "Il discorso del re", ha sposato ...

22.09.2017