Vietato dire non ce la faccio più

Altero, il regista sociale

17.10.2016 - 11:59

0

“Io l'Oscar della vita lo vinco tutti i giorni da quando lavoro in carcere”.
Altero sogna di fare l'attore sin da bambino. Una passione che ha sempre coltivato, non ha mai smesso di formarsi, frequentando il Piccolo Teatro di Siena, diplomandosi all'Istituto d'Arte perché "scultura e pittura insegnano il senso estetico da portare in scena" e poi la fuga a Roma nel teatro sperimentale, la Laurea in Storia del Teatro. “Mi sono laureato con una tesi su Jean Genet. Scoprì la scrittura in carcere e la scrittura in un certo senso lo liberó. Aver fatto la tesi proprio su un ex galeotto mi fa pensare che il lavoro in carcere era scritto nel mio destino”.
È il 27 gennaio del '95 quando Altero accetta di tenere un laboratorio teatrale in carcere. Si ricorda esattamente la data come si fa con gli anniversari importanti perché è da quel momento che la sua vita, la sua carriera cambiano.
“Lo ricordo come un'apnea. Quel primo giorno uscii come sospeso, come se quell'esperienza non mi riguardasse totalmente, poi ho iniziato a capire col tempo”:
Le storie di vita che ha incrociato Altero in questi quasi 22 anni di laboratorio teatrale con i detenuti sono tante. Alcune lo hanno toccato più di altre “mi ricordo di un uomo che poi scoprirono innocente. Aveva uno sguardo particolare, rassegnato, remissivo”.
E sono stati anni anche di scontri “un detenuto mi disse che il mio lavoro non poteva essere legato solo al teatro, reagii scegliendo "I cavalieri della tavola rotonda" da mettere in scena. Alla fine di quell'anno ottenni il permesso di portare fuori alcuni detenuti”.
Forse quello è stato il primo Oscar che Altero sente di aver vinto. Tant'è che due anni dopo nasce l'Associazione culturale Sobborghi, oggi Onlus. E di questi Oscar della vita Altero ne ha vinti tanti “una volta ho portato un ergastolano in permesso. Ricordo il suo stordimento, gli girava la testa. Il teatro fu la messa in atto di un permesso per uscire dalle sbarre”.
Chissà se l'Altero bambino che sognava lo spettacolo, si sarebbe immaginato un giorno a portare lo spettacolo tra coloro che sono colpevoli ma prima di tutto vittime di se stessi e dei propri errori “io ho capito proprio con loro che sono capace nel mio lavoro. Perché la sera, quando torno a casa, mi sento come il medico che ha salvato una vita e si dice: questo lavoro lo so fare”.
Altero ha fatto sua una frase che fu pronunciata in occasione della morte del grande Eduardo De Filippo “il teatro deve essere sociale altrimenti è un teatro fesso”:
È proprio utilizzando il teatro come strumento sociale che Altero Borghi è persino andato oltre i suoi sogni di bambino.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Thailandia, Elon Musk si scusa via Twitter con il soccorritore

Thailandia, Elon Musk si scusa via Twitter con il soccorritore

Washington, (askanews) - Elon Musk, ha postato un tweet in cui si scusa con lo speleologo britannico, Vernon Unsworth, che il patron di Tesla e Space X aveva definito "pedofilo". Il soccorritore britannico, che ha partecipato al salvataggio dei 12 ragazzi e del loro allenatore nella grotta in Thailandia, aveva bollato come una "trovata pubblicitaria" l'offerta di Musk di un mini-sottomarino per i ...

 
Usa, le fiamme minacciano il parco nazionale di Yosemite

Usa, le fiamme minacciano il parco nazionale di Yosemite

Roma, (askanews) - Un vasto incendio minaccia il Parco Nazionale di Yosemite, nel nord della California. Le fiamme hanno già distrutto oltre 50 chilometri quadrati di territorio e ucciso almeno una persona, un vigile del fuoco. In totale sono almeno 1.500 i pompieri al lavoro nella zona interessata dall'incendio, particolarmente violento perché alimentato da migliaia di piante morte per la ...

 
Altro

Ronaldo alla Juve, cambio di maglia 'al volo' per Fifa 19

Primo breve filmato su Instagram con Cristiano Ronaldo in maglia bianconera del trailer promozionale di Fifa 19, videogioco di calcio della EA Sports. L'arrivo del campione ha scombinato i piani degli sviluppatori che in corsa hanno dovuto modificare promo e locandine del videogames peraltro già in circolazione con Cr7, come sempre negli ultimi anni, con la maglia del Real Madrid. Ma il lavoro ...

 
Cronaca

Salviamo i boschi, al via campagna antincendio 2018

Con la flotta più grande del mondo, composta da canadair ed elicotteri, il corpo nazionale dei vigili del fuoco dà il via alla campagna antincendio boschiva 2018. Lo scorso anno in Italia si sono verificati 743 grandi incendi. Prevenirli piuttosto che affrontare l'emergenza è l'obiettivo di quest'anno

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018