Tiziana, bersaglio degli impotenti

Tiziana, bersaglio degli impotenti

19.09.2016 - 13:34

0

Capelli neri, 31 anni e occhi chiari. Questa era Tiziana. Una giovane donna di cui tutti hanno conosciuto l’intimità, su cui in troppi si sono permessi di esprimere giudizi e che nessuno però davvero conosceva. Nessuno si è chiesto chi fosse questa donna, quali progetti avesse per il futuro, se sognasse una famiglia con dei figli, un bel lavoro, quale fosse il suo colore preferito, se a scuola era stata più brava in matematica o in italiano, se si sentiva più a suo agio sui tacchi o nelle sneakers, se avesse qualche preferenza politica. Non sappiamo chi fosse. L’abbiamo tutti giudicata: chi come “facile” per usare una parola più elegante di quelle che siamo stati costretti a leggere e sentire, chi come “ingenua” perché due sono le colpe che le si imputano: aver vissuto la sessualità come voleva e essersi fidata, in un mondo in cui non ci possiamo più fidare di una persona con cui viviamo un'intimità, appunto qualcosa che deve restare “tra noi”. E si sa che da sempre esistono i galletti che si fanno belli con gli amici raccontando avventure sessuali, violando la privacy della donna con cui hanno condiviso qualcosa. Ma quelle conversazioni da bar, da spogliatoi di calcetto, con internet, con i social diventano le chiacchiere di una nazione intera che si arroga il diritto di giudicare, condividere. Perché se ci sono luoghi del mondo, che a noi sembrano tanto lontani per mentalità e che evidentemente non lo sono, in cui le donne vengono ancora lapidate quando adultere, quando ritenute "cattive donne", da noi invece di pietre si scagliano condivisioni sui social, "mi piace" e giudizi pesanti, acuminati come pietre. Io me la immagino Tiziana che esce di casa e viene insultata, che nel migliore dei casi viene osservata tra risolini e sguardi severi. E poi torna a casa e piange. Io me la immagino Tiziana, costretta ad andare via dal suo paese, dalla sua regione che magari amava tanto, mentre salutava il lungomare promettendosi che un giorno sarebbe tornata nella speranza che prima o poi si dimenticassero tutto. E me la immagino chiedere una nuova identità e sognare di ricominciare tutto daccapo. Una rinascita. Poi me la immagino anche mentre vede sui social un'altra cattiveria, si guarda davanti e non la vede una via d'uscita e allora prende il foulard che magari un tempo la faceva sentire carina, se lo lega intorno al collo e si toglie la vita. Uccisa dal giudizio della gente, dalla malignità, dal pettegolezzo. Non uccisa dalla sua libertà, né dalla sua ingenuità come qualcuno vorrebbe dire. Perché non si può continuare a pensare di vivere in difesa. Non si può insegnare alle ragazzine a non mettersi una minigonna “perché poi se la cercano”, si deve insegnare agli uomini a non stuprare. Non si può chiedere di non fidarsi di qualcuno con cui si va a letto, perché “poi chissà lui che racconta”, insegniamo a tutelare l’altro, che sia il compagno di una vita o di una notte. Non si può chiedere di essere sempre forte “perché non ci si toglie la vita per queste cose”, è un diritto essere fragili e questo non può significare diventare il caprio espiatorio per le frustrazioni di tutti. Perché in un mondo dove è fondamentale essere rispettabili, ma in cui i confini della rispettabilità non possono essere oggettivi, il rispetto invece ce lo siamo tutti un po’ dimenticati. E la mancanza di rispetto, lo abbiamo visto, è un’arma che può uccidere.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Thailandia, Elon Musk si scusa via Twitter con il soccorritore

Thailandia, Elon Musk si scusa via Twitter con il soccorritore

Washington, (askanews) - Elon Musk, ha postato un tweet in cui si scusa con lo speleologo britannico, Vernon Unsworth, che il patron di Tesla e Space X aveva definito "pedofilo". Il soccorritore britannico, che ha partecipato al salvataggio dei 12 ragazzi e del loro allenatore nella grotta in Thailandia, aveva bollato come una "trovata pubblicitaria" l'offerta di Musk di un mini-sottomarino per i ...

 
Usa, le fiamme minacciano il parco nazionale di Yosemite

Usa, le fiamme minacciano il parco nazionale di Yosemite

Roma, (askanews) - Un vasto incendio minaccia il Parco Nazionale di Yosemite, nel nord della California. Le fiamme hanno già distrutto oltre 50 chilometri quadrati di territorio e ucciso almeno una persona, un vigile del fuoco. In totale sono almeno 1.500 i pompieri al lavoro nella zona interessata dall'incendio, particolarmente violento perché alimentato da migliaia di piante morte per la ...

 
Altro

Ronaldo alla Juve, cambio di maglia 'al volo' per Fifa 19

Primo breve filmato su Instagram con Cristiano Ronaldo in maglia bianconera del trailer promozionale di Fifa 19, videogioco di calcio della EA Sports. L'arrivo del campione ha scombinato i piani degli sviluppatori che in corsa hanno dovuto modificare promo e locandine del videogames peraltro già in circolazione con Cr7, come sempre negli ultimi anni, con la maglia del Real Madrid. Ma il lavoro ...

 
Cronaca

Salviamo i boschi, al via campagna antincendio 2018

Con la flotta più grande del mondo, composta da canadair ed elicotteri, il corpo nazionale dei vigili del fuoco dà il via alla campagna antincendio boschiva 2018. Lo scorso anno in Italia si sono verificati 743 grandi incendi. Prevenirli piuttosto che affrontare l'emergenza è l'obiettivo di quest'anno

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018