Vietato dire non ce la faccio più

Diversi non vuol dire inferiori

19.07.2016 - 10:33

0

Dsa, un acronimo che sta per Disturbo Specifico dell’Apprendimento e che si sente nominare ogni giorno di più. Oggi c’è maggiore consapevolezza grazie a adeguati strumenti diagnostici e a supporti che rendono queste difficoltà superabili. Francesco è la prova che tali disturbi non solo sono superabili, non solo si può avere un rendimento scolastico nella norma. È possibile anche eccellere. Francesco ha diciannove anni, è dislessico e disortografico.
Lo scopre quando frequenta le scuole elementari, le lettere si accavallano, si confondono, leggere è un'impresa, scrivere anche. Le gambine delle “a” non vengono bene, le fanno sembrare “o”. Le parole si sovrappongono, sfumano. “Le maestre si arrabbiavano. Pensavano che fossi un bambino pigro, così mi punivano, mi isolavano dal resto della classe. La fortuna è che i miei di me si sono sempre fidati, sapevano che non ero svogliato e quindi venne loro il dubbio che ci fosse qualcosa che non andava”.
È così che quando Francesco ha 7 anni, entra nella sua vita una persona a cui sente di dovere moltissimo. Ogni traguardo che oggi riesce a raggiungere lo deve soprattutto a lei: la sua logopedista. Molte cose che lo caratterizzano sono dovute al percorso fatto insieme. Con lei si è avvicinato al mondo dell'enigmistica, così si è appassionato alla risoluzione di problemi. “Mi ha incoraggiato tantissimo, anche se nonostante una diagnosi alcune maestre continuavano a non capire. Consapevole di avere un Dsa, chiedevo alla maestra di ripetere e lei mi rispondeva cose del tipo: Paganini non ripete”. Ma Francesco si rivela sin da subito un bambino cosciente delle proprie difficoltà e pieno di voglia di capire "facevo domande, cercavo spiegazioni. La cosa che mi ha incoraggiato è stata scoprire che anche personaggi come Leonardo da Vinci probabilmente erano dislessici. Così mentre la maggior parte dei miei coetanei aveva come modello qualche calciatore, io avevo Da Vinci”.
Sceglie poi il Liceo delle Scienze Applicate. “Qua tutti gli insegnanti mi hanno sempre riconosciuto i diritti che mi spettano per legge: strumenti ausiliari come il computer o più tempo per concludere i compiti in classe. Mai nessun privilegio. Non mi sono mai sentito come quello che va aiutato perché dislessico”. Avere un Dsa è una caratteristica come altre, non si può negare di averla, ma neanche farne un paracadute. Studiare gli piace e gli riesce. Si è diplomato a luglio con 100/100. Un risultato per cui sente di dover ringraziare in particolare la madre “in tante situazioni di stress in cui avrei preferito mollare, lei mi ha spinto col suo fare allegro e un po’ da ‘sagoma’ ad andare avanti. E poi la mia logopedista Monica. Ecco perché mi sento di dire a chi crede di avere un Dsa di rivolgersi immediatamente a un professionista che possa fornire le giuste armi per affrontare questa battaglia. Di non vergognarsi mai perché è una cosa che può dar fastidio, ma ci rende diversi, non inferiori”. Francesco sfata così quel luogo comune per cui se un bambino con Dsa riesce “a cavarsela” a scuola già è un traguardo. Lui è la prova che si può eccellere. Si sta preparando per la prova di ammissione alla celebre Università Sant’Anna di Pisa perché vuole diventare ingegnere. “Una volta che ho capito come gestire il mio Dsa, che è una specie di cavallo pazzo, ho capito anche che avrei potuto andare persino più lontano di chi aveva semplici cavalli addestrati”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo (askanews) - Alle 16.58 del 19 luglio 2018, orario della strage di Via D'Amelio a Palermo, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e i 5 agenti della sua scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, è stato celebrato un minuto di silenzio, interrotto soltanto dalle note di un giovane trombettiere e lo scandire dei nomi delle ...

 
Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Perugia, (askanews) - Il fumo causa ogni anno nel mondo oltre 7 mln di vittime, tra le 70 e le 83mila in Italia, ma il numero totale di fumatori resta stabile. In Italia sono 12,2 milioni (il 23,3 % della popolazione) e l'Umbria risulta la regione con la percentuale più alta di fumatori adulti (31%). Alla luce di questo l'industria ha deciso di puntare con decisione alla riduzione del danno ...

 
Antartide, Greenpeace: 4 diversi ecosistemi marini vulnerabili

Antartide, Greenpeace: 4 diversi ecosistemi marini vulnerabili

Milano (askanews) - Le ricerche effettuate nel gennaio 2018 con un sottomarino, durante la spedizione di Greenpeace in Oceano Antartico, hanno permesso di identificare quattro diversi Ecosistemi Marini Vulnerabili (EMV). Si tratta di aree che, secondo i ricercatori internazionali, devono essere tutelate con misure di protezione speciale. La ricerca è stata condotta da Susanne Lockhart, dell ...

 
Cinema, "Il primo uomo" aprirà la 75esima Mostra di Venezia

Cinema, "Il primo uomo" aprirà la 75esima Mostra di Venezia

Venezia (askanews) - Proprio alla vigilia del 49esimo anniversario del primo atterraggio dell'uomo sulla Luna, con la missione Apollo 11 della Nasa, del 20 luglio 1969, da Venezia arriva la notizia che il 29 agosto sarà "Il primo uomo", film Universal diretto da Damien Chazelle e interpretato da Ryan Gosling, Jason Clarke e Claire Foy, ad aprire il concorso della 75esima Mostra Internazionale d' ...

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018