Le ali di Monica

Le ali di Monica

06.06.2016 - 15:59

0

Quando a 7 anni i tuoi genitori ti dicono che sei adottata non è che ci capisci tanto. L'unica cosa che avevo chiara è che non ero stata nella pancia della mia mamma". Monica ricorda se stessa come una bambina felice, amata "anche un po' viziata", piena di giocattoli e vestiti: "Non chiesi mai più nulla di quella cosa, non mi interessava. Mi è interessato anni dopo". Arriva l'adolescenza e quella bambina calma e pacata si trasforma in una ragazza arrabbiata e in collera col mondo: "I miei non erano contenti di me. E io non lo ero di loro. Anzi non ero contenta e basta" .La bambina sempre brava a scuola peggiora nel rendimento scolastico al Liceo. "In seconda superiore bocciai." È in quest'occasione che anni di silenzi diventano urla "i miei mi misero seduta sul divano, rimproverandomi, fissando nuove regole: potevo scordarmi le vacanze, meno Tv, meno uscite. Potevo uscire per andare a ripetizione e a pianoforte. Sbottai" Monica descrive quegli attimi come dolorosi, ma anche liberatori ed è in quel momento che la rabbia di anni di non detto emerge con violenza "tra urla e lacrime dissi: voi non mi volete bene perché io non sono figlia vostra, sono solo una delusione". Un argomento mai più toccato emerge nel peggiore dei modi, sconvolgendo anche i genitori stessi. Monica inizia per la prima volta, o forse per la prima volta con consapevolezza, a chiedersi quali siano le sue radici, come sia la madre naturale, lei così esile e con una mamma adottiva così formosa, "quell'estate cambiarono molte cose, i miei per la prima volta capirono la mia sofferenza e finalmente mi fecero smettere pianoforte che odiavo e potei iscrivermi a chitarra". Negli anni a seguire Monica continua a chiedersi da dove venga e perché i genitori naturali non l'abbiano voluta "in questi casi ti fai tanti film, passavo dall'essere arrabbiata a trovare mille giustificazioni. La mia vita però è andata avanti." Dopo il diploma combatte nuovamente con i genitori che vogliono farle fare l'Università, ma capiscono e assecondano il suo sogno di diventare estetista. "Il problema dell'adozione è di nuovo emerso quando il mio compagno ha iniziato a dirmi che voleva un figlio. Non gli avevo mai raccontato la mia storia, in quel momento ho sentito di farlo e ho avuto voglia di ricercare mia madre. Ci vogliono ali e radici". Inizia l'iter per la ricerca delle origini che non è mai facile e mai breve "l'ho trovata. Lei ha accettato di vedermi. Il primo incontro è avvenuto davanti a un giudice. Mi aspettavo di trovare una donna esile come me. Invece anche lei è formosa come l'altra mamma" , sorride Monica. "Le ho chiesto perché mi avesse abbandonata e la risposta è stata che era sola e disperata. Poi mi ha detto che anche lei avrebbe voluto fare l'estetista. Mi piace pensare che è una passione che ho preso da lei. Ci teniamo in contatto e ogni tanto la vedo, ma la mia mamma sarà sempre l'altra, nel bene e nel male" . Monica oggi può spiccare il volo, guardare davanti a sè perché ha avuto il coraggio e la forza di cercare le sue radici.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Boeri: "Di Maio perde contatto con la crosta terrestre"

Boeri: "Di Maio perde contatto con la crosta terrestre"

(Agenzia Vista) Roma, 19 luglio 2018 Boeri Di Maio ha perso contatto con la crosta terrestre L'audizione alla Camera dei Deputati del presidente dell'Inps Tito Boeri. / fonte webtv Camera Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo (askanews) - Alle 16.58 del 19 luglio 2018, orario della strage di Via D'Amelio a Palermo, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e i 5 agenti della sua scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, è stato celebrato un minuto di silenzio, interrotto soltanto dalle note di un giovane trombettiere e lo scandire dei nomi delle ...

 
Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Perugia, (askanews) - Il fumo causa ogni anno nel mondo oltre 7 mln di vittime, tra le 70 e le 83mila in Italia, ma il numero totale di fumatori resta stabile. In Italia sono 12,2 milioni (il 23,3 % della popolazione) e l'Umbria risulta la regione con la percentuale più alta di fumatori adulti (31%). Alla luce di questo l'industria ha deciso di puntare con decisione alla riduzione del danno ...

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018