La favola di Brio, dalla caduta alla rinascita

Siena

La favola di Brio, dalla caduta alla rinascita

18.08.2014 - 12:43

0

Era il mese di novembre scorso quando Andrea Mari a bordo di un go kart dimostrò che l’incubo era finito. A quattro mesi dalla caduta, in cui rimase coinvolto nel Palio di Provenzano e in cui riportò la frattura del bacino, fu palese sotto gli occhi di tutti che costanza e convinzione unite a ottime cure e un’adeguata riabilitazione avevano risolto quello che in un primo momento poteva apparire un incidente invalidante.
Era il primo “palio dei go kart” organizzato da Franco Masoni con Legatumori, in cui si sfidavano fantini e dirigenti. Andrea Mari arrivò alla pista di Casetta insieme all’ortopedico che di questa ripresa è l’artefice, colui che l’ha operato e lo ha seguito nel percorso di recupero, Edoardo Crainz. In quella circostanza Brio e suo medico raccontarono come è nato il loro legame che ora, dopo tante sofferenze, passa anche da una profonda amicizia.
“Io ho messo sei viti nei posti giusti, lui ha fatto il resto - le parole di Crainz -. La sua tenacia e la sua voglia di tornare a cavallo sono stati quel valore aggiunto che serve per superare i grandi ostacoli, anche quelli fisici. Andrea ha impiegato la metà del tempo di qualsiasi altro paziente per tornare in piedi, e questo si deve molto al suo carattere”. Andrea Mari scese in pista senza esitazione durante la manifestazione a Casetta: “Nessuna esitazione, mi sentivo di partecipare e di gareggiare sui go kart, sto bene, ho solo messo un cuscino sul sedile per attutire i colpi e un corpetto, ma mi sento in gran forma, ho fatto bene a venire - disse allora Brio - Ora si riprende l’allenamento serio in vista del Palio, insomma via mi sono rimesso in pari con gli altri, diversamente da loro ho saltato le ferie. Ma non tutto il male vien per nuocere, questa esperienza mi ha reso più attento alle cose, più riflessivo. Poco eh!! Non pensate che il Mari non sia più il Mari, ma quel tanto che basta forse per diventare grande”. E il Mari in effetti è sempre il Mari, lo ha dimostrato in Piazza il 16 agosto, con quella stessa determinazione che lo portò a gareggiare nei go kart ad appena 4 mesi dall’intervento, certo di aver superato i postumi di quella rovinosa caduta, dopo aver sfiorato la vittoria con il giubbetto della Lupa. Durante la convalescenza Mari fu accompagnato l’affetto di tante persone e lui non lo ha mai dimenticato: “Certamente tantissima gente mi ha dimostrato un affetto incredibile, anche questa forza mi ha aiutato ad uscire dalla mia condizione iniziale. Pensa che il reparto dove ero ricoverato lo volevano transennare per quanta gente c’era, non posso dimenticarlo”.
Con la quarta vittoria della sua carriera in piazza del Campo Andrea ha sgombrato l’amarezza di tanti mesi di duro lavoro riabilitativo, più brioso che mai.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Bindi: preoccupante l'uso della violenza in campagna elettorale

Bindi: preoccupante l'uso della violenza in campagna elettorale

Roma, (askanews) - "E' preoccupante lo sdoganamento dell'uso della violenza che sta avvenendo in campagna elettorale, che fa tornare i mostri del passato sulla scena odierna: la mafia può permettersi di non sparare perchè anche la società parla un linguaggio violento". Lo ha detto la presidente della Commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, durante la presentazione della Relazione finale ...

 
Lombardi: il 2 marzo in piazza con Di Maio e mi auguro Grillo

Lombardi: il 2 marzo in piazza con Di Maio e mi auguro Grillo

Roma, (askanews) - Roberta Lombardi sarà sul palco di piazza del Popolo il prossimo 2 marzo per la chiusura della campagna elettorale del Movimento 5 Stelle insieme a Luigi Di Maio e Beppe Grillo. Lo dice intervistata da Askanews. "Certo, sarò in piazza del Popolo", spiega. Alla domanda sulla presenza di Grillo la candidata M5s alla presidenza della Regione Lazio risponde: "Mi auguro proprio di ...

 
Il veliero Hermione salpa dalla Francia, fa rotta verso l'Africa

Il veliero Hermione salpa dalla Francia, fa rotta verso l'Africa

La Rochèlle (askanews) - Il veliero Hermione ha ripreso il largo. La replica dello storico tre alberi, che nel 1780 partì dalla Francia con a bordo il generale Lafayette per sostenere la causa degli indipendentisti dei futuri Stati Uniti d'America, ha lasciato il porto di la Rochelle, in Francia. Il veliero è diretto a Tangeri, in Marocco, prima tappa di un viaggio di quattro mesi e mezzo ...

 
Cisgiordania, Israele installa le case nelle nuove colonie

Cisgiordania, Israele installa le case nelle nuove colonie

Gerusalemme (askanews) - Israele ha iniziato a installare le prime abitazioni in un nuovo insediamento in Cisgiordania, il primo dopo 25 anni. I camion sono arrivati nel sito che si chiamerà Amichai, dove sono state posate le prime case prefabbricate, una decina. Nel giro di un mese, qui, dovrebbero installarsi una quarantina di famiglie israeliane evacuate dal sito illegale di Amona.

 
Premio Chigiana sbarca a New York

Siena

Premio Chigiana sbarca a New York

Il Premio Chigiana sbarca a New York, dove tiene la prima sessione di audizioni internazionali dell’edizione 2018, dedicata alla nuova generazione di cantanti lirici, in ...

17.02.2018

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Siena

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Stava per iniziare l'esibizione di un gruppo senese quando, sabato sera, dieci agenti si sono presentati nel bar Cacio e Pere, hanno passato al setaccio la documentazione ed ...

11.02.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018