La favola di Brio, dalla caduta alla rinascita

Siena

La favola di Brio, dalla caduta alla rinascita

18.08.2014 - 12:43

0

Era il mese di novembre scorso quando Andrea Mari a bordo di un go kart dimostrò che l’incubo era finito. A quattro mesi dalla caduta, in cui rimase coinvolto nel Palio di Provenzano e in cui riportò la frattura del bacino, fu palese sotto gli occhi di tutti che costanza e convinzione unite a ottime cure e un’adeguata riabilitazione avevano risolto quello che in un primo momento poteva apparire un incidente invalidante.
Era il primo “palio dei go kart” organizzato da Franco Masoni con Legatumori, in cui si sfidavano fantini e dirigenti. Andrea Mari arrivò alla pista di Casetta insieme all’ortopedico che di questa ripresa è l’artefice, colui che l’ha operato e lo ha seguito nel percorso di recupero, Edoardo Crainz. In quella circostanza Brio e suo medico raccontarono come è nato il loro legame che ora, dopo tante sofferenze, passa anche da una profonda amicizia.
“Io ho messo sei viti nei posti giusti, lui ha fatto il resto - le parole di Crainz -. La sua tenacia e la sua voglia di tornare a cavallo sono stati quel valore aggiunto che serve per superare i grandi ostacoli, anche quelli fisici. Andrea ha impiegato la metà del tempo di qualsiasi altro paziente per tornare in piedi, e questo si deve molto al suo carattere”. Andrea Mari scese in pista senza esitazione durante la manifestazione a Casetta: “Nessuna esitazione, mi sentivo di partecipare e di gareggiare sui go kart, sto bene, ho solo messo un cuscino sul sedile per attutire i colpi e un corpetto, ma mi sento in gran forma, ho fatto bene a venire - disse allora Brio - Ora si riprende l’allenamento serio in vista del Palio, insomma via mi sono rimesso in pari con gli altri, diversamente da loro ho saltato le ferie. Ma non tutto il male vien per nuocere, questa esperienza mi ha reso più attento alle cose, più riflessivo. Poco eh!! Non pensate che il Mari non sia più il Mari, ma quel tanto che basta forse per diventare grande”. E il Mari in effetti è sempre il Mari, lo ha dimostrato in Piazza il 16 agosto, con quella stessa determinazione che lo portò a gareggiare nei go kart ad appena 4 mesi dall’intervento, certo di aver superato i postumi di quella rovinosa caduta, dopo aver sfiorato la vittoria con il giubbetto della Lupa. Durante la convalescenza Mari fu accompagnato l’affetto di tante persone e lui non lo ha mai dimenticato: “Certamente tantissima gente mi ha dimostrato un affetto incredibile, anche questa forza mi ha aiutato ad uscire dalla mia condizione iniziale. Pensa che il reparto dove ero ricoverato lo volevano transennare per quanta gente c’era, non posso dimenticarlo”.
Con la quarta vittoria della sua carriera in piazza del Campo Andrea ha sgombrato l’amarezza di tanti mesi di duro lavoro riabilitativo, più brioso che mai.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Il card. Parolin incontra Putin a Sochi

Il card. Parolin incontra Putin a Sochi

Sochi, (askanews) - Stretta di man calorosa e incontro a Sochi, nella residenza estiva del presidente russo, tra il segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin e il leader del Cremlino, Vladimir Putin. "Grazie per l'invito - ha detto Parolin a Putin - che mi è stato rivolto da lei e dalle autorità di questo Paese e grazie anche per l'accoglienza e la possibilità di incontrarci in ...

 
Scoperto a Gerusalemme un mosaico bizantino unico del VI secolo

Scoperto a Gerusalemme un mosaico bizantino unico del VI secolo

Roma, (askanews) - Un mosaico bizantino del sesto secolo che porta inciso il nome dell'imperatore Giustiniano e quello di un abate: è la rara scoperta di un gruppo di archeologi israeliani nella città vecchia di Gerusalemme. Come spiega David Gellman, direttore degli scavi: "Eravamo molto vicini agli scavi quando ho notato che alcune tessere invece che bianche, erano posizionate ad angolo diverso ...

 
Il terremoto? Costa più della prevenzione, ecco le cifre

Il terremoto? Costa più della prevenzione, ecco le cifre

Roma, (askanews) - Il terremoto costa più della prevenzione: ecco le cifre. L'Italia è divisa in 4 zone sismiche La 1 e la 2 sono considerate ad alto rischio; in queste zone, oltre il 56% degli edifici sono pre-1970 e sono stati quindi costruiti senza alcuna tecnica antisismica. Solo il 5% degli edifici è stato costruito dopo il 2000, con tecniche moderne e norme restrittive. Nella sola zona 1 ...

 
Rooney dice addio alla nazionale inglese: "E' stato emozionante"

Rooney dice addio alla nazionale inglese: "E' stato emozionante"

Roma, (askanews) - I sogni possono diventare realtà e giocare per l'Inghilterra lo è stato. Grazie a tutti, è stato emozionante. Dopo 119 presenze e 53 gol, Wayne Rooney dice addio alla Nazionale inglese per dedicarsi solamente all'Everton, nonostante il ct della nazionale inglese Gareth Southgate avesse annunciato che avrebbe richiamato Rooney. Trentuno anni, capitano e primatista di reti con la ...

 
Eletta la più bella dell'Umbria

La reginetta

Eletta la più bella dell'Umbria

Monica Bartolucci, 24 anni, barista di Trestina, è Miss Umbria 2017. Ma cominciamo quasi dalla fine. Quando, cioè, da cinque finaliste la giuria riduce a due (Monica ...

22.08.2017

il gabibbo striscia la notizia

"STRISCIA LA NOTIZIA" IN LUTTO

E' morto il Gabibbo: Gero Cardarelli stroncato da un male incurabile

E' morto Gero Cardarelli, che per 27 anni è stato la vera anima del Gabibbo. Gero era infatti l'uomo che animava, da dentro, il celebre pupazzo rosso di "Striscia la notizia"....

20.08.2017

Jerry Lewis

Jerry Lewis

LUTTO NEL MONDO DELLO SPETTACOLO

E' morto Jerry Lewis, genio della comicità

È morto a Las Vegas, a 91 anni, l’attore statunitense Jerry Lewis, considerato dalla critica uno dei comici più celebri dello spettacolo Usa. Lo ha riportato alle 19.55 (ora ...

20.08.2017