"Troppi alberi lungo le strade, sono un pericolo"

Siena

"Troppi alberi lungo le strade, sono un pericolo"

06.08.2014 - 14:39

3

“Intervengo sulle notizie di cronaca in merito alle cadute di rami e alberi e, in particolare, alla recente chiusura della strada di Montalbuccio causata appunto dalla caduta di un albero, probabilmente favorita dalle condizioni metereologiche avverse di questi giorni”. E’ un nostro lettore a segnalare e a mettere in evidenza quelli che potrebbero essere i pericoli legati alla presenza di alberi lungo i margini della strada.
“Queste circostanze - ci spiega - inducono ad una più generale riflessione sul problema del pericolo che deriva alla circolazione stradale ed agli utenti dalla presenza di piante ai margini delle strade.
Vi sono strade nel comprensorio comunale (e non solo in esso) nelle cui scarpate vi sono grossi alberi i cui rami invadono la carreggiata. Cito, ad esempio, un tratto della Strada dei Cappuccini ricompreso tra il civico 66 e 68, oppure la strada del Colombaio nel tratto tra l'abitato di San Miniato e la strada delle Tolfe. In questi casi il pericolo appare concreto soprattutto in caso di eventi atmosferici intensi quali pioggie, vento e, soprattutto, nevicate. Su questo generale problema il Ministero delle Infrastrutture - direzione generale per la sicurezza della circolazione stradale - scriveva nel dicembre 2012 alla Federazione nazionale pro natura affermando che, considerate le definizioni di cui all'articolo 3 del Codice della Strada, quando i rami sporgono oltre il confine della strada ed invadono la carreggiata "si avrebbe,in questo caso, un atto che crea pericolo per la circolazione, sanzionato dall'articolo15 del nuovo codice". Poichè il confine della strada è identificato "nel piede della strada se la strada è in rilevato o dal ciglio superiore della scarpata se la strada è in trincea" (Cons.di Stato Sez. I^ 15/6/2011), gli alberi che si trovano lì collocati fanno parte del demanio stradale ed appartengono, quindi, agli enti proprietari delle stesse strade.
Da ciò discenderebbe l’ovvia conclusione che il soggetto sanzionato dovrebbe essere il proprietario della strada”.
Con questa segnalazione il nostro lettore porta all’attenzione una situazione di potenziale pericolo alla quale forse chi di dovere dovrebbe pensare prima che ogni tipo di intervento sia ormai tardivo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ulivinico

    17 Agosto 2014 - 10:10

    Ormai siamo anche all'assurdo del pericolo degli alberi!!! E segnali stradali allora? Un mio amico è morto per aver sbattuto su un segnale stradale al bivio per Radi, sulla Cassia. Se non ci fosse stato quel paletto, sarebbe ancora vivo. Vogliamo togliere i segnali stradali allora? O è sufficiente viaggiare a una velocità di sicurezza in base alla strada? Noto un peggioramento crescente della cultura delle persone, veramente preoccupante. Sugli alberi consiglio questa lettura "Altrove sono patrimonio comune e cultura storica, da noi legna da ardere o ostacoli per gli integralisti del cemento": http://www.murlocultura.com/old_site/MurloCultura_1_2011/MurloCultura_1_2011_pag4.html

    Report

    Rispondi

  • macedonico

    08 Agosto 2014 - 11:11

    No al taglio, sì alla potatura degli alberi. Sì alla manutenzione delle fossette e delle scarpate, sì alla ripulitura degli alvei di fiumi e torrenti, sì alla sorveglianza degli argini, ma tant'è, la voce del cittadino è quella di colui che grida nel deserto. Una volta c'erano gli stradini: che fine hanno fatto? La Provincia che ci sta a fare? E i consorzi di bonifica?

    Report

    Rispondi

  • fede1208

    07 Agosto 2014 - 16:04

    sì, dai, tagliamo tutti gli alberi, per la nostra sicurezza!!! così, quando non ci saranno più le radici a tenere la terra, invece dei rami, cadranno sul signore in questione, tonnellate di fango!!! o il signore in questione si sdraierà lui sulle scarpate, per trattenere il fango??? Di alberi ce ne sono rimasti anche troppo pochi in giro... è la cementificazione selvaggia, come forse vorrebbe lei, a causare le frane, perché non c'è abbastanza terreno libero che assorba le piogge! ma forse questo è troppo difficile da capire... federica

    Report

    Rispondi

Più letti oggi

Mediagallery

Anna Frank con la maglia della Roma, tifosi laziali accusati di antisemitismo
Il caso

Anna Frank con la maglia della Roma, tifosi laziali accusati di antisemitismo

Adesivi di Anna Frank con la maglia della Roma e scritte contro gli ebrei in curva sud all'Olimpico. La procura della Federcalcio ha aperto un'inchiesta sul comportamento antisemita di alcuni tifosi della Lazio che durante la sfida contro il Cagliari avevano riempito il settore dello stadio normalmente occupato dagli ultrà romanisti dopo la squalifica della Nord. Gli adesivi sono stati rimossi in ...

 
Pd, Orlando: con Mdp partiamo dal bicchiere mezzo pieno

Pd, Orlando: con Mdp partiamo dal bicchiere mezzo pieno

Genova, (askanews) - "So che non si cancellano facilmente mesi di polemiche e vedo anche elementi di strumentalità e contraddittorietà nella posizione di Mdp, però se si vogliono fare dei passi avanti bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno. Il bicchiere mezzo pieno ieri è stata l'apertura di Speranza e il fatto che Renzi ha detto 'discutiamo'. Partiamo da questo bicchiere mezzo pieno". Lo ha ...

 
Sex scandal e Hollywood nella bufera: ora tocca a James Toback

Sex scandal e Hollywood nella bufera: ora tocca a James Toback

Los Angeles (askanews) - Hollywood sempre più nella bufera. Dopo lo scandalo che ha coinvolto l'ormai ex produttore Harvey Weinstein a seguito dei racconti di molte attrici sulle molestie sessuali e i presunti stupri compiuti dal mogul cinematografico, ora tocca al 72enne sceneggiatore e regista statunitense James Toback. Trentotto donne lo hanno accusato, secondo quanto riferisce il "Los Angeles ...

 
Le immagini inedite del Wwf: a rischio il leopardo delle nevi

Le immagini inedite del Wwf: a rischio il leopardo delle nevi

Roma, (askanews) - Il cambiamento climatico rappresenta un grave rischio per il leopardo delle nevi, ma altre minacce arrivano dal degrado dell'habitat, dai conflitti con le popolazioni locali e dal bracconaggio che alimenta il traffico illegale. Ricerche recenti indicano che circa un quarto dell'habitat di questi animali potrebbe scomparire entro il 2070 se non verrà posto un freno al ...

 
"Anche io ho subito delle avances"

La rivelazione dell'attrice Isabelle Adriani

"Anche io ho subito delle avances"

Nel Corriere dell'Umbria di oggi, 19 ottobre, riportiamo le rivelazioni  di Isabelle Adriani, nome d’arte di Federica Federici, attrice, scrittrice, giornalista perugina di ...

19.10.2017

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017