Da Francoforte a Siena con i rollerblade

Siena

Da Francoforte a Siena con i rollerblade

L'impresa di Reid Pletcher, specialista americano della combinata nordica, arrivato in piazza del Campo

23.03.2014 - 17:22

0

Cadere e ripartire. E' questa l'essenza dello sport, il modo con cui tutti i grandi campioni si sono forgiati dalle avversità. E' quello che è successo anche a Reid Pletcher, specialista americano della combinata nordica che ha dovuto dire addio al suo sogno olimpico quando un trauma cerebrale lo ha fermato a soli cinque giorni dall'inizio dei campionati nazionali valevoli per la qualificazione a Sochi.Pletcher non si è perso d'animo, una volta guarito ha comunque raggiunto il villaggio olimpico in qualità di accompagnatore di un atleta non vedente in occasione delle paraolimpiadi e poi nel viaggio di ritorno si è fermato a Francoforte con un'idea folle che gli ronzava nella testa: partire in direzione di Siena viaggiando coi suoi amati rollerblade, i pattini a rotelle che lo avrebbero dovuto portare dalla città tedesca fino a Piazza del Campo. Un'avventura incredibile che Reid ha portato a compimento proprio ieri quando è arrivato in città, spossato da un lungo viaggio carico di intemperie che è durato sei giorni.

Reid sei davvero riuscito a percorrere gli oltre mille chilometri che separano Francoforte da Siena sui pattini?

"Ho fatto il massimo possibile, purtroppo a volte la pavimentazione stradale mi ha impedito di continuare coi roller, non si prestava ai pattini ed era impossibile portarli lì. Alla fine penso di aver fatto almeno metà tragitto sui pattini, sicuramente più di 400 miglia".

Oltre alle strade quali sono stati i principali problemi che hai dovuto affrontare?

"Soprattutto la navigazione, non è stato facile direzionarsi; più che altro perché magari a un certo punto le piste ciclabili s'interrompevano di colpo e quindi dovevo studiare un nuovo percorso alternativo".

Come mai hai scelto proprio Siena come tua destinazione?

"Ero già stato a Siena un anno fa ed è una città bellissima, inoltre qui ho molti amici e avevo bisogno di un po' di relax assieme a loro, di fare una vacanza".Una vacanza sicuramente particolare, almeno per il modo in cui si è presentato in città, ma da un atleta professionista del genere c'è da aspettarsi questo e altro.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Minniti: rafforzare sicurezza in luoghi di grande affluenza

Minniti: rafforzare sicurezza in luoghi di grande affluenza

Roma, (askanews) - Dopo gli attentati in Spagna, anche se l'attenzione rimane altissima, il livello della minaccia non cambia per l'Italia. Però il ministro dell'Interno Marco Minniti ha richiesto il rafforzamento sul territorio italiano delle misure di sicurezza a protezione degli obiettivi più a rischio, nonché verso i luoghi che registrano particolare affluenza e aggregazione di persone. ...

 
Barcellona, la guida Longobardi: tour in centro sarebbe macabro

Barcellona, la guida Longobardi: tour in centro sarebbe macabro

Barcellona, (askanews) - A Daniela Longobardi, guida turistica italiana che vive a Barcellona, abbiamo chiesto se l'attacco nella capitale catalana abbia delle implicazioni per il turismo, ma forse anche sulla città in sé come modello di città per il futuro? "Sì, io credo che in parte potrebbe avere dei riflessi sul turismo. In parte è ancora presto per vedere l'esplosione della bolla turistica, ...

 
Attacco Barcellona, chi sono le due vittime italiane

Attacco Barcellona, chi sono le due vittime italiane

Milano (askanews) - Sono due le vittime italiane dell'attacco a Barcellona. Si tratta di Bruno Gulotta di Legnano, alle porte di Milano, e di Luca Russo, di Bassano del Grappa. Entrambi sono stati investiti dal furgone lanciato a velocità sostenuta sulla Rambla, la principale via della città catalana, una folle corsa che ha fatto 13 vittime accertate e decine di feriti. Gulotta, 35 anni, si ...

 
Le lacrime di Charlize Theron: fermare per sempre l'Aids

Le lacrime di Charlize Theron: fermare per sempre l'Aids

Johannesburg (askanews) - "Ci penso tutti i giorni". Le lacrime di Charlize Theron sono per le vittime dell'Aids. L'attrice che da tempo è in prima linea nella lotta contro la diffusione di questa terribile malattia è in Sud Africa per lanciare il progetto per riuscire a creare una generazione di persone libere dal virus ponendosi anche l'obiettivo di debellare la malattia entro il 2030. Nel ...

 
Daniel Craig sarà ancora 007

Cinema

Daniel Craig sarà ancora 007

Daniel Craig ha confermato che sarà nuovamente 007 nel 25esimo film della saga di James Bond. Ma sarà la sua ultima volta nel ruolo dell’agente segreto più famoso al mondo. ...

16.08.2017

Luara Freddi sarà mamma a 45 anni

Gossip

Luara Freddi sarà mamma a 45 anni

Laura Freddi sarà mamma all'età di 45 anni. Lo rivela il settimanale 'Chi', che nel numero in edicola da oggi pubblica le immagini della showgirl in dolce attesa. La diretta ...

16.08.2017

Malore per Pupo, ricoverato a Grosseto. Tour sospeso

Arezzo

Malore per Pupo, ricoverato a Grosseto. Tour sospeso

Pupo ha accusato un malore nella notte tra sabato 5 agosto e domenica 6 dopo un concerto a Castiglione della Pescaia ed è stato accompagnato all'ospedale Misericordia di ...

07.08.2017