Filippo Antonelli nuovo presidente Consorzio Tutela Vini Montefalco

Filippo Antonelli nuovo presidente Consorzio Tutela Vini Montefalco

12.07.2018 - 16:16

0

Perugia, 12 lug. (Labitalia) - Filippo Antonelli, 58 anni, è il nuovo presidente del Consorzio Tutela Vini Montefalco. Alla guida dell’azienda Antonelli San Marco dal 1986, nel suo terzo mandato fra i vertici consortili sarà affiancato dal vicepresidente Peter Robert Heilbron, dell’azienda Tenuta Bellafonte. Il neopresidente succede nella massima carica consortile, per il prossimo triennio 2018-2021, ad Amilcare Pambuffetti rimasto ai vertici per 6 anni. Al suo fianco i consiglieri Paolo Bartoloni, Corrado Dal Piaz, Antonio Donato, Liù Pambuffetti, Giampaolo Farchioni, Alessandro Mariani, Alessandro Meniconi, Giusy Moretti e Giampaolo Tabarrini.

“Il nuovo corso della denominazione sarà all’insegna della continuità. Ho guidato il Consorzio nella seconda metà degli anni Novanta, quando si accendevano i riflettori su questo vitigno. Il mio sforzo sarà quello di raccontarne, a venticinque anni di distanza, la maturità, l’eleganza frutto della sua evoluzione insieme alla consapevolezza raggiunta dal territorio e dai vigneti”, dichiara Filippo Antonelli. La denominazione Montefalco ha raggiunto una superficie totale di circa 1.200 ettari (Montefalco Doc circa 430 ettari; Montefalco Sagrantino Docg circa 750 ettari) che abbracciano l'intero territorio del Comune di Montefalco e parte dei territori di Bevagna, Gualdo Cattaneo, Castel Ritaldi e Giano dell'Umbria.

Riunisce 231 soci di cui 60 cantine e costituisce il 16,7% della produzione di vino in Umbria (6,3% di Montefalco Sagrantino Docg e 10,4% di Montefalco Doc) per un totale di oltre 3 milioni di bottiglie. Dopo cinque secoli di storia e 26 anni da Docg, il Sagrantino ha condotto la denominazione lungo un graduale percorso di crescita e arricchimento. “Montefalco non è più solo sinonimo di rossi, la produzione si è aperta a bianchi di grande qualità come il Grechetto e il Trebbiano Spoletino, entrato nell’uvaggio del Montefalco Bianco in sostituzione di quello toscano”, conclude Antonelli.

L’azienda agricola Antonelli San Marco si estende per 170 ettari, in unico corpo, in località San Marco, nel comune di Montefalco (Perugia), proprio nel cuore della denominazione 'Montefalco'. La cantina di vinificazione è al centro dell’azienda: una cantina moderna, ampliata di recente con una sala di fermentazione sotterranea su due livelli, che consente la vinificazione e la svinatura per gravità, cioè senza l’uso di pompe che danneggerebbero l’integrità delle bucce. Anche la bottaia e il locale per l’affinamento in bottiglia sono stati realizzati sotto il livello del terreno per garantire ai vini una temperatura sempre costante.

Mediamente l’azienda Antonelli San Marco produce 2.300 ettolitri di vino l’anno, per un totale di 300mila bottiglie, di cui 50mila circa di Montefalco Sagrantino Docg. Seguire dalla vite alla bottiglia un percorso di ricerca e miglioramento continuo è la regola della cantina Antonelli San Marco. Lo stile enologico di Filippo Antonelli si riassume nei concetti di tipicità, equilibrio, bevibilità ed eleganza dei vini, frutto di un attento lavoro in vigna, di estrazioni delicate e di uso moderato di legno medio-grande. Uno stile che lo ha condotto nel 2012 alla prima vendemmia biologica certificata da Valore Italia e alla conversione graduale degli oliveti (10 ettari) e dei vigneti (50 ettari) della tenuta, nella convinzione di ottenere uve più buone e più sane grazie a una produzione condotta nel modo più naturale possibile, senza l'uso di sostanze chimiche.

Filippo Antonelli è titolare anche di un'altra cantina, a 25 km da Roma, all'interno del Castello di Torre in Pietra, che ospita - a ridosso della collina di tufo - anche l’Osteria dell’Elefante, guidata dallo chef Marco Di Luca. Le vigne, anche qui tutte coltivate secondo i dettami dell’agricoltura biologica, ricadono nell’ambito della Doc Roma, per una produzione complessiva di vino di circa 200 mila bottiglie l’anno.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Boeri: "Di Maio perde contatto con la crosta terrestre"

Boeri: "Di Maio perde contatto con la crosta terrestre"

(Agenzia Vista) Roma, 19 luglio 2018 Boeri Di Maio ha perso contatto con la crosta terrestre L'audizione alla Camera dei Deputati del presidente dell'Inps Tito Boeri. / fonte webtv Camera Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo (askanews) - Alle 16.58 del 19 luglio 2018, orario della strage di Via D'Amelio a Palermo, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e i 5 agenti della sua scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, è stato celebrato un minuto di silenzio, interrotto soltanto dalle note di un giovane trombettiere e lo scandire dei nomi delle ...

 
Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Perugia, (askanews) - Il fumo causa ogni anno nel mondo oltre 7 mln di vittime, tra le 70 e le 83mila in Italia, ma il numero totale di fumatori resta stabile. In Italia sono 12,2 milioni (il 23,3 % della popolazione) e l'Umbria risulta la regione con la percentuale più alta di fumatori adulti (31%). Alla luce di questo l'industria ha deciso di puntare con decisione alla riduzione del danno ...

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018