Papa Francesco scaccia i mercanti dal tempio, come Gesù

Papa Francesco scaccia i mercanti dal tempio, come Gesù

09.11.2014 - 14:43

0

Singolare è che il vangelo di Giovanni di questa domenica (Gv 2,12-22) usi la definizione Pasqua dei Giudei.
Sembra prendere le distanze dalla festa ebraica più importante. Sembra addirittura che traspaia dell’imbarazzo da parte di Giovanni, che esprime quasi certamente l'opinione del suo Maestro Gesù.
La Pasqua attirava moltissimi pellegrini a Gerusalemme e significava un groppo ricavato economico per chi organizzava la festa in città. Ecco perché Gesù trova nel Tempio i mercanti.
La cosa grave era che i sacerdoti erano d'accordo nel concedere ai venditori di svolgere il loro mestiere in luogo sacro. Gesù reagisce alla vista dei mercanti in modo violento: “fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!”.
Bisogna riflettere su questo gesto.
Ancora oggi la Chiesa si macchia di questo peccato. Il denaro è un dio più potente del Dio cristiano, a volte. Ma Papa Francesco ha dato un segnale diverso.
Proprio in questi giorni il pontefice ha chiesto alla Sacra Rota di lavorare gratuitamente per dirimere le controversie matrimoniali.
E’ un messaggio positivo per i fedeli ed è un esempio che andrebbe emulato. Purtroppo, è difficile estirpare il seme cattivo. Tutti noi ragioniamo per profitto e agiamo a scopo di lucro.
Continuando a leggere il vangelo, Gesù disse ai Giudei: “Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere”. Gli dissero allora i Giudei: questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?. Ma egli parlava del tempio del suo corpo”.
Nello stesso istante in cui Gesù moriva sulla croce avvenne che “il velo del tempio si squarciò nel mezzo” (Lc 23, 45).
Nell’Antico Testamento era necessario che l’uomo incontrasse Dio in un tempio predisposto. Con la morte di Cristo, tutta l'umanità può accedere all’Onnipotente senza bisogno di strutture costruite da mani di uomo. E’ Cristo dunque il nuovo tempio. Egli è altresì la pietra fondamentale sulla quale poggia l’intera compagine dei fedeli, anch’essi pietre vive.
*con la collaborazione di Andrea Grippo

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018

Festa del cane, di razza e anche meticcio

Asciano

Festa del cane, di razza e anche meticcio

Una festa per grandi e bambini e per tutti i loro amici a quattro zampe. E’ la Festa del Cane in programma ad Asciano domenica 3 giugno (ore 9 – Zona sportiva Sant’Anna, ...

01.06.2018