Le notizie in... differenti

L'America nera di Suburbicon

06.12.2017 - 16:15

0

Suburbicon è un'idilliaca cittadina americana alla fine degli anni Cinquanta. Un pacifico reggimento di villette a schiera, Suburbicon custodisce famiglie felici e spensierate, amore, frugoletti, decoro, pratini pettinati. Ma l’apparenza non deve ingannare. Basta che nel paradiso arrivi una famiglia nera per mandare in cortocircuito i benpensanti e basta entrare in una delle casette per capire che i buoni sentimenti nascondono ipocrisie, violenza, raggiri, crudeltà a non finire.
Suburbicon è un film diretto da George Clooney ed è tratto da un vecchio copione dei fratelli Cohen, sulfurei osservatori dello spirito americano. Una favola nerissima che, a dispetto delle date, parla dell’attualità e delle sue maschere terribili.
Senza generalizzare, ci pare non solo un metafora, ma un laboratorio da cui guardare l’America e quello che vi sta succedendo. A cominciare da un’altra Casa, quella in cui risiede il Presidente degli Stati Uniti, che da quasi un anno si chiama Donald Trump. Ora, a Donald si possono fare tutti gli appunti che si vogliono, ma non si può dire che sia un uomo che non mantiene le promesse. Aveva annunciato di voler chiudere le frontiere agli indesiderati che minacciano la quiete degli inquilini di quelle casette a schiera, delle farm disperse nel ventre degli Usa e dei sobborghi degradati dove si raccolgono gli espulsi da quello che avrebbe dovuto essere l’American Dream? Bene, dopo una lunga procedura, la Corte Suprema ha sancito che può entrare in vigore il Muslim Ban, il divieto d’ingresso per i cittadini di sei paesi a maggioranza musulmana. Mancano ancora alcuni adempimenti, ma il muro promesso comincia ad essere tirato su. Non solo, il Presidente, tanto per gettare acqua sul fuoco che rischia di divampare nel Medio Oriente, ha fatto un altro annuncio: il possibile spostamento dell’ambasciata americana in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme, ciò che implicherebbe un riconoscimento di fatto della capitale del paese.
Una decisione che rischia di alzare ancor più un livello di tensione di per sé già altissimo. Vero è che, nella sua Casa, Donald procede imperterrito, senza mezze misure e secondo un principio brutale di efficienza che al detto fa seguire il fatto.
Così, il paradiso si chiude su se stesso, a protezione della sua ricchezza minacciata, innalza barriere verso l’esterno e divide il mondo fra i buoni e cattivi da tenere lontani e, nel caso alzassero le pretese, distruggere. Non basta, perché nel Paese in cui la Vita e lo Spettacolo si intrecciano in modo indissolubile e la finzione diventa più vera della realtà, si è aperta un’altra crepa.
Ricorderete lo scandalo legato a Harvey Weinstein, il satiro bulimico di Hollywood, ebbene l’ondata di sdegno si è abbattuta sui perversi del sistema e ha trangugiato anche il protagonista di House of Cards, Kevin Spacey. Sull’attore si è riversato un fiume di rivelazioni - tutte a scoppio ritardato secondo un costume non certo lodevole - che lo accusando molestie, abusi e festini disonorevoli. E allora ecco la produzione della serie che decide di sloggiarlo dalla Casa Bianca, non sarà più il Presidente Frank Underwood e lascerà il campo alla moglie Claire/Robin Wright. Insomma, è un’America doppiamente nuda quella che stiamo vedendo. Un’America che dietro al quadretto pastello manifesta la logica della forza e del più forte. E, insieme, un’America che toglie il velo dell’ipocrisia e colpisce i reprobi. Due facce diverse, ma su entrambe le quali si allunga il rischio del leaderismo tracimante e della maggioranza silenziosa che prevarica e crea un nuovo, minaccioso, conformismo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo (askanews) - Alle 16.58 del 19 luglio 2018, orario della strage di Via D'Amelio a Palermo, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e i 5 agenti della sua scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, è stato celebrato un minuto di silenzio, interrotto soltanto dalle note di un giovane trombettiere e lo scandire dei nomi delle ...

 
Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Perugia, (askanews) - Il fumo causa ogni anno nel mondo oltre 7 mln di vittime, tra le 70 e le 83mila in Italia, ma il numero totale di fumatori resta stabile. In Italia sono 12,2 milioni (il 23,3 % della popolazione) e l'Umbria risulta la regione con la percentuale più alta di fumatori adulti (31%). Alla luce di questo l'industria ha deciso di puntare con decisione alla riduzione del danno ...

 
Antartide, Greenpeace: 4 diversi ecosistemi marini vulnerabili

Antartide, Greenpeace: 4 diversi ecosistemi marini vulnerabili

Milano (askanews) - Le ricerche effettuate nel gennaio 2018 con un sottomarino, durante la spedizione di Greenpeace in Oceano Antartico, hanno permesso di identificare quattro diversi Ecosistemi Marini Vulnerabili (EMV). Si tratta di aree che, secondo i ricercatori internazionali, devono essere tutelate con misure di protezione speciale. La ricerca è stata condotta da Susanne Lockhart, dell ...

 
Cinema, "Il primo uomo" aprirà la 75esima Mostra di Venezia

Cinema, "Il primo uomo" aprirà la 75esima Mostra di Venezia

Venezia (askanews) - Proprio alla vigilia del 49esimo anniversario del primo atterraggio dell'uomo sulla Luna, con la missione Apollo 11 della Nasa, del 20 luglio 1969, da Venezia arriva la notizia che il 29 agosto sarà "Il primo uomo", film Universal diretto da Damien Chazelle e interpretato da Ryan Gosling, Jason Clarke e Claire Foy, ad aprire il concorso della 75esima Mostra Internazionale d' ...

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018