Il Campidoglio e le sue oche

Il pallone avveniristico di Neymar

02.08.2017 - 13:29

0

Si chiama clausola rescissoria. Nel linguaggio che rimanda a quello del diritto, indica la possibilità che un atleta rescinda il contratto che lo lega a una società a condizione che venga pagata una cifra per indennizzare chi ne detiene la proprietà. La clausola in linea di principio dovrebbe tutelare il diritto dell’atleta a svincolarsi da una condizione contrattuale e societaria non più soddisfacente. Fin qui potrebbe sembrare solo una norma di garanzia, ma il quadro cambia se si guarda alla cifra dell'indennizzo.
E’ diventata un’abitudine, infatti, aumentarla quanto più possibile, un po’ per disincentivare offerte altrui nei confronti dell'atleta, un po’ per assicurare in caso di svincolo un congruo risarcimento alla società che perde un suo asset.
Bene, questa cifra adesso è arrivata ai 222 milioni di Neymar da Silva Santos Junior.
Neymar ha compiuto venticinque anni, da quattro gioca nel Barcellona, talento, classe, velocità, dribbling, inventore di calcio, nel mondo come lui ce ne sono pochi, Messi, Ronaldo, la stella emergente - ma ancora tutta da verificare - di Mbappé.
Per lui si sprecano i paragoni con O Rey, Pelé, considerato il maximus che abbia calcato i campi del calcio, al punto che i tifosi lo appellano con un O Ney che sa di sfida al trono assoluto.
Insomma, uno dei pochissimi che possono fare la differenza e decidere del risultato di una partita con un colpo imprevedibile rispetto al quale non c'è difesa che tenga.
Succede che il fenomeno, sotto contratto con il Barcellona fino al 2021, entri nei desideri del Paris Saint Germain e che forse lui stesso abbia voglia di cambiare aria, ed ecco entrare in gioco la clausola rescissoria, fissata appunto a 222 milioni di euro. Che sono solo la parte emergente di un iceberg che arriva a quasi seicento milioni se si considerano i trecento del nuovo contratto e i quaranta destinati al padre, in un'operazione che mescola elargizioni secondo codice familistico e show-business al quadrato.
Il calcio è ormai lo spettacolo globale e il cast è la risorsa fondamentale per conquistarsi un ruolo da protagonista su un palcoscenico che non è fatto solo degli stadi, ma delle televisioni e di un marketing/merchandising dai confini ancora inesplorati.
La Uefa oppone a questo calcio no-limits la diga di un fair play finanziario, una sorta di codice che dovrebbe calmierare gli eccessi e garantire il rispetto di una regola comune. Ma per capire quanto le cose siano ormai oltre i paletti, basterà solo ricordare che non sarà il PSG a pagare e a che al suo posto interverrà il fondo che gestisce gli investimenti sportivi del Qatar, disponibile a sborsare 300 milioni per fare di Neymar il testimonial dei Mondiali in programma nel 2022.
Tutto lascia pensare, dunque, che la clausola sarà rescissa e che la logica di uno spettacolo che ormai incrocia economia e politica seguirà il suo corso.
Un altro capitolo, adeguato alla metamorfosi del mondo di cui parla Ulrich Beck, il calcio come un affare in cui gli investimenti sono una parte strutturale di una bolla finanziaria che non teme di esplodere, e come dispositivo trasversale e metapolitico che confina nella preistoria naif il panem et circenses del Circo Massimo e del Colosseo.
Neymar non è solo e non è un eccesso, una tangente impazzita.
Fa parte dei simulacri del nostro tempo, come il terrorista e il migrante, reali e immateriali, corpi mediatici da esibire, immagini universalmente affascinanti di una sostanza che attraverso loro si riproduce, cambia e ci governa.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Boeri: "Di Maio perde contatto con la crosta terrestre"

Boeri: "Di Maio perde contatto con la crosta terrestre"

(Agenzia Vista) Roma, 19 luglio 2018 Boeri Di Maio ha perso contatto con la crosta terrestre L'audizione alla Camera dei Deputati del presidente dell'Inps Tito Boeri. / fonte webtv Camera Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo (askanews) - Alle 16.58 del 19 luglio 2018, orario della strage di Via D'Amelio a Palermo, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e i 5 agenti della sua scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, è stato celebrato un minuto di silenzio, interrotto soltanto dalle note di un giovane trombettiere e lo scandire dei nomi delle ...

 
Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Perugia, (askanews) - Il fumo causa ogni anno nel mondo oltre 7 mln di vittime, tra le 70 e le 83mila in Italia, ma il numero totale di fumatori resta stabile. In Italia sono 12,2 milioni (il 23,3 % della popolazione) e l'Umbria risulta la regione con la percentuale più alta di fumatori adulti (31%). Alla luce di questo l'industria ha deciso di puntare con decisione alla riduzione del danno ...

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018