I tanti 25 aprile

I tanti 25 aprile

26.04.2017 - 15:23

0

Il 25 aprile non riesce ad essere la festa di tutti. Di tutti coloro che vivono nella Penisola accomunati dal fatto di riconoscersi nelle istituzioni democratiche e nella Costituzione. Uniti dal semplice fatto che, se avessero vinto gli altri, la nostra storia sarebbe stata diversa.
Il che non vuol dire, lo sottolineo subito, tirare su barriere frontali e non riconoscere il valore di chi combatté da una parte e dall'altra, di chi credette nelle idee per cui rischiava la morte, salvo appunto lasciare lì, inciso in quella data, il significato di quella soglia indiscutibile da cui comincia una nuova storia. Quella che consente a tutti di scendere in piazza e di manifestare le proprie idee, di urlare contro il governo, che magari se lo merita, di sputare sulla tav, di rivendicare una casa, di chiedere una scuola diversa da quella dei decreti, di ricordare le percentuali a due cifre della disoccupazione e ancor più di quella giovanile, di schierarsi per l'aborto, di esaltare la famiglia, di protestare contro l'Unione Europea e contro l'euro.. e via dicendo, magari prendendosela con la Polizia e, qualche, volta andando oltre con le spranghe e i candelotti. Ma è il gioco della democrazia, l'unico sistema, in attesa di altri, che consente di essere partecipi del destino comune, pur nella differenza che può essere sostanziale e radicale delle posizione. Dopo, per il momento, ci sono la guerra civile o il totalitarismo.
Questa è la differenza che sta al fondo del 25 aprile.
Certo, la democrazia è in crisi, più spesso è un valore formale che sostanziale, i cittadini si interrogano se valga la pena andare a votare a fronte di un sistema politico avvizzito su se stesso e vacuamente rissoso, di partiti sclerotizzati che non riescono a ritrovare vitalità e di movimenti nuovi che vorrebbero introdurre una cesura brutale, ma che nei comportamenti, nelle scelte, lasciano più di una volta perplessi, anche quando pongono il tema della democrazia diretta, che non è solo una formula e che forse non basta un algoritmo a tradurre in una modalità di formazione del consenso e, dunque, di governo.
La democrazia la sentiamo lontana, quasi non ce ne accorgiamo più, presi fra le istituzioni europee, foriere di tributi vessatori e di imposizioni burocratiche, e il guazzabuglio di un presente che porta a reagire con la rabbia di chi si sente ai margini, con la rassegnazione di chi non vede speranze, con la porta sbarrata a fronte delle invasioni real-mediatiche da cui ci sentiamo assediati, dell'eco tremendo delle esplosioni che arriva da tante parti e che, da un momento all'altro, potrebbero sconvolgere anche il nostro panorama.
Ci rinchiudiamo nel "particulare" che già allarmava Guicciardini qualche secolo fa, cediamo all'individualismo privatistico, alla clientela che dovrebbe essere rassicurante e non funziona più, e sempre più non crediamo nella forza della rappresentanza, nel valore della mediazione.
Abbiamo celebrato ieri tanti 25 aprile, quello dell'Anpi, l'Associazione dei Partigiani, quello della Brigata Israeliana, quello dei centri sociali, quello del Presidente Mattarella che ha ricordato il valore dell'unità, della memoria che sa liberarsi dell'odio, della rivolta morale contro l'autoritarismo.
Può essere un segno di vitalità e, cioè, del fatto che questa data non venga vissuta ritualmente, ma continui ad attivare passioni e sentimenti.
Può anche essere, nello stesso tempo, il segno di divisioni e lacerazioni che dal passato si proiettano sul nostro futuro e di un'incapacità di aggiornare i valori di quel giorno alla complessità diveniente, e per certi versi drammatica, dell'attualità.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Thailandia, Elon Musk si scusa via Twitter con il soccorritore

Thailandia, Elon Musk si scusa via Twitter con il soccorritore

Washington, (askanews) - Elon Musk, ha postato un tweet in cui si scusa con lo speleologo britannico, Vernon Unsworth, che il patron di Tesla e Space X aveva definito "pedofilo". Il soccorritore britannico, che ha partecipato al salvataggio dei 12 ragazzi e del loro allenatore nella grotta in Thailandia, aveva bollato come una "trovata pubblicitaria" l'offerta di Musk di un mini-sottomarino per i ...

 
Usa, le fiamme minacciano il parco nazionale di Yosemite

Usa, le fiamme minacciano il parco nazionale di Yosemite

Roma, (askanews) - Un vasto incendio minaccia il Parco Nazionale di Yosemite, nel nord della California. Le fiamme hanno già distrutto oltre 50 chilometri quadrati di territorio e ucciso almeno una persona, un vigile del fuoco. In totale sono almeno 1.500 i pompieri al lavoro nella zona interessata dall'incendio, particolarmente violento perché alimentato da migliaia di piante morte per la ...

 
Altro

Ronaldo alla Juve, cambio di maglia 'al volo' per Fifa 19

Primo breve filmato su Instagram con Cristiano Ronaldo in maglia bianconera del trailer promozionale di Fifa 19, videogioco di calcio della EA Sports. L'arrivo del campione ha scombinato i piani degli sviluppatori che in corsa hanno dovuto modificare promo e locandine del videogames peraltro già in circolazione con Cr7, come sempre negli ultimi anni, con la maglia del Real Madrid. Ma il lavoro ...

 
Cronaca

Salviamo i boschi, al via campagna antincendio 2018

Con la flotta più grande del mondo, composta da canadair ed elicotteri, il corpo nazionale dei vigili del fuoco dà il via alla campagna antincendio boschiva 2018. Lo scorso anno in Italia si sono verificati 743 grandi incendi. Prevenirli piuttosto che affrontare l'emergenza è l'obiettivo di quest'anno

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018