Rosso e mezzaluna sulla porta di Brandeburgo

Rosso e mezzaluna sulla porta di Brandeburgo

04.01.2017 - 11:44

0

La Porta di Brandeburgo colorata di rosso e sul frontone una mezzaluna e una stella bianca. Berlino nell'inizio dell'anno si veste con la bandiera della Turchia e ricorda quello che è accaduto a Istanbul.
Quella Porta non è un accesso qualunque, è la storica, monumentale, Porta che fu eretta alla fine del Settecento nelle forme che venivano dalla Grecia classica ed è diventata nel tempo un segno della capitale della Germania. Quando, con la costruzione del Muro, durante gli anni della divisione della città fra l'Est e l'Ovest, il suo profilo venne inglobato in quella frattura che sanciva il tempo della Guerra Fredda, la Porta chiusa e inaccessibile diventò il simbolo di un dramma e di una speranza. I colori della bandiera turca su quelle colonne ci dicono quanto il mondo sia cambiato e quanto, però, la Porta non cessi di irradiare il patrimonio e il valore che la costituiscono.
La Germania è stabilmente unita ed ha accolto nel dopoguerra milioni e milioni di turchi, la cancelliera Merkel ha aperto le frontiere ai migranti come solo poteva fare la leader di un Paese troppo a lungo scisso e spaccato, e ha ribadito una disposizione all'accoglienza più forte delle congiunture elettorali e delle tentazioni populistiche. Della Guerra Fredda semmai ritornano echi nelle nuove controversie che agitano il triangolo Putin-Trump-Obama e ci riportano alla grande questione - impensabile negli anni della Cold War - degli equilibri tra Europa e Oriente, e di quell'area composita che dal Mediterraneo giunge all'Iran e all'Iraq. Un nuovo scenario geopolitico in cui si giocano il presente e il futuro.
La Porta questo ci ricorda. Quel rosso stabilisce immediatamente un contatto e un richiamo, tra il camion che irrompe sul mercatino natalizio di Berlino e il terrorista che fa strage nel Reina Club di Istanbul nella notte di Capodanno. Berlino chiama Istanbul, come a dire che siamo nella stessa storia e che, se tante, tantissime cose ci dividono e lacerano i rapporti, qualcosa ci unisce ed è, deve essere, più forte di tutte le divisioni, le incomprensioni e le contrapposizioni: il terrorismo che vuole farci regredire, che vorrebbe radicalizzare i nostri istinti alla reazione e alla chiusura, il terrorismo che vorrebbe distruggere la quotidianità e i suoi luoghi, i luoghi della festa, della gioia, dell'incontro, del dono, dello scambio, del dialogo. Nella sua efferatezza sanguinaria anche il terrore si porta dietro un carico simbolico - e ne è perfettamente cosciente - simmetrico e opposto a quello su cui esercita la sua pulsione alla morte. Per questo spara nel mucchio, uccide tutti e nessuno, uomini e donne, giovani, vecchi e bambini. Proclama il verbo della vendetta e della lotta santa, colpevolizza la nostra responsabilità storica di occidentali, croce e politica di potenza, lancia camion sulla folla e massacra la gente. Ovunque.
Forse, bisognerebbe distinguere, tra questi invasati dell'odio, disponibili a tutto, e in questo caso anche a fuggire subito dopo l'impresa, e il contesto che - consapevoli o meno che ne siano - mette subito una bandierina su quello che hanno fatto e li riporta in questa guerra che tutto massimalizza e estremizza. E' una guerra doppia, ambigua e sfuggente, si combatte sui campi di battaglia, in modi altrettanto ambigui e purtroppo trasversali, e al tempo stesso nella nostra testa, presa in mezzo fra la paura, il terrore, la complicità, le colpe, l'orrore, i valori di una civiltà, con il paradosso di doverli difendere consapevoli della crisi che li colpisce.
Non è facile, forse è impossibile, ma intanto guardiamo il rosso e il bianco della bandiera turca sulla Porta di Brandeburgo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Thailandia, Elon Musk si scusa via Twitter con il soccorritore

Thailandia, Elon Musk si scusa via Twitter con il soccorritore

Washington, (askanews) - Elon Musk, ha postato un tweet in cui si scusa con lo speleologo britannico, Vernon Unsworth, che il patron di Tesla e Space X aveva definito "pedofilo". Il soccorritore britannico, che ha partecipato al salvataggio dei 12 ragazzi e del loro allenatore nella grotta in Thailandia, aveva bollato come una "trovata pubblicitaria" l'offerta di Musk di un mini-sottomarino per i ...

 
Usa, le fiamme minacciano il parco nazionale di Yosemite

Usa, le fiamme minacciano il parco nazionale di Yosemite

Roma, (askanews) - Un vasto incendio minaccia il Parco Nazionale di Yosemite, nel nord della California. Le fiamme hanno già distrutto oltre 50 chilometri quadrati di territorio e ucciso almeno una persona, un vigile del fuoco. In totale sono almeno 1.500 i pompieri al lavoro nella zona interessata dall'incendio, particolarmente violento perché alimentato da migliaia di piante morte per la ...

 
Altro

Ronaldo alla Juve, cambio di maglia 'al volo' per Fifa 19

Primo breve filmato su Instagram con Cristiano Ronaldo in maglia bianconera del trailer promozionale di Fifa 19, videogioco di calcio della EA Sports. L'arrivo del campione ha scombinato i piani degli sviluppatori che in corsa hanno dovuto modificare promo e locandine del videogames peraltro già in circolazione con Cr7, come sempre negli ultimi anni, con la maglia del Real Madrid. Ma il lavoro ...

 
Cronaca

Salviamo i boschi, al via campagna antincendio 2018

Con la flotta più grande del mondo, composta da canadair ed elicotteri, il corpo nazionale dei vigili del fuoco dà il via alla campagna antincendio boschiva 2018. Lo scorso anno in Italia si sono verificati 743 grandi incendi. Prevenirli piuttosto che affrontare l'emergenza è l'obiettivo di quest'anno

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018