Mini Countryman SE, cuore ibrido e tanti muscoli

Foto di Stefano Principi

LA PROVA DI GUIDA

Mini Countryman SE, cuore ibrido e tanti muscoli

26.05.2018 - 12:54

0

Immaginate di avere un’automobile che funziona come un telefonino. La sera inserite la spina nella presa della 220 del vostro garage e fate il pieno di energia elettrica. La mattina staccate il cavo e partite.Se il vostro posto di lavoro non è troppo distante da casa, potete arrivarci senza consumare un solo goccio di benzina. Non è un film di fantascienza, ma realtà, grazie alla Countryman Cooper SE All4, il piccolo suv ibrido plug in dall’accento inglese di casa Mini, “un passo vicino al futuro”, come strilla la pubblicità. Forse è ancora presto per dire se è davvero questa la nuova frontiera che ci aspetta, di certo c’è che la Countryman SE (casamadre Bmw) è un vero gioiellino di tecnologia e di stile che regala anche belle soddisfazioni dal punto di vista delle prestazioni.

Abbiamo messo alla prova la Cooper per una giornata intera, passando dallo stress dei nostri centri storici alla libertà delle belle strade tra il lago Trasimeno e la Valdorcia e dobbiamo ammettere che nel momento di restituire le chiavi alla A.D. Motor di Perugia (che ha messo a disposizione l’autovettura) abbiamo avuto più di un pizzico di dispiacere.
Certo, per portarcela a casa avremmo dovuto staccare un assegno intorno ai 50mila euro (considerato il livello degli accessori dell’automobile in prova), cifra non indifferente e uno dei pochi aspetti non esaltanti.

La SE dispone di due motori. Quello termico, che spinge le ruote anteriori, è un grande classico Mini: il 1500 turbo a benzina da 136 cavalli. Il secondo, elettrico, comanda la trazione posteriore, può contare su una batteria da 7.6 kwh alloggiata sotto il divano posteriore e sviluppa 88 cavalli. L’auto è a trazione integrale (permanente) e con cambio automatico a sei marce. Se la batteria è carica, pigiando il tasto start, è proprio il motore elettrico ad avviarsi e a spingere inizialmente la Mini che intorno ai 70 chilometri orari si affida poi al propulsore a benzina. Tutto ciò nella modalità “guida ibrida”, perché si può anche optare per il “totalmente elettrico” oppure scegliere direttamente il motore termico e quindi viaggiare a benzina. Quest’aspetto rende più complessa una valutazione sui consumi.

Diciamo subito che secondo la casa in modalità max-edrive (solo elettrico) si possono percorrere poco più di 40 chilometri. In realtà nella nostra prova, con una guida brillante e su un percorso misto, non siamo andati oltre i 32. Lasciando gestire i motori dalla centralina elettronica i consumi si attestano intorno ai 20 chilometri per litro, se invece si rimane a corto di energia elettrica e occorre optare solo per il carburante, ecco che si scivola a 12 e mezzo circa. In definitiva, prendendo in esame soltanto il paragrafo consumi, l’acquisto ha senso se si ha a disposizione un box per la ricarica (notturna o diurna che sia) e se non si percorrono grandi distanze.


Dal punto di vista delle prestazioni la Countryman non delude. Fa registrare un più che accettabile 6’’ e 9 nello 0-100 km/h e notevole è la ripresa: 70-120 in 6’’ e 6. Ottima la capacità di trazione perché il sistema è pronto nell’attivare - al bisogno - la spinta posteriore. Preciso e molto diretto lo sterzo. L’affascinante go kart feeling non è lo stesso di una Cooper classica (del resto le dimensioni della Countryman sono ben diverse, 4.30 di lunghezza e 1.55 di altezza), ma il piacere di guida resta immutato, persino nel leggero fuoristrada. C’è poi l’inimitabile stile Mini.

Interni curatissimi e molto gradevoli, plastiche morbide e non fastidiose al tatto, leve modello aereo e decine di optional con luci e controluci che permettono di personalizzare la vettura sotto ogni punto di vista. Difficili da discutere anche le dotazioni tecnologiche, a partire da quelle dell’assistenza alla guida, anche se molte si pagano a parte e non a buon mercato. Il costo dell’auto, dicevamo, è il primo aspetto che fa riflettere e anche arricciare un po’ il naso.

Si parte da un prezzo di listino intorno ai 40mila euro (prima della “classica” trattativa), ma arricchendo un pochino la vettura si fa presto a salire e a toccare i 50. Non è poco, del resto chi si avvicina a un’auto di questo spessore difficilmente si aspetta di risparmiare in fattura. Spostandoci sui contenuti tecnici, ci aspettavamo qualcosina di meglio dall’impianto frenante, forse non in linea con il livello complessivo della macchina. Bisogna inoltre fare i conti con le nostre strade, spesso disastrate, che si coniugano pessimamente con l’assetto semisportivo della Mini, da sempre più rigida delle altre auto.

Già detto dei consumi “solo benzina”, bisogna tener presente che la batteria del secondo motore impedisce lo scorrimento del divano posteriore e costringe a rinunciare ad uno pezzettino di portabagagli. Infine serbatoio ridotto a 36 litri. Insomma qualche compromesso da accettare c’è, ma intanto il primo importante passo verso il futuro la Countryman l’ha compiuto e se non si perderà per strada nei modelli che seguiranno e negli aggiornamenti, sarà davvero un bel viaggiare.

Giuseppe Silvestri

Instagram: giussil

Twitter: @Giussilver

Servizio fotografico di Stefano Principi (Instagram: stefanoprincipi)

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
Nigeria, attacco di Boko Haram in un villaggio: almeno 5 morti

Nigeria, attacco di Boko Haram in un villaggio: almeno 5 morti

Tunhushe (askanews) - Almeno cinque persone sono state uccise e sei ferite in un attacco lanciato da militanti del gruppo jihadista Boko Haram contro Tunhushe, un villaggio del nordest della Nigeria, solo 6 km a nord di Maiduguri, capitale dello stato di Borno, roccaforte storica di Boko Haram. Un kamikaze si è fatto esplodere vicino a un gruppo di residenti che domiva all'aria aperta. Poi i ...

 
Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018

Festa del cane, di razza e anche meticcio

Asciano

Festa del cane, di razza e anche meticcio

Una festa per grandi e bambini e per tutti i loro amici a quattro zampe. E’ la Festa del Cane in programma ad Asciano domenica 3 giugno (ore 9 – Zona sportiva Sant’Anna, ...

01.06.2018