La grande illusione di Tangentopoli

Anna Mossuto

23.03.2017 - 15:38

0

Ogni anniversario serve a celebrare un evento ma anche a rileggere con il senno del poi quanto accaduto e soprattutto a valutarne gli effetti. E' il caso di Mani Pulite, la stagione del tintinnio delle manette, delle migliaia di indagati, di qualche suicidio eccellente, e di quella gigantesca spinta a estirpare la corruzione.
E' passato un quarto di secolo. Di questi tempi nel 1992 si apriva una pagina che portò a minare le fondamenta della Prima Repubblica cambiando il verso della storia d'Italia. In quei giorni si pensava che finalmente un sistema si stesse sgretolando, che una classe dirigente venisse spazzata via con tutti gli affari e i malaffari.
Un sentimento di speranza e un vento di cambiamento pervadevano il Paese dal nord al sud, la stragrande maggioranza dell'opinione pubblica si era schierata dalla parte delle procure e osannava il lavoro dei magistrati. L’Italia pareva spaccata in due, da una parte i delinquenti, dall'altra gli onesti. E quindi una caccia alle streghe o meglio ai politici che grazie al finanziamento pubblico ai partiti avevano pensato più all'interesse privato che a quello generale. E in base al teorema del famoso pool milanese chi non aveva operato direttamente non poteva non sapere per una sorta di responsabilità oggettiva. Il meccanismo delle tangenti pagate durante quell’epoca fu addirittura coniato con un termine poi ricorrente nei fascicoli giudiziari, e cioè “dazione ambientale”.
Ma di quelle inchieste cosa è rimasto? La corruzione è stata estirpata, le tangenti non si pagano più e i politici pensano solo al bene delle comunità?
Purtroppo non è così. E basta scorrere i titoli dei giornali per rendersi conto che Tangentopoli è stata una grande, immensa illusione. O anche una grande, immensa occasione persa.
Un'illusione perché è sì caduta la Prima Repubblica e con essa alcuni partiti ma la corruzione non è stata sconfitta, anzi come dicevamo è viva e vegeta.
Un’occasione persa perché i partiti non hanno cambiato pelle e la politica non ha saputo firmare una legislazione ad hoc e non ha saputo rendere trasparente il finanziamento pubblico.
Insomma la magistratura ci ha provato assumendosi anche il compito di aggiustare i difetti della democrazia e con esso anche la responsabilità di punire e cancellare alcuni partiti e alcuni leader. Grazie a quel vuoto voluto dalla mano giudiziaria sono nati altri partiti che hanno occupato e stanno occupando la scenda da oltre un ventennio. E quell’istanza di cambiamento globale e soprattutto etico della vita pubblica è andato a farsi benedire.
Forse è il momento di rileggere quella stagione con gli occhi della storia per rendersi conto che la lezione di Mani Pulite non è servita a granché, o comunque a poco, se non a espellere il gotha della politica e dell'imprenditoria di allora.
Eh già, perché quando un potere dello Stato si sostituisce a un altro e l'altro non è capace di reagire allora c'è qualcosa che non va, un disequilibrio, una prevaricazione, comunque una stortura nel sistema democratico.
Oggi le inchieste si continuano ad aprire secondo la logica e la funzione giudiziaria, che sono quelle di perseguire chi infrange il codice penale e di punirlo una volta accertata la colpevolezza.
Non c’è più, per fortuna, quel clima sì di speranza ma anche forcaiolo secondo cui chi era raggiunto da un avviso di garanzia era condannato prima dalla collettività che da un tribunale.
Sulla stagione di Mani Pulite e su quell’abuso di potere, se pur finalizzato a scovare i delinquenti, bisognerebbe dopo 25 anni aprire una riflessione seria, approfondita e soprattutto senza pregiudizi.
Soltanto facendo pace con il proprio passato e anche con i propri errori un Paese può essere libero e forte per ricominciare.

anna.mossuto@gruppocorriere.it
www.annamossuto.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Francia, in stato di fermo il miliardario Bolloré

Francia, in stato di fermo il miliardario Bolloré

Parigi, (askanews) - Il miliardario francese Vincent Bolloré è stato fermato a Nanterre per "corruzione di funzionari pubblici stranieri" in riferimento a due vicende a Lomé in Togo e a Conakry in Guinea. I magistrati sospettano che il leader del gruppo Bolloré abbia facilitato l'ascesa al potere di leader africani fornendo consulenze e servizi di comunicazione a prezzo inferiore al mercato. Lo ...

 
Salute

I 60 anni di Enterogermina, farmaco icona Made in Italy

Il probiotico italiano prodotto nello stabilimento Sanofi di Origgio (Varese) festeggia il suo sessantesimo compleanno in un momento di grande fermento per gli studi sul microbiota umano, la flora batterica intestinale. Mantenerla in equilibrio è fondamentale per il benessere dell’intero organismo

 
Cena glamour per Trump e Macron, le first lady rubano la scena

Cena glamour per Trump e Macron, le first lady rubano la scena

Mount Vernon (Virginia), (askanews) - Lo sfarzo di Mount Vernon, la dimora storica di George Washington in Virginia, una cena a base di agnolotti e sogliola di Dover, l'eleganza delle due first lady Melania e Brigitte - la prima in nero, la seconda in giallo - e soprattutto il feeling tra i due presidenti Donald Trump ed Emmanuel Macron. Due ore di convivio, durante le quali a rubare la scena ...

 
Altro

Attesa finita, tornano gli Avengers

Esce domani 25 aprile Avengers: Infinity War. Nuovo attesissimo film Marvel che arriva nelle sale in concomitanza con il decimo anniversario dei Marvel Studios. Il terzo capitolo degli Avengers e diciannovesimo sarà distribuito in circa 900 copie da The Walt Disney Company Italia. Gli Avengers si sono divisi in due fazioni durante la Guerra Civile, inoltre Hulk e Thor erano impegnati tra lo ...

 
È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Premio Chigiana sbarca a New York

Siena

Premio Chigiana sbarca a New York

Il Premio Chigiana sbarca a New York, dove tiene la prima sessione di audizioni internazionali dell’edizione 2018, dedicata alla nuova generazione di cantanti lirici, in ...

17.02.2018

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Siena

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Stava per iniziare l'esibizione di un gruppo senese quando, sabato sera, dieci agenti si sono presentati nel bar Cacio e Pere, hanno passato al setaccio la documentazione ed ...

11.02.2018