Cerca

Lunedì 27 Febbraio 2017 | 03:26

SIENA

Presunta sostituzione cavalli, Comune di Siena parte offesa

Presunta sostituzione cavalli, Comune di Siena parte offesa

Il Comune di Siena, individuato dal pubblico ministero come parte offesa da presunti reati di illecita sostituzione di cavalli mezzosangue con cavalli purosangue in ambito di protocollo paliesco, parteciperà al relativo procedimento penale. Questa è stata la decisione presa in Giunta nella giornata odierna. I capi di imputazione contestati dall’accusa si riferiscono a  “falsità materiale del privato in certificati o autorizzazioni amministrative” e al reato di “maltrattamento di animali” . 

I reati ipotizzati dal pubblico ministero prefigurano la sostituzione di cavalli mezzosangue con cavalli purosangue e la conseguente iscrizione di questi ultimi al protocollo di addestramento del Palio. L’illecito sarebbe stato attuato attraverso la rimozione dei microchip identificativi degli animali, previa effettuazione di asportazioni chirurgiche, e la falsificazione del passaporto ufficiale dei cavalli sostituiti, con illecito occultamento: una grave violazione delle regole che se accertata lede gli interessi del Comune di Siena nella tutela della salute e del benessere dei cavalli e, più in generale, l’immagine della Festa.

 

Il divieto di iscrivere i cavalli purosangue assume, infatti, particolare rilevanza perché mira a ridurre il rischio di eventi traumatici a carico degli animali, consentendo di far partecipare al percorso di selezione per il Palio soltanto razze di cavalli morfologicamente idonei alle caratteristiche di Piazza del Campo, oltre che opportunamente addestrati.

  

Allo scopo di partecipare fin dalle fasi preliminari, in qualità di parte offesa e danneggiata, a un procedimento penale che, essendo connesso alla complessa materia paliesca, richiede grande esperienza e particolari competenze specialistiche, la Giunta ha deciso di conferire l’incarico legale all’avvocato Fabio Pisillo del Foro di Siena, per un compenso netto di  1.500 euro.

 

Più letti oggi

il punto
del direttore