Marco Ricci, dolore a Siena e in Valdorcia per lo sfortunato pilota

SIENA

Marco Ricci, dolore a Siena e in Valdorcia per lo sfortunato pilota

0

Tragedia aerea di Tortoreto. Si dovrà accertare se si è verificato un guasto meccanico o se si è trattato di un errore umano, una manovra imprevista che ha spostato dalla traiettoria l’aereo di Marco Ricci, che in quel momento si trovava in volo rovesciato per comporre la figura acrobatica con il suo compagno di squadra. A detta degli esperti non si trattava neppure di un passaggio particolarmente complesso, con i due velivoli a specchio, in parallelo. I filmati amatoriali diffusi fino ad oggi mostrano abbastanza chiaramente che il monoelica di Ricci modifica improvvisamente la traiettoria e colpisce l’aereo sottostante, un impatto che gli fa perdere immediatamente il controllo del velivolo che piomba a picco in acqua, con la cabina in verticale. Secondo pareri esperti la dinamica dell’incidente appare comunque strana, perchè anche se Ricci avesse abbandonato di colpo i comandi, l’aereo non avrebbe dovuto toccare l’altro, ma avrebbe perso la rotta in altro modo. Non si può escludere, comunque, che il pilota senese abbia avuto un malore perdendo il controllo del suo aereo ed è una delle cose che accerterà l'autopsia che la procura ha affidato al medico legale Antonio Tombolini di Ancona. L'esame sarà eseguito domani 3 giugno nell'ospedale di Teramo dove si trova la salma del pilota (in un primo momento era stata portata all'obitorio dell’ospedale di Giulianova, ma qui non funzionavano le celle frigorifere). L'autopsia dovrà accertare anche se la morte di Marco è stata causata dai gravissimi traumi riportati dal pilota nell’impatto con il mare o se il decesso è avvenuto per annegamento dopo che il velivolo si è inabissato a circa quattro metri di profondità. In caso di volo acrobatico i piloti sono ancorati ai sedili in più punti e liberarsi risulta più complesso del solito. Ricci era un abile nuotatore, un appassionato del mare, ma questa volta il destino davvero non gli ha lasciato scampo. Una tragedia che ha colpito fortemente Siena, dove il pilota era ben inserito, e la Val d’Orcia, dove la famiglia Ricci, proprietaria di una antica farmacia a San Quirico, è molto conosciuta. Marco era l’unico maschio di cinque figli. L’anziana madre, che viveva con lui, è stata un’insegnante e ha educato generazioni di ragazzi. Una delle sorelle è una apprezzata pianista.
E come se già non fosse abbastanza, c’è un lato ancora più drammatico in questa tragedia: il figlio di Marco Ricci, un adolescente di sedici anni, ha assistito impotente a tutte le fasi dell’incidente. Il ragazzo aveva accompagnato il padre per assistere all’esibizione, carico dell’orgoglio di un figlio che segue la prodezza aerea del genitore pochi minuti prima del passaggio della pattuglia acrobatica nazionale, le mitiche Frecce Tricolori. Ricci era riuscito a trasmettere la passione del volo anche al suo ragazzo, proprio come aveva fatto lui che, giovanissimo, aveva iniziato a dedicarsi agli ultraleggeri, aerei autocostruiti per i quali non c’è bisogno di brevetto. Poi nel corso degli anni era sopraggiunta la voglia di misurarsi con il volo acrobatico e da qui il salto di categoria, con la frequentazione dell’aviosuperficie di Mensanello dopo aver preso il brevetto all’Aeroclub di Ampugnano.
Ricci era molto amico di un altro sfortunato pilota, Filippo Roncucci, morto a fine settembre durante un esercizio acrobatico sopra la pista di Mensanello, a Colle. Un forte dispiacere per lui, costretto a separsi da uno speciale compagno di avventura. Entrambi molto esperti di volo e acrobazie, Ricci aveva all’attivo oltre 4000 ore ed era anche istruttore: il destino li ha uniti nella malasorte. Un finale amaro per un uomo di appena 47 anni, da sempre molto attivo, appassionato,  alla ricerca di emozioni di vita. Ricci era anche un abile uomo di mare, amava pescare e possedeva delle potenti imbarcazioni ancorate a Marina di Grosseto. Accanto ai vivaci hobby, una attività imprenditoriale nel campo della ristorazione. Prima con il Queen Victoria, rinomato bar in via di Città, poi con il Magnifico, locale di gran fascino in piazza San Giovanni e ultimamente con Cor Magis, ristorante-pizzeria in piazza del Campo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Massimo Lopez dal letto d'ospedale: "Grazie a tutti, il pericolo è passato”

Massimo Lopez dal letto d'ospedale: "Grazie a tutti, il pericolo è passato”

Massimo Lopez, ricoverato in ospedale dopo essere stato colto da infarto durante uno spettacolo, ha postato un video di ringraziamento sui social. L’attore ringrazia tutti i fan e anche l'equipe medica e infermieristica dell’ospedale di Andria dove si trova. “Il pericolo è passato”  – ha detto – “sto già molto meglio”.

 
Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...

 
Pane al pane, il brindisi con Gianna Nannini

La presentazione del libro a Milano

Siena

Pane al pane, il brindisi con Gianna Nannini

E' in programma per domani sera, 28 marzo, la presentazione a Siena del libro di Giovanni Soldati, Pane al pane, al ristorante Casato. Annunciata la presenza di Stefania Sandrelli ...

Michelle Hunziker incinta

Gossip

Michelle Hunziker incinta

La notizia sta facendo in queste ore il giro di tutti i siti di gossip che hanno preso l'indiscrezione dalla rivista Diva: Michelle Hunziker è in attesa del quarto figlio con il ...

Massimo Lopez colto da infarto sul palco

Il fatto

Massimo Lopez colto da infarto sul palco

Dopo aver sentito la forte fitta al petto, è andato avanti per altri 20 minuti ma poi si è scusato con il pubblico che era al teatro di Trani e si è recato all’ospedale. Massimo ...