Trimestrale, Mps chiude in rosso per 178,9 milioni

Siena

Trimestrale, Mps chiude in rosso per 178,9 milioni

08.08.2014 - 14:49

0

Il Monte dei Paschi chiude il primo semestre con una perdita netta di 353 milioni che si confronta con un rosso di 379,4 milioni nel primo semestre dello scorso anno. Il risultato netto del secondo trimestre è negativo per 178,9 milioni, dato superiore alla perdita attesa secondo le stime degli analisti. Il margine di intermediazione cala a 1.843 milioni (-4,7%). Il risultato del semestre, spiega la banca, subisce l'impatto di componenti non ricorrenti. Mps ha ottenuto l'autorizzazione per il varo della banca online Widiva dal quarto trimestre dell'anno. Il ratio patrimoniale Cet1 è al 13,5%.

Il margine di interesse è sceso del 10,4 per cento a 972 milioni di euro rispetto all'anno prima, mentre le commissioni nette hanno registrato un incremento del 2,6 per cento a 871 milioni. Il risultato operativo netto risulta negativo per circa circa 605 milioni di euro, a fronte dei -294,2 milioni al 30/06/2013.
In crescita la raccolta complessiva, che ha messo a segno un incremento dell'1,6 per cento a 238 milioni. Il rapporto cost/income al 30/6 si è attestato al 68,2 per cento dal 69% al 31 marzo scorso.
Al 30 giugno la percentuale di copertura dei crediti deteriorati si attesta al 41,6 per cento mentre la percentuale di copertura delle sofferenze al 30/6 e' scesa al 58,2 per cento dal 58,5 per cento al 31 marzo. Il Cet1 fully phased al termine della prima meta' dell'anno e' al 12 per cento. Ma Mps riduce l'esposizione verso la Bce ridotta a 18 miliardi di euro ad agosto, grazie al rimborso di 10 miliardi di euro di Ltro. Lo comunica la banca in una nota.
Le rettifiche su crediti deteriorati del Montepaschi di Siena superano il miliardo di euro. A fine semestre ammontano infatti a 1,208 miliardi, con un incremento di circa 179 milioni di euro rispetto al primo semestre dell'esercizio precedente (+17,4%). L'incremento registrato nel secondo trimestre e' pari a circa 255 milioni di euro (+53,5%).
L'ad della banca senese Fabrizio Viola ha commentato: "Siamo sempre meno dipendenti da Bce - Tra i punti che vorrei sottolineare c'è il rafforzamento della nostra posizione patrimoniale dopo il recente aumento di capitale e in vista dei risultati dei test della Bce. L'altro elemento è il rafforzamento della posizione della liquidità che era uno dei nostri punti più deboli". Così l'ad di Mps Fabrizio Viola nel corso della conference call con gli analisti sui risultati semestrali del primo semestre. Viola ha ricordato anche come Mps sia tornata sul mercato dei capitali con l'emissione di bond senior e covered "riguadagnando un accesso" per molto tempo sbarrato alla banca senese. Viola ha poi ricordato che "abbiamo un livello in linea con le best practice e sulla liquidità abbiamo ridotto la dipendenza della Bce".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Anna Frank con la maglia della Roma, tifosi laziali accusati di antisemitismo
Il caso

Anna Frank con la maglia della Roma, tifosi laziali accusati di antisemitismo

Adesivi di Anna Frank con la maglia della Roma e scritte contro gli ebrei in curva sud all'Olimpico. La procura della Federcalcio ha aperto un'inchiesta sul comportamento antisemita di alcuni tifosi della Lazio che durante la sfida contro il Cagliari avevano riempito il settore dello stadio normalmente occupato dagli ultrà romanisti dopo la squalifica della Nord. Gli adesivi sono stati rimossi in ...

 
Pd, Orlando: con Mdp partiamo dal bicchiere mezzo pieno

Pd, Orlando: con Mdp partiamo dal bicchiere mezzo pieno

Genova, (askanews) - "So che non si cancellano facilmente mesi di polemiche e vedo anche elementi di strumentalità e contraddittorietà nella posizione di Mdp, però se si vogliono fare dei passi avanti bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno. Il bicchiere mezzo pieno ieri è stata l'apertura di Speranza e il fatto che Renzi ha detto 'discutiamo'. Partiamo da questo bicchiere mezzo pieno". Lo ha ...

 
Sex scandal e Hollywood nella bufera: ora tocca a James Toback

Sex scandal e Hollywood nella bufera: ora tocca a James Toback

Los Angeles (askanews) - Hollywood sempre più nella bufera. Dopo lo scandalo che ha coinvolto l'ormai ex produttore Harvey Weinstein a seguito dei racconti di molte attrici sulle molestie sessuali e i presunti stupri compiuti dal mogul cinematografico, ora tocca al 72enne sceneggiatore e regista statunitense James Toback. Trentotto donne lo hanno accusato, secondo quanto riferisce il "Los Angeles ...

 
Le immagini inedite del Wwf: a rischio il leopardo delle nevi

Le immagini inedite del Wwf: a rischio il leopardo delle nevi

Roma, (askanews) - Il cambiamento climatico rappresenta un grave rischio per il leopardo delle nevi, ma altre minacce arrivano dal degrado dell'habitat, dai conflitti con le popolazioni locali e dal bracconaggio che alimenta il traffico illegale. Ricerche recenti indicano che circa un quarto dell'habitat di questi animali potrebbe scomparire entro il 2070 se non verrà posto un freno al ...

 
"Anche io ho subito delle avances"

La rivelazione dell'attrice Isabelle Adriani

"Anche io ho subito delle avances"

Nel Corriere dell'Umbria di oggi, 19 ottobre, riportiamo le rivelazioni  di Isabelle Adriani, nome d’arte di Federica Federici, attrice, scrittrice, giornalista perugina di ...

19.10.2017

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017