Sequestrato per ottenere l'incasso della sala bingo

Monteriggioni

Sequestrato per ottenere l'incasso della sala bingo

14.07.2014 - 10:14

0

Un ragazzo è stato sequestrato per ottenere il denaro dell’incasso della sala bingo di Monteriggioni. E’ successo sabato notte alle due quando i rapinatori con il volto coperto da un passamontagna sono entrati in azione sotto l’abitazione del titolare della sala da giochi. Secondo la ricostruzione fatta dai carabinieri della compagnia di Poggibonsi che stanno indagando in collaborazione con il nucleo investigativo di Siena, i due rapinatori mentre stavano aspettando il titolare del bingo hanno visto arrivare il ragazzo che abita proprio nello stesso palazzo. Per evitare che il piano saltasse hanno deciso di affrontare il giovane armati di una pistola e di un grosso bastone.

Il ragazzo sotto le minacce dei due è stato costretto a risalire nella sua auto, una Suzuki, e aspettare insieme a loro il rientro del vero obiettivo. Non è passato molto tempo e i fari dell’auto del titolare del bingo di Monteriggioni hanno illuminato la strada che porta alla sua abitazione. I due senza esitare neppure un momento sono scesi e hanno iniziato a colpire violentemente i finestrini ma non riuscendo a rompere i vetri uno dei due si è portato sul lato destro dell’auto a ha aperto lo sportello del passeggero. Con la pistola in pungo e il grosso bastone hanno intimato all’uomo di consegnare l’incasso del bingo, denaro che però l’uomo non aveva. I malviventi hanno controllato tutta l’auto ma alla fine si sono dovuti arrendere: di denaro contante neppure l’ombra. A questo punto hanno afferrato il cellullare del titolare del bingo e il suo i-Pad e una volta fatto scendere il ragazzo che avevano sequestrato sono scappati con la sua automobile. Immediata è stata la richiesta di aiuto ai carabinieri arrivati sul posto in pochi minuti. I militari dell’Arma si sono messi alla ricerca dei malviventi che sembrano però al momento svaniti nel nulla. Ritrovata invece poco distante, all’inizio della Cassia, la Suzuki del ragazzo, l’ i-Pad e il telefono cellulare del gestore della sala giochi. Non è escluso che i due rapinatori, che avevano un accento campano, avessero un terzo complice ad aspettarli per la fuga. Gli investigatori sperano adesso di trovare tracce utili alle indagini all’interno delle due auto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Morti in mare, Papa Francesco: ''Simili tragedie non devono più ripetersi, si agisca con decisione''

Morti in mare, Papa Francesco: ''Simili tragedie non devono più ripetersi, si agisca con decisione''

(Agenzia Vista) Roma, 22 luglio 2018 Morti in mare, Papa Francesco: "Simili tragedie non devono piu' ripetersi, si agisca con decisione" Papa Francesco durante l'Angelus domenicale ha rivolto un appello alla comunità internazionale affiche' non si ripetano le morti in mare, come avvenuto nelle ultime settimane: "Sono giunte in queste ultime settimane drammatiche notizie dell'affondamento di ...

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018