Processo Mps, chiesti sette anni per Mussari

Siena

Processo Mps, chiesti sette anni per Mussari

07.06.2014 - 15:06

0

Sette anni per l'ex presidente di Mps, Giuseppe Mussari, sei per l'ex direttore generale Antonio Vigni e l'ex capo dell'area finanza, Gianluca Baldassarri. Sono le richieste avanzate dal pm Giuseppe Grosso, al termine della sua requisitoria al processo per il derivato Alexandria. Tutti e tre sono imputati con l'ipotesi di reato di ostacolo alle funzioni dell'autorità di vigilanza perchè, secondo l'accusa, avrebbero occultato il mandate agreement stipultato con banca Nomura. Tutta l'udienza di ieri è stata impegnata nella requisitoria dei pm: prima di Grosso avevano parlato Antonino Nastasi e Aldo Natalini.

 Secondo il pm Nastasi "i fatti sono di granito e da qualunque angolazione si guardino non presentano una scalfittura". “Un castello di bugie quello messo in piedi dai tre imputati - ha affermato il pubblico ministero Giuseppe Grosso che ha chiesto la pena dei tre imputati. Non vale secondo la pubblica accusa la tesi che Baldassarri abbia fatto tutto da solo per spartirsi la torta con Nomura. "In quel caso non avrebbe avuto interesse a celare il mandate. Invece la radice del vero interesse a celare è altrove, è nei vertici della banca. Il padre padrone di quella banca, il dominus incontrastato era Mussari. Quello che in una notte decise di impegnare la banca per 17 miliardi", aggiunge Grosso, con riferimento alla decisione presa da Mussari in solitaria di acquisire l'Antonveneta nel novembre del 2007”. 

"Baldassarri è solo il braccio esecutivo dell'operazione - ha aggiunto Grosso - l'uomo giusto al posto giusto per fare quella operazione”. "In questo castello di bugie - ha detto - c'è una linea comune ai tre ed è la più abbietta: scaricare sugli altri le responsabilità e non tra di loro perchè così fanno i correi". Il pubblico ministero ricorda l'espressione utilizzata da Mussari nel dibattimento 'io Maramaldo no' per dire che non accusava nessuno. Secondo l'accusa, invece, "maramaldi tutti perchè hanno infierito sul più debole, cercando di tirare in ballo un dirigente della banca. Mussari partecipa consapevolmente alla conference call, è competente in materia finanziaria. I comportamenti di ostacolo all'Autorità di vigilanza da parte dei tre ha portato la banca vicina al fallimento" aggiunge Grosso.

La Banca d'Italia, parte civile, ha chiesto “il risarcimento danni patrimoniali e non patrimoniale" calcolati in via equitativa dal Collegio.

L'avvocato Tullio Padovani, legale di Mussari insieme a Fabio Pisillo, commentando la richiesta di condanna ha detto: “Temevo, anzi mi aspettavo la richiesta di condanna al rogo. Poi mi sono ricordato che la pena di morte è stata abolita” “Sette anni può essere anche la condanna per un omicidio” ha aggiunto l'avvocato, rimandando poi alla arringa che terrà insieme ai difensori di Antonio Vigni e Gianluca Baldassarri nell'udienza già fissata per il 13 giugno e, eventualmente, per una successiva.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Renzi: la coalizione di centrodestra non è popolare ma populista

Renzi: la coalizione di centrodestra non è popolare ma populista

Roma, (askanews) - La coalizione di centrodestra non è guidata dal Ppe, ma dalle forze estremiste e populiste di Matteo Salvini e Giorgia Meloni". Ad affermarlo, parlando all'iniziativa sull'Europa organizzata dei Dem a Milano, è il segretario del Pd Matteo Renzi. "Amici del Ppe, vi stanno prendendo in giro. Basta guardare come si sono divisi i collegi uninominali. Ogni voto dato al fronte della ...

 
Il movimento femminista #MeToo in piazza a Roma con Asia Argento

Il movimento femminista #MeToo in piazza a Roma con Asia Argento

Roma, (askanews) - Una manifestazione del movimento femminista internazionale per gridare anche a Roma "#MeToo", contro le molestie e le discriminazioni verso le donne. Si è tenuta stamattina a Piazza Santi Apostoli organizzata da"American Expats for Positive Change" e ha visto la partecipazione tra gli altri dell'attrice Asia Argento.

 
Renzi punta sull'Europa: scelta è fra chi crede nell'Ue e chi no

Renzi punta sull'Europa: scelta è fra chi crede nell'Ue e chi no

Roma, (askanews) - L'Europa come spartiacque tra le forze politiche in campo alle elezioni italiane. Con il Pd nettamente schierato per il rilancio del processo di integrazione europea, contro l'euroscetticismo dei Cinque Stelle e della coalizione di centrodestra a trazione populista targata Lega-Fratelli d'Italia. È l'operazione che Matteo Renzi lancia da Milano, teatro di un'iniziativa del ...

 
È morto Paul Bocuse, il "Papa" della gastronomia francese

È morto Paul Bocuse, il "Papa" della gastronomia francese

Lione, (askanews) - Paul Bocuse, colui che fu soprannominato "chef del secolo", si è spento a meno di un mese dal suo novantaduesimo compleanno a Collonges-au-Mont-d'Or, suo villaggio natale e nel quale sorgeva il suo celebre ristorante, già appartenuto al nonno, nei pressi di Lione. Il "Papa" della gastronomia francese, che soffriva da alcuni anni di Parkinson, proveniva da un'antica famiglia di ...

 
a spasso nel tempo il ritorno

Siena

Le donne delle Contrade tornano sul palco a scopo benefico

Il Coordinamento delle donne delle Contrade torna in scena, sempre a scopo benefico. Dopo il grande successo nel marzo 2017 di “A spasso nel tempo – Quattro salti nella ...

19.01.2018

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

La rivelazione

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

Michelle Hunziker, ospite della trasmissione Quarto Grado, ha raccontato quali sono state le imposizioni alle quali doveva sottostare imposte dalla setta dei Gelsomini di cui ...

15.01.2018

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Cinema

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Leonardo DiCaprio e Quentin Tarantino di nuovo insieme. La star di Hollywood sarà nel cast del nuovo film del regista dopo aver collaborato nel 2012 per Django Unchained. Sul ...

13.01.2018