michele cucuzza bianco e nero

FUORI DAL VIDEO

In classe realtà emozionali

27.10.2017 - 13:04

0

A Riccione un giovane trasmette in diretta, sul suo telefonino, l'agonia di un ragazzo vittima di un incidente in motorino: “chi mi guarda chiami i soccorsi” invoca durante lo streaming. A Sarzana i due adolescenti che hanno trovato un architetto agonizzante dopo che si era sparato un colpo, gli hanno sottratto la pistola a quanto pare per rivendersela.
Gesti che raggelano e che spingono a domandarci come sia possibile: e se ci trovassimo davanti a segnali d'allarme di processi sociali più diffusi?
Paolo Crepet, psichiatra e sociologo, nel suo recente saggio 'Il coraggio' (Mondadori) ricorda quanto capitato a marzo ad Alatri quando un ventenne, coinvolto in una rissa notturna in un locale, è morto in una piazza affollata per le botte furibonde di un gruppo di coetanei davanti a tanti altri giovani, nessuno dei quali è intervenuto per fermare quella barbarica esecuzione.
Secondo Crepet siamo di fronte a una involuzione culturale e a un disagio psicologico che chiamano in causa direttamente noi genitori: “questi ragazzi” spiega al nostro giornale “sono i figli della nostra indifferenza, i prodotti della nostra comunità che mostra un diffuso desiderio di rinchiudersi, di isolarsi, di mettere i sacchi di sabbia alla finestra. Lo sviluppo economico ci ha dato l'illusione di poter essere autosufficienti. Come nel film di Moretti 'Io sono un autarchico', si è diffusa l'idea che 'io mi basto', le relazioni sociali, dalla famiglia agli amici, non vengono più vissute come una necessità, ma come un corollario. Inoltre i ragazzi sentono la frustrazione di appartenere a una società in cui ci sono grandi difficoltà di inserimento, tempi lunghi per la realizzazione personale, poco lavoro qualificato. Anche questo li spinge a rinchiudersi in se stessi: sommando le due cose, l'indifferenza nei confronti dell'altro è il minimo che ci si possa aspettare”.
Paradossalmente, però, in certi casi questi ragazzi dimostrano anche grande fragilità: “mi sono sentito solo, nessuno che mi abbracciasse” ha detto agli investigatori il ragazzo che ha filmato la morte in diretta. “C'è uno strabismo che impressiona” riflette Crepet. “Da un lato questi giovani rivelano una grande immaturità affettiva, emozionale: sono i millenials, privi di empatia, ragazzi cresciuti con le macchine e non con le relazioni. Dei protorobot che non conoscono il rapporto con il dolore dell'altro, perché loro stessi ne sono stati privati, imboccati, coccolati in tutto dai genitori. Dall'altra parte, su questa immaturità totale c'è l' innesto di una sorta di spregiudicatezza tecnologica, cognitiva. A me non verrebbe mai in mente - di fronte a un ragazzo che muore - di tirar fuori il telefonino se non per chiamare il 118, mentre per i giovani postare quell'agonia su Instagram è una cosa naturale tanto quanto riprendere un caffè o un cappuccino. In me si diffonderebbero il dubbio, la compassione, la disperazione , in loro - una generazione allevata in maniera diversa - scattano altre priorità, a cominciare da quella della comunicazione. Non affettiva ma tecnica”.
Facciamo in tempo a rimediare?
“Tocca alla scuola farlo, visto che non possiamo certo prescrivere i comportamenti ai genitori. Senza mettere la testa nella sabbia, fingendo che questi siano casi isolati e non sintomi di un malessere diffuso, bisogna creare in classe realtà emozionali, far vivere l'esperienza dell'empatia, favorire il gruppo, omogeneizzare ragazzi e ragazze diversi. La speranza è un lavoro, un progetto”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Thailandia, Elon Musk si scusa via Twitter con il soccorritore

Thailandia, Elon Musk si scusa via Twitter con il soccorritore

Washington, (askanews) - Elon Musk, ha postato un tweet in cui si scusa con lo speleologo britannico, Vernon Unsworth, che il patron di Tesla e Space X aveva definito "pedofilo". Il soccorritore britannico, che ha partecipato al salvataggio dei 12 ragazzi e del loro allenatore nella grotta in Thailandia, aveva bollato come una "trovata pubblicitaria" l'offerta di Musk di un mini-sottomarino per i ...

 
Usa, le fiamme minacciano il parco nazionale di Yosemite

Usa, le fiamme minacciano il parco nazionale di Yosemite

Roma, (askanews) - Un vasto incendio minaccia il Parco Nazionale di Yosemite, nel nord della California. Le fiamme hanno già distrutto oltre 50 chilometri quadrati di territorio e ucciso almeno una persona, un vigile del fuoco. In totale sono almeno 1.500 i pompieri al lavoro nella zona interessata dall'incendio, particolarmente violento perché alimentato da migliaia di piante morte per la ...

 
Altro

Ronaldo alla Juve, cambio di maglia 'al volo' per Fifa 19

Primo breve filmato su Instagram con Cristiano Ronaldo in maglia bianconera del trailer promozionale di Fifa 19, videogioco di calcio della EA Sports. L'arrivo del campione ha scombinato i piani degli sviluppatori che in corsa hanno dovuto modificare promo e locandine del videogames peraltro già in circolazione con Cr7, come sempre negli ultimi anni, con la maglia del Real Madrid. Ma il lavoro ...

 
Cronaca

Salviamo i boschi, al via campagna antincendio 2018

Con la flotta più grande del mondo, composta da canadair ed elicotteri, il corpo nazionale dei vigili del fuoco dà il via alla campagna antincendio boschiva 2018. Lo scorso anno in Italia si sono verificati 743 grandi incendi. Prevenirli piuttosto che affrontare l'emergenza è l'obiettivo di quest'anno

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018