Sesso e molestie: il tappo è saltato

Sesso e molestie: il tappo è saltato

20.10.2017 - 22:00

0

#quella volta che sono stata molestata da un docente che mi ha messo le mani addosso e non dormo più. #quella volta che a 13 anni mi dissero: “questo dev’essere il nostro segreto” andai a dirlo a mamma, al preside e poi in tribunale: fatelo tutte. La diga è franata?  Anche in Italia? Sembrerebbe di sì. Lo scandalo Weinstein sta facendo venir fuori, anche dalle nostre parti, attraverso decine di testimonianze dolorose, rabbiose, sofferenti postate su Twitter, quanto siano ancora diffuse le molestie sessuali, le violenze oltre agli stupri veri e propri. Con tutte le implicazioni che conseguono quanto a vergogna, pregiudizi, incubi, anche per chi, vittima, non manca di coraggio. Scorriamo ancora insieme i tweet che - soltanto mercoledì pomeriggio - si ammassano, minuto dopo minuto, sotto l’hashtag lanciato a livello globale dall’attrice di “Streghe” Alyssa Milano perché le donne di tutto il mondo raccontino e reagiscano, non solo negli studios di Hollywood. I nomi di chi racconta sono facilmente riscontrabili nel social network: “sono due giorni che scrivo e cancello perché ancora risuonano in testa i commenti delle persone a cui lo raccontai allora”, “un uomo me l’ha appoggiato nel tram affollato e per paura che mi desse della matta mi sono spostata senza dire nulla”, “alla denuncia in commissariato la mattina dopo l’aggressione, mi chiesero: ‘lei com’era vestita?’, “un uomo per cui lavoravo ha chiuso la porta a chiave impedendomi di uscire se non lo baciavo, ho urlato, ho perso il lavoro”, “a un concerto a 17 anni ho sentito una mano tra le gambe, mi sono spostata imbarazzata e zitta”. Inevitabile che i temi degli interventi siano più ampi: “#quella volta che non dissi che stavo per sposarmi per non perdere il posto di lavoro”, “#quella volta che ci hanno giudicato dopo aver chiesto la pillola del giorno dopo in farmacia”, “#quella volta che mia figlia trovò il coraggio di denunciare il marito per le violenze subìte ed ebbe inizio un calvario senza fine”. E poi i pensieri di chi non può dimenticare: “l’esperienza traumatica che ti rimane addosso, la paura di trovarti sola in una stanza con un uomo che non conosci, la sfiducia cosmica, il senso di impotenza, la realtà spiattellata in faccia di ciò che è ritenuto miseramente normale e concesso, il cuore piccolo, il sogno che si sfoca e si allontana, lo schifo…”. Chiaro che non mancano le critiche e le risposte (maschili) piccate: “se uno vi dice ‘ciao bella’ vi sta molestando”, derisorie: “#quella volta che l’ho invitata a pranzo e lei ha ordinato la quinoa” oltre alle offese di chi persevera: “le peggio racchie e obese di twitter hanno avuto i loro 10 minuti di celebrità”, “ho scritto un tweet completamente inventato per ricevere retweet e cuori” . Vedremo se e come percorrerà le nostre coscienze questo fiume in piena, come se il tappo del silenzio fosse improvvisamente e opportunamente saltato. Speriamo non finisca tutto in una bolla di sapone o peggio nella gara - tipica sui social - a chi spara le battute più ridicole. Quel che è già venuto fuori, in ogni caso, ci fa capire che abbiamo ancora (oltre all’emergenza migranti, alla sicurezza, alla legittima difesa) un problema grande come una casa, dappertutto e pure in Italia, mezzo secolo dopo l’esplodere del femminismo: quello dei rapporti tra uomini e donne ispirati dal sessismo. Non solo quelli di potere. “Combattere la cultura della sottomissione si può”, sottolinea un post: che sia la volta buona?

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Crimea, Quartapelle (Pd): "Salvini e' andato a Mosca non per Mondiali ma a prendere ordini"

Crimea, Quartapelle (Pd): "Salvini e' andato a Mosca non per Mondiali ma a prendere ordini"

(Agenzia Vista) Roma, 22 luglio 2018 Crimea, Quartapelle (Pd): "Salvini e' andato a Mosca non per Mondiali ma a prendere ordini" Il Partito democratico ha chiesto al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, di riferire in Parlamento sul viaggio di Matteo Salvini in Russia, in occasione dei Mondiali di calcio. La deputata Lia Quartapelle: "Salvini è andato in Russia per prendere ordini: è tornato ...

 
Instagram, la Camera sbarca sul social network: il video di presentazione

Instagram, la Camera sbarca sul social network: il video di presentazione

(Agenzia Vista) Roma, 22 luglio 2018 Instagram, la Camera sbarca sul social network: il video di presentazione Nuovo canale social per Montecitorio, che dal 19 luglio è presente anche su Instagram. Ecco il video di presentazione dell'account della Camera Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018