michele cucuzza bianco e nero

FUORI DAL VIDEO

L’educazione al rispetto del diverso

29.09.2017 - 22:00

0

“Inutile negarlo, la crisi migratoria è un fenomeno talmente vasto e di lunga durata che non può non provocare fenomeni di ansia generale che finiscono inevitabilmente per incrementare la nostra atavica paura del diverso, la reazione più immediata quando non conosciamo l'altro, soprattutto se mediamente preceduto da cattiva reputazione : teniamo conto del fatto che grosso modo due terzi degli avvenimenti di cronaca nera riferiti dai media vedono coinvolti immigrati. In questo contesto, la politica farebbe bene a tenere la barra dritta senza strumentalizzazioni ma senza neanche raccontarsi che i problemi non ci sono. La strada possibile sta come sempre in mezzo: dirsi la verità, considerare la sicurezza un'esigenza sacrosanta e, insieme, realizzare un'integrazione che possa essere percepita come arricchimento e non come usurpazione di diritti”. All'indomani del voto shock in Germania e del dietrofront di AP sullo ius soli proviamo a sondare il sentimento profondo del cittadino-elettore sul problema immigrazione, i nervi scoperti, i malumori a lungo covati, la disponibilità di un tempo trasformatasi in pessimismo ostile, quel magma sotterraneo che cova al di qua e al di là delle Alpi e che tanto adesso preoccupa la classe politica nostrana, a pochi mesi dalle politiche. Lo psicologo Stefano Callipo si presta volentieri a questo sforzo di analisi: “Se le piazze di spaccio e i furti aumentano, con gli stranieri responsabili, la generalizzazione che coinvolge intere etnie e non i singoli migranti è assolutamente certa. E la percezione della coesistenza del clandestino accanto al migrante regolare, di chi non fa nulla tutto il giorno, con il telefonino in mano, in attesa del permesso di soggiorno, mentre c'è chi si spacca la schiena nei campi gestiti dai caporali, tutto questo determina comunque la percezione dell'instabilità, dell'inquietante, del losco, dello sconosciuto appunto. È da questa paura indiscriminata del 'diverso', dalla volontà di difesa di un'identità sociale, che ha origine lo stesso no diffuso (e temuto da parte della politica) allo ius soli, quella 'nuova gelosia dei diritti' di cui ha parlato Ezio Mauro su 'Repubblica'”. Ma quando le cose non funzionano, la crisi impoverisce, i baroni vanno ai domiciliari accusati di pilotare le abilitazioni all'università, la 'Ndrangheta vuol farla da padrona anche al nord e la corruzione è sistemica (come dice il procuratore Boccassini) non c'è il rischio di fare dell'immigrato il capro espiatorio?
“Purtroppo sì, è un passo falso cui possiamo sentirci spinti a livello non solo individuale, da chi protesta per la casa assegnata a uno straniero a chi lamenta il ritorno nel suo quartiere il ritorno di malattie un tempo debellate, a chi insiste sui costi sociali di tutto questo, ma anche come comunità, complice certa politica che fa demagogia. La via d'uscita c'è: facciamo ancora in tempo. Occorre di sicuro investire nella prevenzione e nelle politiche sociali, perché la carenza di sicurezza vissuta dai cittadini sia sempre più contenuta e possibilmente risolta. Ma bisogna anche avere più fiducia nelle nostre potenzialità e capacità di interagire anche con chi è nato altrove, educando sin da piccoli alla conoscenza e al rispetto del diverso. Senza nascondere comportamenti criminosi che possano coinvolgere immigrati. Quando si investe con serietà sull'educazione all'integrazione, da piccoli, nelle scuole, l'ansia si trasforma in opportunità di crescita e di arricchimento”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo (askanews) - Alle 16.58 del 19 luglio 2018, orario della strage di Via D'Amelio a Palermo, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e i 5 agenti della sua scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, è stato celebrato un minuto di silenzio, interrotto soltanto dalle note di un giovane trombettiere e lo scandire dei nomi delle ...

 
Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Perugia, (askanews) - Il fumo causa ogni anno nel mondo oltre 7 mln di vittime, tra le 70 e le 83mila in Italia, ma il numero totale di fumatori resta stabile. In Italia sono 12,2 milioni (il 23,3 % della popolazione) e l'Umbria risulta la regione con la percentuale più alta di fumatori adulti (31%). Alla luce di questo l'industria ha deciso di puntare con decisione alla riduzione del danno ...

 
Antartide, Greenpeace: 4 diversi ecosistemi marini vulnerabili

Antartide, Greenpeace: 4 diversi ecosistemi marini vulnerabili

Milano (askanews) - Le ricerche effettuate nel gennaio 2018 con un sottomarino, durante la spedizione di Greenpeace in Oceano Antartico, hanno permesso di identificare quattro diversi Ecosistemi Marini Vulnerabili (EMV). Si tratta di aree che, secondo i ricercatori internazionali, devono essere tutelate con misure di protezione speciale. La ricerca è stata condotta da Susanne Lockhart, dell ...

 
Cinema, "Il primo uomo" aprirà la 75esima Mostra di Venezia

Cinema, "Il primo uomo" aprirà la 75esima Mostra di Venezia

Venezia (askanews) - Proprio alla vigilia del 49esimo anniversario del primo atterraggio dell'uomo sulla Luna, con la missione Apollo 11 della Nasa, del 20 luglio 1969, da Venezia arriva la notizia che il 29 agosto sarà "Il primo uomo", film Universal diretto da Damien Chazelle e interpretato da Ryan Gosling, Jason Clarke e Claire Foy, ad aprire il concorso della 75esima Mostra Internazionale d' ...

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018