michele cucuzza bianco e nero

Il desiderio di soccorrere

17.03.2017 - 11:45

0

E’ un italiano, Oronzo Passabì, coordinatore dell’unità cinofila dei vigili del fuoco di Lecce, 48 anni, 20 di servizio, il pompiere alla testa della migliore squadra del mondo. A Ulm, in Germania, ha ottenuto da una commissione internazionale di colleghi il premio world of firefighters per l’opera prestata nei soccorsi ad Amatrice, il comune simbolo del terremoto che dallo scorso agosto tormenta il centro Italia, con un succedersi di scosse che, oltre a distruggere comuni dalle origini secolari, ha causato, morti e migliaia di sfollati. Sono state 218, le persone estratte vive dalle macerie da Passabì e dai suoi colleghi vigili del fuoco che, per questo, sono stati premiati con il riconoscimento istituito in Germania alla memoria di Conrad Dietrich Magirus, il pompiere inventore 150 anni fa delle scale autoportanti. “E’ un impegno - racconta schivo Passabì - che corrisponde in pieno alla mia indole: dare una mano agli altri è essenziale per me”. Il pensiero corre ai ricordi di bambino, quando Passabì sentiva l’ululato delle sirene dei vigili del fuoco della caserma dietro casa e sognava. Con l’età giusta, l’ingresso in caserma è arrivato davvero, favorito dall’esperienza di Oronzo come sommozzatore dilettante. Da allora migliaia di missioni, vite strappate alle catastrofi, incidenti stradali, pozzi, cadute accidentali, tentati suicidi, salvataggi realizzati con la tecnica e l’esperienza maturata negli anni: “la mia squadra, dotata di cani, è specializzata nel soccorso e nell’estrazione di persone rimaste sepolte nei crolli di edifici”. Tantissimi i successi e le soddisfazioni, ma a Passabì viene più facile ricordare le volte in cui il suo intervento, malgrado il massimo impegno, non ha potuto dare i risultati sperati: “penso ai 27 bambini, alla maestra e al bidello morti nel crollo per il terremoto della scuola elementare di San Giuliano di Puglia, nel Molise. Era il 31 ottobre 2002: abbiamo scavato senza risparmio, ma la tragedia era stata fulminea. Un ricordo che custodisco indelebile, durante il terremoto dell’Aquila nel 2009: oltre a tante persone estratte vive dalle macerie, c’è stata anche l’inutile ricerca di una ragazza rimasta sepolta nel crollo della sua abitazione. Incredibilmente, durante i funerali delle oltre 300 vittime del sisma, con i miei fiori in mano mi sono istintivamente accostato a una bara tra le tante: era la sua, dopo ho riconosciuto il nome, Alice D’Ambrosio. Come se quella giovane mi avesse chiamato per suggerirmi di non cercarla più. Ancora adesso ho i brividi”. E i soccorsi più recenti, ad Amatrice e Norcia? “Tanto aiuto, tanti salvataggi ma anche distruzione e vittime: ogni volta che entri nelle case semidistrutte dove c’è stato il terremoto, la caffettiera ancora sul fornello, la colazione pronta in tavola, ti rendi conto di come la vita sia stata strappata senza il minimo preavviso. Come non riflettere sul senso del nostro esserci e poi sparire di colpo?”. Passabì ha comunque la forza di trasformare dubbi e ricordi in propositi: “penso sempre a fare meglio la prossima volta. Questo è il credo del soccorritore”. La sua umanità, oltre alla professionalità, ne hanno fatto il campione che è : “quando c’è da salvare qualcuno in pericolo, nulla può essere lasciato al caso. La vita umana meriterebbe la perfezione da noi soccorritori”.
mikcucuzza@gmail.com

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Storie Di Vino: Frescobaldi, soddisfatti da quantità buyer esteri

Storie Di Vino: Frescobaldi, soddisfatti da quantità buyer esteri

Roma, (askanews) - Lamberto Frescobaldi, è vice presidente vicario dell' Unione Italiana Vini, e rappresenta anche l' azienda, che porta il suo nome, e che si trova in Toscana. Askanews lo ha incontrato, nelle giornate in cui si è svolto il Vinitaly a Verona. Frescobaldi ha spiegato che gli stanno a cuore tutte le cose che sono del mondo del vino. Quello del 2017 per Frescobaldi è stato un bel ...

 
La 'prima' di Macron dopo il voto è al memoriale genocidio armeno

La 'prima' di Macron dopo il voto è al memoriale genocidio armeno

Roma, (askanews) - Il centrista Emmanuel Macron, che ha superato il primo turno delle elezioni francesi e si confronterà con Marine Le Pen al ballottaggio il 7 maggio, ha reso omaggio alle vittime del genocidio armeno, a Parigi. Prima uscita pubblica del candidato vittorioso alle elezioni di domenica 23 aprile. Macron - che ha insistito per avere una cerimonia separata da quella del presidente ...

 
Esce Kapi, l'album del trio Gulun, Allulli, de Raymondi

Esce Kapi, l'album del trio Gulun, Allulli, de Raymondi

Roma (askanews) - Un viaggio nei colori, nelle atmosfere, nei profumi e nelle sonorità mediterranee. Tutto questo in Kapi, il nuovo progetto discografico che nasce dall'amicizia e dalle affinità tra i due musicisti romani, Marcello Allulli, al sassofono, ed Emanuele de Raymondi alla chitarra elettrica, e Selen Gulun, artista di Istanbul, al piano e alla voce. Un incontro, il loro, che risale a ...

 
Casa Bianca chiama ISS: Trump e l'astronauta Peggy Whitson

Casa Bianca chiama ISS: Trump e l'astronauta Peggy Whitson

Roma, (askanews) - Così ci piace: la grande tecnologia americana che funziona. Casa Bianca chiama Stazione Spaziale internazionale: il presidente degli Stati uniti Donald Trump ha telefonato allo spazio per congratularsi con l'astronauta Peggy Whitson che ha battuto il record di permanenza americana nello spazio. Trump aveva a fianco l'immancabile figlia Ivanka e a sinistra l'astronauta Kate ...

 
Il "figlio" di Benigni (La Vita è Bella) è tornato

AREZZO

Il "figlio" di Benigni torna in Toscana

Il "figlio" di Roberto Benigni nel film degli oscar La Vita è Bella (1997) è tornato ad Arezzo. Una visita di piacere per l'attore Giorgio Cantarini (Orvieto, 1992) che è stato ...