michele cucuzza bianco e nero

Corsi di recupero per il 6 in Italiano

10.02.2017 - 11:48

0

Per favore, non facciamo finire in una bolla di sapone la denuncia contenuta nella lettera aperta di 600 docenti universitari inviata al presidente del Consiglio, alla ministra dell’Istruzione e al Parlamento: “troppi ragazzi scrivono male in italiano, leggono poco e faticano a esprimersi oralmente, con errori appena tollerabili in terza elementare. 

Alcuni atenei hanno persino attivato corsi di recupero di lingua italiana”. Apriti cielo, nella terra di Dante. E delle polemiche. Ed ecco, immancabile, l’inseguirsi e il rinfacciarsi delle accuse: è colpa della scuola permissiva e sessantottina che non boccia mai; no, sono i giornalisti e i media che non sanno esprimersi correttamente; la responsabilità è di internet, dei social con i post obbligatoriamente brevi che costringono a sintesi impossibili; e pure del T9, il correttore automatico dei messaggini.
E così via: intanto c’è chi come il sito studenti.it si è dato da fare per evidenziare gli errori e i dubbi più comuni dei nostri giovani (e non solo).
Per esempio: da o dà, si o sì, un amico o un’amico, qual è o qual’è, un po’ o un pò, se stesso o sé stesso, dasse o desse, proficuo o profiquo e così via in un crescendo di orrori, fino agli scambi più inquietanti: a oppure ha, e o meglio è? Aiuto. In verità non è la prima volta che l’allarme viene lanciato e non solo a scuola. Sette anni fa in croce erano finiti i futuri procuratori legali; rileggiamo “La Stampa. it” del 15 febbraio 2010: “habbiamo” invece di abbiamo. Oppure “correzzione” con due zeta. O “violenza delle norme” anziché “violazione” delle norme. Gli strafalcioni commessi dagli aspiranti avvocati alle prove d’esame per l’ammissione all’albo comparivano proprio su “La Stampa.it”.
Uno dei commissario dichiarava: “per un motivo o per un altro, abbiamo mandato all’orale solo una media di tre candidati su dieci. E con grande fatica”. Cosa si è fatto in questi anni per cambiare le cose? Nulla di sostanziale, che ci risulti. Né possiamo consolarci invocando il consueto “così fan tutti”, e mica solo nella lingua madre, ricordando ad esempio che già nel 2004 gli studenti liceali americani avevano avuto pessimi risultati a confronto con gli studenti di altri Paesi, soprattutto cinesi, nei compiti di matematica e scienze al punto da spingere le autorità scolastiche statunitensi a importare dalla Cina programmi di studio e insegnamento. In particolare, già 13 anni fa, gli studenti Usa non erano più leader mondiali ma erano scivolati fino al 28esimo posto nella prova di matematica. L’Italia non poteva neanche allora rallegrarsi: i nostri studenti erano arrivati dietro gli americani. Ne è passata di acqua sotto i ponti ma - tornando agli errori d’italiano dei nostri giovani - oggi le cose non sono cambiate se non peggiorate. I nostri ragazzi non sanno scrivere perché non leggono, né a scuola né a casa, in famiglia: un italiano su 5 - ci racconta l’Istat - non sfoglia mai un giornale e non legge libri. Non solo: nella vulgata del senso comune che si diffonde anche in politica l’ignoranza è percepita come innocenza, come estraneità alla paccottiglia del passato, anche il più recente, con il quale non ci si vuole “sporcare” e che dunque si rifiuta in toto, paradossalmente anche nella correttezza del proprio esprimersi. Come meravigliarsi poi del dilagare delle “fake news”? Chi ha voglia di controllarne la veridicità se fa fatica persino a comunicarle e, a questo punto c0è da crederlo, persino a capirle? Al contrario, conoscere la propria lingua significa aver voglia di tenersi aggiornati, di approfondire, di affermare se stessi e la propria indipendenza alimentando spirito critico e cura. Visti i tempi, nell'epoca della famiglia 'fragile', sarebbe inammissibile non intervenire a scuola. Considerando che pure un grande come Van Gogh sosteneva che dire una cosa bene è altrettanto difficile che dipingerla. 
mikcucuzza@gmail.com

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Thailandia, Elon Musk si scusa via Twitter con il soccorritore

Thailandia, Elon Musk si scusa via Twitter con il soccorritore

Washington, (askanews) - Elon Musk, ha postato un tweet in cui si scusa con lo speleologo britannico, Vernon Unsworth, che il patron di Tesla e Space X aveva definito "pedofilo". Il soccorritore britannico, che ha partecipato al salvataggio dei 12 ragazzi e del loro allenatore nella grotta in Thailandia, aveva bollato come una "trovata pubblicitaria" l'offerta di Musk di un mini-sottomarino per i ...

 
Usa, le fiamme minacciano il parco nazionale di Yosemite

Usa, le fiamme minacciano il parco nazionale di Yosemite

Roma, (askanews) - Un vasto incendio minaccia il Parco Nazionale di Yosemite, nel nord della California. Le fiamme hanno già distrutto oltre 50 chilometri quadrati di territorio e ucciso almeno una persona, un vigile del fuoco. In totale sono almeno 1.500 i pompieri al lavoro nella zona interessata dall'incendio, particolarmente violento perché alimentato da migliaia di piante morte per la ...

 
Altro

Ronaldo alla Juve, cambio di maglia 'al volo' per Fifa 19

Primo breve filmato su Instagram con Cristiano Ronaldo in maglia bianconera del trailer promozionale di Fifa 19, videogioco di calcio della EA Sports. L'arrivo del campione ha scombinato i piani degli sviluppatori che in corsa hanno dovuto modificare promo e locandine del videogames peraltro già in circolazione con Cr7, come sempre negli ultimi anni, con la maglia del Real Madrid. Ma il lavoro ...

 
Cronaca

Salviamo i boschi, al via campagna antincendio 2018

Con la flotta più grande del mondo, composta da canadair ed elicotteri, il corpo nazionale dei vigili del fuoco dà il via alla campagna antincendio boschiva 2018. Lo scorso anno in Italia si sono verificati 743 grandi incendi. Prevenirli piuttosto che affrontare l'emergenza è l'obiettivo di quest'anno

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018