Otto anni fa la strage di Kabul, Siena non dimentica

SIENA

Otto anni fa la strage di Kabul, Siena non dimentica

17.09.2017 - 09:18

0

Kabul, Afghanistan. Giovedì 17 settembre 2009, ore 12.10 (le 9,40 italiane). Sulla strada principale della città, in direzione rotonda Massoud, transitano due Lince italiani con dieci militari a bordo (il tenente Antonio Fortunato, 35 anni; il primo caporal maggiore Matteo Mureddu, 26 anni; il primo caporal maggiore Davide Ricchiuto, 26 anni; il sergente maggiore Roberto Valente 37 anni; il primo caporal maggiore Gian Domenico Pistonami, 26 anni; il primo caporal maggiore Massimiliano Randino; il caporale Sergio Agostinelli; il maresciallo Felice Calandriello; i parà Ferdinando Buono e Rocco Leo) ed un veicolo civile che li precede. Lungo la via sono posteggiate alcune auto tra cui una Toyota Corolla bianca, poi tante persone in strada, donne e bambini vicini ad abitazioni e negozi. Tra loro un uomo di nome Hayutulla mentre a qualche chilometro di distanza, con un cellulare ed alcuni cannocchiali in mano, ci sono un gruppo di talebani, tra questi Zabiullah Mujahid. Questo non è l'inizio di un film, è la guerra. Una drammatica guerra che non ha fatto vincitori, ma solo morti. E' una storia vera, drammatica. Una brutta storia che sembra lontana nel tempo, ma che invece è ancora tremendamente viva. E' la storia di sei vite spezzate, di sei famiglie distrutte, è la ferita di una Nazione, di un corpo militare, della città di Siena e di sei cittadine. E' la storia di quattro ragazzi sopravvissuti, lacerati e dei loro occhi che non dimenticheranno mai quelle immagini che un film non potrà mai raccontare. E' anche la storia di quindici morti uccisi dai loro stessi fratelli, di 60 feriti, di una strage che la storiografia forse non relegherà nemmeno in un rigo della lotta al terrorismo religioso.

A Kabul quel 17 settembre faceva molto caldo. La squadra comandata dal tenente Antonio Fortunato del 186° Reggimento Folgore di Siena, si prepara ad uscire, direzione aeroporto. C'è da prelevare personale di ritorno dall'Italia (Roberto Valente e Ferdinando Buono) e materiale vario per il "fortino", la base delle forze internazionali Isaf in Afghanistan. Fortunato con i suoi uomini sono lì da oltre 4 mesi, quella strada la conoscono come le proprie tasche, l'uscita è di routine, i rischi sono bassi. Intorno alle 12,10 sono già di ritorno, il quartier generale è vicino, circa 10 minuti. Il tenente è nel primo Lince insieme a Mureddu, Ricchiuto, Randino e il rientrante Valente. E' un attimo, il tempo di vedere un lampo, il boato non lo sentiranno nemmeno: al loro passaggio la Toyota Corolla imbottita di 150kg di tritolo e guidata da Hayutulla si frappone tra i due mezzi militari ed esplode avvolgendo il primo blindato dei ragazzi della Folgore che salta per oltre 25 metri, disintegrato e quasi liquefatto. Fortunato, Mureddu, Ricchiuto, Valente e Randino muoiono sul colpo. La deflagrazione colpisce anche il secondo Lince, Giandomenico Pistonami che si trovava alla mitragliatrice in ralla è investito dalla esplosione che lo divide in due. Zabiullah Mujahid, portavoce dei talebani, scrive un sms ad una tv araba: "L'attentato a Kabul di questa mattina è una nostra vittoria". Dopo Nassirya è il giorno più doloroso per l'Italia.

(Tratto dal racconto di Andrea Bianchi Sugarelli per il Corriere di Siena)

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Champions, Roma ribaltata in Ucraina,  2-1 per lo Shakhtar

Champions, Roma ribaltata in Ucraina, 2-1 per lo Shakhtar

Karkiv (askanews) - Roma sconfitta 2-1 in Ucraina dallo Shakhtar Donetsk nel match di andata degli ottavi di finale di Champions League. Match dai due volti con i giallorossi autori di un'ottima prestazione nel primo tempo e di una bruttissima prova nel secondo. Il gol di Under al 41' del primo tempo è ribaltato da Facundo Ferreyra e Fred nella ripresa al 7' e 26'. Grande rammarico per il tecnico ...

 
Bindi: preoccupante l'uso della violenza in campagna elettorale

Bindi: preoccupante l'uso della violenza in campagna elettorale

Roma, (askanews) - "E' preoccupante lo sdoganamento dell'uso della violenza che sta avvenendo in campagna elettorale, che fa tornare i mostri del passato sulla scena odierna: la mafia può permettersi di non sparare perchè anche la società parla un linguaggio violento". Lo ha detto la presidente della Commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, durante la presentazione della Relazione finale ...

 
Lombardi: il 2 marzo in piazza con Di Maio e mi auguro Grillo

Lombardi: il 2 marzo in piazza con Di Maio e mi auguro Grillo

Roma, (askanews) - Roberta Lombardi sarà sul palco di piazza del Popolo il prossimo 2 marzo per la chiusura della campagna elettorale del Movimento 5 Stelle insieme a Luigi Di Maio e Beppe Grillo. Lo dice intervistata da Askanews. "Certo, sarò in piazza del Popolo", spiega. Alla domanda sulla presenza di Grillo la candidata M5s alla presidenza della Regione Lazio risponde: "Mi auguro proprio di ...

 
Il veliero Hermione salpa dalla Francia, fa rotta verso l'Africa

Il veliero Hermione salpa dalla Francia, fa rotta verso l'Africa

La Rochèlle (askanews) - Il veliero Hermione ha ripreso il largo. La replica dello storico tre alberi, che nel 1780 partì dalla Francia con a bordo il generale Lafayette per sostenere la causa degli indipendentisti dei futuri Stati Uniti d'America, ha lasciato il porto di la Rochelle, in Francia. Il veliero è diretto a Tangeri, in Marocco, prima tappa di un viaggio di quattro mesi e mezzo ...

 
Premio Chigiana sbarca a New York

Siena

Premio Chigiana sbarca a New York

Il Premio Chigiana sbarca a New York, dove tiene la prima sessione di audizioni internazionali dell’edizione 2018, dedicata alla nuova generazione di cantanti lirici, in ...

17.02.2018

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Siena

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Stava per iniziare l'esibizione di un gruppo senese quando, sabato sera, dieci agenti si sono presentati nel bar Cacio e Pere, hanno passato al setaccio la documentazione ed ...

11.02.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018