Otto anni fa la strage di Kabul, Siena non dimentica

SIENA

Otto anni fa la strage di Kabul, Siena non dimentica

17.09.2017 - 09:18

0

Kabul, Afghanistan. Giovedì 17 settembre 2009, ore 12.10 (le 9,40 italiane). Sulla strada principale della città, in direzione rotonda Massoud, transitano due Lince italiani con dieci militari a bordo (il tenente Antonio Fortunato, 35 anni; il primo caporal maggiore Matteo Mureddu, 26 anni; il primo caporal maggiore Davide Ricchiuto, 26 anni; il sergente maggiore Roberto Valente 37 anni; il primo caporal maggiore Gian Domenico Pistonami, 26 anni; il primo caporal maggiore Massimiliano Randino; il caporale Sergio Agostinelli; il maresciallo Felice Calandriello; i parà Ferdinando Buono e Rocco Leo) ed un veicolo civile che li precede. Lungo la via sono posteggiate alcune auto tra cui una Toyota Corolla bianca, poi tante persone in strada, donne e bambini vicini ad abitazioni e negozi. Tra loro un uomo di nome Hayutulla mentre a qualche chilometro di distanza, con un cellulare ed alcuni cannocchiali in mano, ci sono un gruppo di talebani, tra questi Zabiullah Mujahid. Questo non è l'inizio di un film, è la guerra. Una drammatica guerra che non ha fatto vincitori, ma solo morti. E' una storia vera, drammatica. Una brutta storia che sembra lontana nel tempo, ma che invece è ancora tremendamente viva. E' la storia di sei vite spezzate, di sei famiglie distrutte, è la ferita di una Nazione, di un corpo militare, della città di Siena e di sei cittadine. E' la storia di quattro ragazzi sopravvissuti, lacerati e dei loro occhi che non dimenticheranno mai quelle immagini che un film non potrà mai raccontare. E' anche la storia di quindici morti uccisi dai loro stessi fratelli, di 60 feriti, di una strage che la storiografia forse non relegherà nemmeno in un rigo della lotta al terrorismo religioso.

A Kabul quel 17 settembre faceva molto caldo. La squadra comandata dal tenente Antonio Fortunato del 186° Reggimento Folgore di Siena, si prepara ad uscire, direzione aeroporto. C'è da prelevare personale di ritorno dall'Italia (Roberto Valente e Ferdinando Buono) e materiale vario per il "fortino", la base delle forze internazionali Isaf in Afghanistan. Fortunato con i suoi uomini sono lì da oltre 4 mesi, quella strada la conoscono come le proprie tasche, l'uscita è di routine, i rischi sono bassi. Intorno alle 12,10 sono già di ritorno, il quartier generale è vicino, circa 10 minuti. Il tenente è nel primo Lince insieme a Mureddu, Ricchiuto, Randino e il rientrante Valente. E' un attimo, il tempo di vedere un lampo, il boato non lo sentiranno nemmeno: al loro passaggio la Toyota Corolla imbottita di 150kg di tritolo e guidata da Hayutulla si frappone tra i due mezzi militari ed esplode avvolgendo il primo blindato dei ragazzi della Folgore che salta per oltre 25 metri, disintegrato e quasi liquefatto. Fortunato, Mureddu, Ricchiuto, Valente e Randino muoiono sul colpo. La deflagrazione colpisce anche il secondo Lince, Giandomenico Pistonami che si trovava alla mitragliatrice in ralla è investito dalla esplosione che lo divide in due. Zabiullah Mujahid, portavoce dei talebani, scrive un sms ad una tv araba: "L'attentato a Kabul di questa mattina è una nostra vittoria". Dopo Nassirya è il giorno più doloroso per l'Italia.

(Tratto dal racconto di Andrea Bianchi Sugarelli per il Corriere di Siena)

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

Milano (askanews) - Promuovere lo sport e la cultura dello sport tra i disabili. Con questa mission nascono gli ambasciatori paralimpici italiani, una squadra di 50 medagliati capitanati da Alex Zanardi che promuoverà l'attività sportiva per le persone con disabilità e ne farà conoscere le opportunità. Il tutto attraverso un vero e proprio viaggio nelle scuole, nei presidi sanitari e all'interno ...

 
Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Maranello (askanews) - La Ferrari "Portofino" è la nuova Gran Turismo prodotta dalla casa del cavallino rampante. Erede della "California T", questa 2+2 coupé/cabriolet con motore V8 da 600 cavalli, presentata ufficialmente al Salone dell'Auto di Francoforte, è la più potente convertibile a offrire, contemporaneamente, il tetto rigido retrattile, un baule capiente e una grande abitabilità, ...

 
La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

Milano (askanews) - L'attenzione ai clienti come chiave di successo per le aziende. La parola d'ordine per il presente e il futuro è "customer experience". Di questo si parlerà al convegno intitolato appunto "Customer Experience 2020", organizzato a Milano il 12 ottobre da CMI Customer Management Insights per esplorare il futuro della relazione con il cliente. Ne abbiamo parlato con la direttrice ...

 
Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Roma, (askanews) - Come fare la caprese, fra riflessioni sul commercio, sulla grande distribuzione, prodotti italiani da difendere, Ue e governo: Giorgia Meloni ripresa negli studi di Un Giorno da Pecora su Rai Radio1 ha preparato in diretta radiofonica una delle sue ricette preferite.

 
Morto l'attore Gigi Burruano

Aveva 69 anni

Morto l'attore Gigi Burruano

E' morto a 69 anni l'attore palermitano Gigi Burruano, aveva scoperto di essere gravemente malato qualche mese fa. Attore di teatro, cinema e tv, Burruano ha esordito al ...

11.09.2017

Riconoscimenti per la miss

Festa

Riconoscimenti per la miss

“Una bella ragazza tifernate, che lavora e sogna di laurearsi: questi elementi sono sufficienti a fare di Monica Bartolucci un esempio di buon senso e intelligenza, per cui ...

24.08.2017

Eletta la più bella dell'Umbria

La reginetta

Eletta la più bella dell'Umbria

Monica Bartolucci, 24 anni, barista di Trestina, è Miss Umbria 2017. Ma cominciamo quasi dalla fine. Quando, cioè, da cinque finaliste la giuria riduce a due (Monica ...

22.08.2017