Cerca

Sabato 25 Febbraio 2017 | 07:46

CENTRO ITALIA

TERREMOTO: LE VITTIME SALGONO A 159. C'E' ANCHE IL FIGLIO DI UNA FUNZIONARIA DI POLIZIA IN SERVIZIO A CHIUSI

TERREMOTO: LE VITTIME SALGONO A 159. C'E' ANCHE IL FIGLIO DI UNA FUNZIONARIA DI POLIZIA IN SERVIZIO A CHIUSI

A meno 24 ore dal terremoto delle 3.36 del 24 agosto, il bilancio è terrificante. Le vittime accertate sono già 159: 106 decessi confermati dalla prefettura di Rieti e 53 da quella di Ascoli Piceno. E' stato il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio a comunicarlo in diretta a Porta a Porta.

Tra le 159 vittime, purtroppo molti bambini mentre e migliaia di persone stanno trascorrendo la prima notte all'aperto perché hanno perso la casa o perché la stessa è inagibile. L'impressione è che il numero delle vittime sia purtroppo destinato ad aumentare, visto che ancora ci sono tanti dispersi. Si continua a scavare, ma man mano che trascorrono le ore diventano sempre più flebili le speranze di trovare persone in vita. Nell'elenco delle vittime figura anche il figlio 24enne di una funzionaria di polizia in servizio a Chiusi: il ragazzo stava trascorrendo le vacanze dai nonni ad Amatrice ed è rimasto schiacciato dalle macerie.

Interi paesi sono stati compromessi per sempre dal sisma, su tutti Accumoli, Amatrice, Pescara del Tronto, ma danni ingenti si registrano anche in tanti altri centri anche umbri e del Maceratese. Distrutto gran parte del patrimonio culturale di borghi antichi e bellissimi.

Nel frattempo il Paese si sta mobilitando. Nelle zone del sisma centinaia di persone, con i ruoli più svariati, hanno lavorato generosamente per ore e stanno continuando a farlo senza risparmiarsi. Stanno giungendo i primi aiuti e i gesti di generosità non si contano: non c'è città italiana che non si sia in qualche modo mobilitata. 

Come sempre in questi casi iniziano ad emergere storie incredibili, dai nonni eroi che hanno salvato i loro nipotini, a chi è riuscito a uscire indenne da questo terremoto come già aveva fatto a L'Aquila, passando per intere famiglie distrutte o salve soltanto da pure casualità.

Intanto sono rientrati e stanno bene sia i settanta bambini di Chianciano sorpresi dal sisma durante un campeggio ad Amatrice che i ragazzi del Cus Siena che erano a Norcia per uno stage.

Domani sul Corriere di Siena 13 pagine speciali sul sisma e sui senesi coinvolti

@GiusSilver

Più letti oggi

il punto
del direttore