Non falciare quando il prato è secco o bagnato

Non falciare quando il prato è secco o bagnato

In primavera il terreno torna a verdeggiare, ma per averlo perfetto serve attenzione per curarlo nel migliore dei modi

22.04.2013 - 14:29

0

In primavera il prato torna a verdeggiare, ma per avere un manto perfetto bisogna fare attenzione. Taglio primaverile: attenzione ai guai Non bisogna falciare quando il terreno è secco, ma nemmeno quando è bagnato. Nel primo caso, l'erba non troverà disponibili le risorse nutritive necessarie per riprendersi dopo il taglio, mentre nel secondo si facilita la diffusione di spore fungine, portate dal tosaerba attraverso il velo d'acqua. Inoltre, l'erba bagnata e tagliata si impasta sulle lame, accumulandosi e danneggiando il tosaerba. Le lame devono essere sempre perfettamente affilate, soprattutto se si lavora con lame orizzontali (rotative), che impediscono un taglio superpreciso, garantito invece dalle lame elicoidali. Il taglio imperfetto imbruttisce l'erba e favorisce l'ingresso di virus e spore fungine. Rispetto all'ultimo intervento effettuato, è buona norma cambiare la direzione di tosatura, se possibile con un andamento perpendicolare alla precedente. In questo modo la superficie erbosa si mantiene più compatta. Eseguendo la tosatura con una falciatrice a lame elicoidali, e procedendo in senso andata e ritorno, si ottiene l'effetto a strisce in chiaro-scuro. Il prato che non si taglia Tosare il prato è un'operazione piacevole ma anche impegnativa. 

Una buona alternativa è costituita da specie vegetali che non siano graminacee: in pratica non producono fili d'erba ma foglioline fitte, con stelo corto, che formano una superficie compatta, esente da tagli! Il vantaggio è chiaro, ma c'è da tener conto che si tratta di prati poco calpestabili, non adatti al gioco né al passaggio frequente. Tra le specie più adatte c'è Dichondra repens, della famiglia delle Convolvulacee: con le sue foglioline tonde forma un folto tappeto, a bassa manutenzione. In posizione soleggiata non serve nemmeno il taglio, che è necessario all'ombra solo una volta al mese in primavera-estate. Non tollera la siccità e resiste al caldo solo se ben irrigata. Anche il trifoglio nano (Trifolium repens, delle Leguminose) non richiede tagli ed è resistente se non soffre l'aridità estiva; richiede poche cure, poco calpestabile ma di aspetto piacevole e morbido. Ci sono poi molte specie tappezzanti che possono coprire il terreno in aree non calpestate: per citarne solo alcune, edera, vinca, timo, lamium, margheritine... Quanto al prato normale va detto che le agrostidi sono molto veloci (richiedono un taglio ogni 5 giorni in primavera); Lolium e Poa sono di velocità intermedia (un taglio ogni settimana); e le specie di Festuca sono tutte lente (un taglio ogni 10 giorni.

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Saviano risponde a Salvini sulla possibile revoca della scorta

Saviano risponde a Salvini sulla possibile revoca della scorta

Milano (askanews) - Lo scrittore Roberto Saviano risponde con un video su Facebook alle parole del ministro dell'interno, Matteo Salvini che, commentando un altro video in cui l'autore di Gomorra accusava il titolare del Viminale di fare propaganda, ha ventilato una possibile revoca del servizio di scorta che da anni salvaguarda la vita dell'autore napoletano, minacciato di morte dalla camorra. ...

 
Yoga day, per i cento anni di BKS Iyengar un flash mob a Roma

Yoga day, per i cento anni di BKS Iyengar un flash mob a Roma

Roma, (askanews) - C'è una fotografia storica cara a tutti i praticanti di Iyengar yoga che ritrae Guruji nella posizione sulla testa - l'asana Sirsasana - circondato dai suoi allievi nella stessa posizione. È una foto molto bella, in bianco e nero, che ben rappresenta il filo profondo che legava e lega ancora i praticanti di Iyengar yoga con il loro maestro, spentosi il 20 agosto del 2014 e del ...

 
Altro

Workers Buyout: il lavoro che si riprende il lavoro

Legacoop ha presentato presso la Regione Emilia Romagna un nuovo sito web dedicato a chi vuole entrare nel mondo del workers buyout ovvero quella modalità nella quale i lavoratori di una impresa in crisi possono rilevare l’azienda stessa e farla rinascere.

 
Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018

Festa del cane, di razza e anche meticcio

Asciano

Festa del cane, di razza e anche meticcio

Una festa per grandi e bambini e per tutti i loro amici a quattro zampe. E’ la Festa del Cane in programma ad Asciano domenica 3 giugno (ore 9 – Zona sportiva Sant’Anna, ...

01.06.2018