Detenuti e studenti insieme davanti ai fornelli

Detenuti e studenti insieme davanti ai fornelli

09.05.2016 - 01:57

0

“Quello che abbiamo vissuto oggi è bellezza, virtù e verità”. Nelle parole di uno dei detenuti della struttura carceraria di Ranza sta il senso della giornata vissuta martedì. “Oggi abbiamo fatto e abbiamo vissuto qualcosa - nelle parole dello stesso detenuto - che ci permette almeno per un momento di allontanare quella malinconia che qui dentro inevitabilmente ti prende, e che senti soprattutto quando il giorno fa posto alla notte e arriva la sera”. E’ stata una giornata che ha permesso a queste persone di rimettersi in gioco e in discussione, di sentirsi utili, di sentirsi parte di un gruppo, di fare qualcosa di bello, virtuoso e positivo.

E’ stata una gara di cucina. Una vera gara di cucina. Una manifestazione voluta dalla direzione dell’istituto carcerario e dai docenti che ogni giorno trascorrono ore ed ore a Ranza insieme ai detenuti. Lo fanno perché credono nella rieducazione e nella riablitazione, lo fanno perché sono convinti che tutto questo, e quindi dare una ampia istruzione a quei detenuti che nella loro vita non hanno avuto modo di studiare, possa essere utile per aprire loro la mente, per far loro capire anche gli errori commessi in passato. E al tempo stesso per fornire loro una speranza, oltre che delle capacità e delle conoscenze e competenze che potranno essere utili quando da quelle mura carcerarie un giorno usciranno. Per questo motivo Gilda Penna, Sandra Bocci, Luca Versetti, Pasquale Napolitano e tutti gli altri docenti si prodigano tanto e si ingegnano ad organizzare giornate come quella di martedì. Per questo motivo vanno fatti i complimenti alla dottoressa Maria Bevilacqua, direttrice dell’area trattamentale, e al preside dell’istituto comprensivo Tiziano Neri.

E’ stata una gara di cucina che ha visto opporsi e fronteggiarsi i detenuti, che all’interno della struttura carceraria frequentano un istituto superiore ad indirizzo enogastronomico e gli studenti dell’istituto enogastronomico di Colle val d’Elsa. E’ stata una gara vera. Per ore ragazzi e detenuti sono rimasti nella cucina del carcere, davanti ai fornelli, a tagliare e sminuzzare alimenti, e lì hanno preparato piatti e pietanze varie. Hanno preparato antipasti, primi, secondi, dolci. Lo hanno fatto con passione, con spirito di gruppo, con voglia di stupire, con il desiderio di far apprezzare il lavoro che stavano compiendo. A stupire erano anche i loro occhi, dei ragazzi ma soprattutto dei detenuti. Per chi vive in carcere, spesso da decenni, imparare qualcosa di nuovo dà un senso alla propria vita. E lo stesso avviene quando queste persone conoscono persone nuove e vedono che qualcuno si interessa alla loro vita, alla loro situazione e alla loro condizione.

E’ stata una gara vera, con una giuria che ha giudicato tutti i piatti preparati. Sia i ragazzi che i detenuti attendevano con ansia il giudizio ed i voti espressi. Alla fine hanno vinto, di poco, i detenuti, che sono riusciti a preparare alcuni piatti veramente prelibati e che si sono così aggiudicati la targa realizzata dall’artigiano Loreno Grassini di Colle val d’Elsa. Ma i ragazzi non hanno sfigurato né demeritato. Molto bella la scena finale, quando sono stati letti i voti ed è stato quindi comunicato il responso dell’iniziativa. Era gara vera, ma ragazzi e detenuti in quel momento si sono sentiti tutti parte di qualcosa di comune, di qualcosa di bello che riusciva ad unirli e non li opponeva come avviene solitamente nelle gare. Non sembravano due squadre che si fronteggiavano, era un unico gruppo che ha voluto dar vita ad una iniziativa utile, bella, stimolante, importante. Questa sensazione si leggeva negli occhi degli uni come degli altri. E alla fine ci sono stati abbracci, sorrisi e una espressione, che è stata pronunciata più volte, che spiega tutto: “Alla prossima. Ci rivediamo presto”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Il dramma del San Juan valutato da un comandante brasiliano

Il dramma del San Juan valutato da un comandante brasiliano

Niteroi, Brasile (askanews) - Il dramma del San Juan, il sommergibile argentino con 44 uomini di equipaggio di cui si sono persi i contatti da una settimana, ha mobilitato ricerche a tappeto da parte delle marine militari di molti paesi, compresa quella del Brasile. Il comandante di un sottomarino brasiliano illustra la partecipazione del suo paese nelle operazioni internazionali di ricerca e i ...

 
A Catania le opere di Echaurren, street artist ante litteram

A Catania le opere di Echaurren, street artist ante litteram

Catania (askanews) - 'La beauté est dans la rue', slogan del maggio francese, può essere considerato il concept della mostra 'Pablo Echaurren - Soft wall' ospitata al Palazzo della Cultura di Catania dal 24 novembre al 14 gennaio 2018: pur attraversando un percorso cronologico di tre decenni, non è una antologica bensì una rassegna a tema, incentrata sul costante dialogo che Echaurren, pittore, ...

 
Francesca Comencini:un film sulla mia storia e la fine d'un amore

Francesca Comencini:un film sulla mia storia e la fine d'un amore

Roma (askanews) - Nel suo nuovo film, "Amori che non sanno stare al mondo", nei cinema dal 29 novembre, Francesca Comencini racconta con ironia e lucidità la fine di un amore e il differente cammino che intraprendono un uomo e una donna per superare quel lutto e iniziare una nuova vita: "Il desiderio di fare il film, la spinta a fare il film, è partito dall'attraversare io stessa un momento che ...

 
Myanmar e Bangladesh: accordo su rimpatrio Rohingya entro 2 mesi

Myanmar e Bangladesh: accordo su rimpatrio Rohingya entro 2 mesi

Dacca (askanews) - Il Bangladesh e il Myanmar hanno raggiunto un accordo per avviare il rimpatrio, entro due mesi, dei rifugiati Rohingya, L'intesa arriva alla fine dell'incontro tra il ministro degli Esteri del Bangladesh, Mahmood Ali e la leader birmana, il premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, avvenuto a Naypyidaw, la capitale politica birmana. Oltre 620mila Rohingya si sono rifugiati in ...

 
Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

L'esclusiva di "Chi"

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

Fabrizio Frizzi passeggia con accanto la moglie Carlotta e la figlia Stella. Ecco le prime foto pubblicate in esclusiva dal settimanale "Chi" dopo l'ischemia che ha colpito ...

21.11.2017

Ambra e Max, luna di miele a Venezia

Gossip

Ambra e Max, luna di miele a Venezia

La foto pubblicata dal periodico "Chi" è la prova provata che il rapporto fra Ambra Angiolini e Massimiliano Allegri si sta sempre più saldando. Dopo che lei è andata a ...

14.11.2017

Frizzi è tornato a casa

Il fatto

Frizzi è tornato a casa

Fabrizio Frizzi ha lasciato l'ospedale. Lo stretto riserbo sulle condizioni di salute del conduttore colpito da malore il 24 ottobre continua, ma Carlo Conti, durante un ...

06.11.2017