Rosario ha ricevuto la cittadinanza italiana

Rosario ha ricevuto la cittadinanza italiana

09.05.2016 - 01:34

0

Nella nostra città lo conoscono veramente tutti. Ognuno di noi lo ha visto almeno una volta, di giorno come di notte, per le lastre senesi. Comparve qualche anno fa, è difficile dire con precisione quando. All’epoca lo si vedeva in giro molto spesso di notte. Per la strada fermava qualunque coppia. Ma non disturbava mai, non era assolutamente inopportuno. Anzi, sembrava quasi timido ed impacciato e a tutti fin dall’inizio è rimasto simpatico.

Quando vedeva un ragazzo ed una ragazza abbracciati oppure camminare mano nella mano lui si avvicinava quasi timidamente, per essere certo di non disturbare eccessivamente. E poi, giunto ad un passo dai due, allungava una mano con dentro una grande rosa rossa. Proponendo quindi al ragazzo di comprarla e di regalarla alla ragazza. Il tutto con il sorriso sul volto. Così lo abbiamo visto per anni. In pochi sanno il suo vero nome. Ma tutti lo conoscono come Rosario. Così alla fine si chiama anche lui: “Sono Rosario”, dice. Senza praticamente mai citare il suo vero nome, forse perché lo ritiene troppo difficile da capire, da comprendere e da imparare per un  italiano. Se però glielo chiedi, il suo vero nome lo pronuncia e lo dice con  orgoglio. E in effetti non è semplice da ricordare: I. M. N. Saminur.

Rosario è arrivato qui alcuni anni fa dal Bangladesh. Nel Bangladesh ha lasciato tutta la sua famiglia, ma lui adesso torna raramente a casa, una volta all’anno o poco più. Siena lo ha adottato. Lo ha adottato per i suoi modi garbati, per la sua simpatia che traspare anche da quel suo sorriso sempre stampato sul volto. Tanti senesi ormai lo salutano per la strada: “Ciao Rosario”. E lui ricambia, sempre sorridendo. Rosario vende rose e lavora anche in un piccolo negozio di oggettistica. Qualche anno fa i goliardi delle Feriae Matricularum gli dedicarono una vignetta. Una sorta di definitivo riconoscimento della sua persona, e forse dovremmo dire anche del suo personaggio. Quando gli si dice che tutti lo conoscono lui sorride, come se questo non lo toccasse a fondo. E invece non è così. Da due giorni, infatti, Rosario ha ricevuto la cittadinanza italiana. La cerimonia si è svolta giovedì pomeriggio a palazzo comunale. Lui ha preso in una mano una bandierina italiana e in un’altra mano la pergamena che gli è stata consegnata dal sindaco Bruno Valentini. “Ho imparato a memoria l’inno,  Fratelli d’Italia”, racconta Rosario. Che è arrivato alla consegna della cittadinanza con l’abito da cerimonia e pieno, ovunque, di tricolori. A testimonianza di quanto siano importanti per lui questa pergamena e questo attestato. E un attimo dopo ha voluto ringraziare tutti: “Devo dire grazie all’Italia, agli italiani e soprattutto alla città di Siena e a tutti i senesi che mi hanno accolto a braccia aperte”, ha detto. Ora, da cittadino italiano, continuerà ad offrire rose ai fidanzati. Con il sorriso sempre stampato sul volto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Governo, Mattarella riparte da un'(auspicabile) intesa M5s-Pd

Governo, Mattarella riparte da un'(auspicabile) intesa M5s-Pd

Roma (askanews) - "Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico e gli ha affidato il compito di verificare la possibilità di una intesa di maggioranza parlamentare tra M5s e Pd per costituire il governo". Meno di trentasei ore per rendere possibile quello che fino ad oggi sembrava impossibile: un governo di larghe intese ...

 
Rupert Everett: Wilde perseguitato, "succede ancora oggi"

Rupert Everett: Wilde perseguitato, "succede ancora oggi"

Roma, 23 apr. (askanews) - "The Happy Prince", il principe felice: prende il nome dalla favola di Oscar Wilde il film che Rupert Everett ha dedicato al grande scrittore irlandese, alla sua vita rutilante nella società londinese di fine Ottocento e al suo crollo quando la sua omosessualità divenne di pubblico dominio. Oscar Wilde è un ruolo che Everett ha ricoperto anche in teatro. Dal festival di ...

 
Rupert Everett nel "Nome della Rosa": "A Eco piacerebbe"

Rupert Everett nel "Nome della Rosa": "A Eco piacerebbe"

Sorrento, (askanews) - Intervistato al Festival di Sorrento, Rupert Everett racconta del suo impegno in un progetto caro al cuore dell'Italia, una serie tv Fox tratta dal "Nome della Rosa" di Umberto Eco, girata a Perugia: Guglielmo sarà John Turturro. E Umberto Eco, dice, Everett, sarebbe contento. "Penso che sarebbe contento: rispetto al film che doveva riassumere così tanti temi del libro, noi ...

 
È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Premio Chigiana sbarca a New York

Siena

Premio Chigiana sbarca a New York

Il Premio Chigiana sbarca a New York, dove tiene la prima sessione di audizioni internazionali dell’edizione 2018, dedicata alla nuova generazione di cantanti lirici, in ...

17.02.2018

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Siena

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Stava per iniziare l'esibizione di un gruppo senese quando, sabato sera, dieci agenti si sono presentati nel bar Cacio e Pere, hanno passato al setaccio la documentazione ed ...

11.02.2018