Cerca

Sabato 21 Gennaio 2017 | 09:39

L'Acqua Borra riapre

L'Acqua Borra riapre

L’acqua riaffiora. E già forma delle piccole vasche nel terreno. Come qui è sempre stato, da tempi lontanissimi. Un posto storico di questo territorio, un luogo al quale ogni senese è affezionato torna a vedere la luce.

Ieri è stato un giorno importante. E’ stato il giorno della riapertura del ristorante all’Acqua Borra. Un giorno atteso da tempo, un giorno che è arrivato grazie all’impegno di due imprenditori e professionisti che hanno creduto in questo sogno ed in questa possibilità. Fare dell’Acqua Borra un luogo di ritrovo ed un punto di riferimento per tanti senesi e non solo.

Questo posto ha conosciuto la tragedia. Era il 2008 quando il giovane studente aretino Francesco Dragoni morì in una delle vasche termali. Da allora sono passati più di sette anni, un lunghissimo periodo nel quale questo posto è stato quasi lasciato a se stesso. Serviva un’idea nuova, servivano degli imprenditori coraggiosi che provassero a rilanciare l’area. E sono arrivati.

Riaperto il ristorante Dopo due bandi andati deserti, un terzo bando è stato vinto nei mesi scorsi dal Ristorante Enoteca Acqua Borra Srls, società costituita da Diego Vaccaro e Mattia Mana. Che diligentemente hanno lavorato per apportare modifiche all’antico e bellissimo edificio e per valorizzarlo con una nuova illuminazione. Ieri il ristorante ha riaperto le proprie porte al pubblico.

Tanti obiettivi Ma il progetto è, se vogliamo, ancora all’inizio. Nei prossimi mesi nell’area di fronte all’ingresso del ristorante nascerà uno spazio di giochi per bambini e sarà realizzato un parcheggio per autovetture e camper. E naturalmente c’è l’ampio capitolo dei lavori per l’acqua termale “che saranno effettuati con un’operazione - spiegano Vaccaro e Mana - che consentirà di valorizzare al meglio questo bene e questo luogo”.

Possibilità di lavoro Il lavoro dentro al ristorante procede spedito. “Siamo soddisfatti ed entusiasti - spiegano i due soci -. Nelle scorse settimane molte persone sono venute a chiederci informazioni relativamente a quando avremmo aperto, ora siamo felici di poter vedere i primi clienti entrare da noi”. Vaccaro e Mana mostrano i prodotti che utilizzano nella loro cucina, “cercando produttori di filiera corta e a chilometro zero”. Poi fanno vedere l’antico forno a legna, che hanno risistemato e che ora viene utilizzato per cucinare la pizza. Spiegano uno ad uno tutti i lavori che hanno effettuato. “Questo momento - affermano - è per noi la conclusione di un percorso, ma ora si apre una nuova strada. Speriamo che tanti senesi si affezionino a questo luogo”. E già parlano di opportunità lavorative: “Aspettiamo una bella risposta sia per la clientela che anche da figure lavorative della zona che potrebbero essere occupate da noi. Ci sono delle candidature aperte, chi vuole può portarci il suo curriculum”.

A breve ci sarà anche una inaugurazione ufficiale, con tanto di taglio del nastro. L’Acqua Borra torna a sorridere.

Più letti oggi

il punto
del direttore