Cerca

Lunedì 20 Febbraio 2017 | 11:47

SIENA

A Colle la fiaccolata per la pace che unisce le religioni

Una iniziativa per la pace, nata dai cittadini e dalle associazioni di Colle e che si è rapidamente estesa a tutta la zona; una marcia senza bandiere, illuminata dalla luce delle candele, per commemorare le vittime degli attentati di Parigi, ma soprattutto per ricordare a coloro che cercano di instillare nei cuori la paura, a chi vuole solo veder bruciare il mondo, che le persone sono ancora pronte a manifestare il loro desiderio di pace e fratellanza senza timore e senza badare alle differenze di lingua, razza, cultura o religione. Un evento iniziato quasi in sordina, che però è arrivato ad avere una risonanza addirittura nazionale. Martedì sera, a partire dalle 19, centinaia di persone si sono ritrovate di fronte alla Moschea di Colle di Val 'Elsa, simbolico punto di partenza di una marcia, denominata "Camminiamo insieme per la pace", che ha attraversato la città fino all'altrettanto simbolico punto di arrivo in Colle alta, di fronte al Duomo. Erano presenti tutte le principali associazioni di Colle e molte di quelle dei dintorni, oltre a delegazioni di tutti i comuni della Valdelsa, ai quali si è aggiunta quella di Volterra; tra le autorità civili presenti, oltre ai sindaci e agli assessori dei vari comuni, va ricordato il prefetto di Siena Renato Saccone, mentre per quanto riguarda le autorità religiose, l'imam di Colle Mohammad Abdel Qader e il vescovo dell'arcidiocesi di Siena Antonio Buoncristiani hanno simbolicamente marciato fianco a fianco. Proprio l'imam ha introdotto l'evento nel cortile centrale della Moschea: "Condanniamo fermamente e senza alcun dubbio questi orribili atti di terrorismo, che colpiscono tutta l'umanità, primi fra tutti noi musulmani, perché danno dell'Islam una immagine sbagliata e distorta. Siamo vicini alle vittime di questi attentati e alle loro famiglie". Ha poi voluto ringraziare tutte le persone presenti, ricordando che la moschea non è un luogo destinato ai soli musulmani: "Qui sarete sempre accolti non da ospiti, ma da fratelli".

Nell'edizione di giovedì 19 novembre del Corriere di Siena le foto della fiaccolata

Più letti oggi

il punto
del direttore