Cerca

Sabato 21 Gennaio 2017 | 09:37

SIENA

Sonetti in vernacolo, la tradizione rinasce su Facebook

Sonetti in vernacolo, la tradizione rinasce su Facebook

Ispirati dai “Colori” trenta appassionati cantori di Siena concorrono alla seconda edizione del “Concorso del sonetto senese amatoriale, promosso dal gruppo nato su Facebook “siamo di Siena...siamo fatto ‘osì” l’evento torna accompagnato da una cerimonia di premiazione che si svolgerà il 4 giugno, alle 17,30, nei locali della società della contrada del Drago. Sono trenta le composizioni che saranno giudicate prima dalla giuria popolare di internauti e poi dalla giuria tecnica composta da Simonetta Losi, Massimo Bianchi, Riccardo Benucci, Massimo Biliorsi e dal <CF91>Corriere di Siena.</CF> L’iniziativa ha il merito di aver fatto incontrare la comunicazione on line di Facebook, spesso scarna e approssimativa, con una delle forme più rappresentative del nostro vernacolo. Quella che affonda le radici nella cultura popolare di questa città e che vive grazie a tante testimonanianze scritte, ma anche con la forza di una tradizione orale ancora molto viva nel cuore delle contrade. L’arte del sonetto ha contagiato anche tanti giovani e continua ad ispirare coloro che non vivono più fra queste mura. Non a caso fra i partecipanti al concorso ci sono anche compositori extramoenia che hanno offerto un punto di vista sentimentale e appassionante della città.
“Per la straordinaria serata dedicata ai sonetti senesi, quest'anno abbiamo avuto l’idea di entrare nel tessuto vero, nell’essenza della nostra città, nel cuore della contrada. Un percorso, che ci porterà nel tempo a toccare tutte le realtà contradaiole - dicono gli organizzatori - Cominciamo con la contrada del Drago che ha accettato con entusiasmo di ospitarci. Una serata di senesi, per i senesi e per coloro che amano Siena e che servirà anche ad aiutare l'associazione "Le Mura Siena" che, con i suoi splendidi volontari, tanto sta facendo per il rilancio ed il restauro di pezzi importanti del nostro tessuto storico ed architettonico”. 

Più letti oggi

il punto
del direttore