Cerca

Giovedì 19 Gennaio 2017 | 13:59

SIENA

Restaurato il portale storico della Biblioteca Comunale degli Intronati

Restaurato il portale storico della Biblioteca Comunale degli Intronati

Ecco un esempio di quando un’associazione collabora attivamente con l’amministrazione comunale per raggiungere un obiettivo di bene comune.
Il portale storico della Biblioteca comunale degli Intronati brilla ora di nuova luce. E’ stato terminato e presentato alla città il restauro effettuato sulla facciata principale dell’edificio che dal diciottesimo secolo ospita gli Intronati (o “Gl’Intronati”, come si legge nel fregio). Ci sono voluti venti giorni di lavoro per arrivare ad un ottimo risultato, che consente adesso di ammirare il palazzo in colori sgargianti.
Lions Club Il restauro è stato realizzato grazie al finanziamento del Lions Club senese: i lavori sono stati diretti dall’architetto Roberto Gherardi. Da questa collaborazione con l’associazione è stato possibile portare a termine un lavoro che vuole rappresentare anche un messaggio per la città. “E’ un giorno di grande soddisfazione per tutti noi - ha esordito Roberto Barzanti, presidente del consiglio di amministrazione della Biblioteca comunale -. Questo portale ha ripreso vigore, luce e solennità che aveva perso con la polvere del tempo. Spero che quanto fatto possa essere da esempio e che si intensifichino rapporti con associazioni, sempre naturalmente con una regia, che possono dar vita a collaborazioni fruttuose ed incisive”. Dicevamo dei messaggi. Ecco quello storico: “L’apertura di questo ingresso della Scuola Magna verso la città e verso la strada aveva un importante significato simbolico, perché faceva intendere che questo luogo diveniva un bene civico”. E poi c’è il messaggio odierno, quello lanciato con il restauro: “E’ un’incitazione - ha proseguito Barzanti - ed un invito a continuare su questa strada”. Proprio quello che sostiene il vice sindaco Fulvio Mancuso quando parla di cittadinanza diffusa e quanto si vuole ottenere attraverso il Regolamento sui beni comuni, che prevede proprio la collaborazione (sempre più rilevante in tempi di vacche magre per il bilancio comunale) tra l’amministrazione da una parte e le associazioni e i gruppi di cittadini dall’altra. Alla presentazione del restauro era presente l’assessore comunale Paolo Mazzini, che si è detto ben felice dell’iniziativa: “Ci dà fiducia, nonostante la non semplice situazione economica ed anche psicologica della città - ha affermato -. Ma la ‘situazione civica’ per fortuna non vive simili problemi, come dimostrato da questa ottima collaborazione e sostegno del Lions Club”.
Luca Garosi, precedente presidente del Lions Club senese (nonché figlio di Gino Garosi, storico direttore della Biblioteca degli Intronati dal 1950 al 1986), ha così descritto questa operazione: “Il Lions Club Siena con questo restauro ha inteso realizzare pienamente il principio lionistico della sussidiarietà, per realizzare un recupero che viene posto con entusiasmo al servizio della città di Siena”.

Più letti oggi

il punto
del direttore