Cerca

Domenica 19 Febbraio 2017 | 15:42

pOGGIBONSI

Padre e figlio
spacciatori di droga
nella rete dei carabinieri

Strane abitudini e soprattutto una massiccia frequentazione da parte di giovani, e anche minorenni, hanno destato i sospetti dei vicini

Padre e figlio
spacciatori di droga
nella rete dei carabinieri
Padre e figlio sono finiti in manette per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Da tempo erano tenuti sotto controllo dai carabinieri della stazione di Poggibonsi guidati dal maresciallo Cardiello. E alla fine sono stati pizzicati con le mani nel sacco. Le indagini hanno inizio in seguito a diverse segnalazioni relative allo strano movimento che da qualche tempo veniva notato intorno alla abitazione dove risiedono padre e figlio, nel centro di Staggia Senese. Strane abitudini e soprattutto una massiccia frequentazione da parte di giovani, e anche minorenni, che in certi momenti diventava davvero sospetta. Ciò nonostante i due protagonisti erano considerati degli insospettabili, solo il padre aveva avuto in passato qualche piccolo guaio con la giustizia ma non tale da far supporre che dietro a quegli strani movimenti in realtà si nascondesse un traffico dedito allo spaccio di droga come hashish e marijuana. Dunque padre e figlio sono entrati nel mirino degli uomini dell’Arma della stazione valdelsana che nel giro di pochi giorni sono entrati in azione mettendo in atto una perquisizione nell’appartamento sospetto. Quando i carabinieri sono entrati nell’abitazione hanno trovato 110 grammi di hashish e 10 grammi di marijuana. L’hashish era già confezionato e pronto per essere spacciato. La sostanza stupefacente era suddivisa in ovuli, una decina in tutto, incartati nel cellophane, mentre l’erba era contenuta in un sacchettodi plastica. Oltre alla droga i militari dell’Arma hanno sequestrato gli strumenti atti al confezionamento, quindi un bilancino di precisione e un coltello da utilizzare per il taglio della sostanza.

Più letti oggi

il punto
del direttore