Cerca

Giovedì 19 Gennaio 2017 | 13:56

Castellina in Chianti

Operaio muore
folgorato da una scossa
di 15.000 volt

un uomo di 46 anni è morto sul colpo folgorato dai cavi elettrici dell’Enel. Non c’è stato nulla da fare per Fiqiri Huqi, un cittadino albanese nato a Durazzo ma residente da molti anni a Pieve a Bozzone

Operaio muore
folgorato da una scossa
di 15.000 volt
Una scossa di 15mila volt non gli ha lasciato scampo. Drammatico incidente sul lavoro a Villa Cerna sulla strada provinciale 429 che da Castellina Scalo porta a Castellina in Chianti dove un uomo di 46 anni è morto sul colpo folgorato dai cavi elettrici dell’Enel. Non c’è stato nulla da fare per Fiqiri Huqi, un cittadino albanese nato a Durazzo ma residente da molti anni a Pieve a Bozzone dove viveva con la moglie e i suoi due figli. L’uomo, che lavorava per una ditta di Colle Val d’Elsa, si trovava all’interno dell’azienda vinicola Cecchi in località Casina dei Ponti per potare alcuni cipressi insieme ad un collega. Secondo una prima ricostruzione fatta dai carabinieri di Castellina in Chianti Fiqiri poco dopo le nove avrebbe toccato i cavi quando ormai aveva già svolto gran parte del lavoro. L’uomo era all’interno di un carrello elevatore e mentre stava eseguendo alcune manovre sulla piattaforma aerea si è avvicinato troppo ai cavi di media tensione rimanendo folgorato. Sembra che l’elevatore fosse stato appoggiato su alcuni piedistalli in legno, e non di plastica, e questo avrebbe impedito alla corrente elettrica di scaricare a terra provocando la morte dell’uomo che si è accasciato all’interno del carrello rimanendo bloccato ad alcuni metri di altezza. E’ stato lo stesso collega, che stava seguendo le manovre da terra, a dare l’allarme ma per Fiqiri non c’era ormai più niente da fare. Sul posto, oltre ai militari dell’Arma, il 118 e la medicina del lavoro con ilmagistrato che ha affidato gli accertamenti del caso agli uomini della polizia giudiziaria dei vigili del fuoco. Rimane da capire come mai non sia stato chiesto all’Enel di interrompere la linea elettrica per eseguire in tutta sicurezza il lavoro di potatura e come mai l’uomo, con alle spalle molta esperienza, si sia avvicinato così tanto ai cavi. Fiqiri era molto conosciuto e apprezzato per come svolgeva il suo lavoro e i colleghi lo ricordano come un gran lavoratore. L’incidente ha provocato anche un momentaneo black out che ha richiesto l’intervento dei tecnici Enel.

Più letti oggi

il punto
del direttore