Il crac dello sport senese, calcio e basket verso il fallimento

SIENA

Il crac dello sport senese, calcio e basket verso il fallimento

18.04.2014 - 16:17

0

Dopo il panem è finito anche il circenses. Sembra impossibile, eppure lo sport senese ha fatto crac e nei prossimi due mesi potrebbe addirittura sparire. Soltanto quattro anni fa si sognavano trionfi e si guardavano orizzonti infiniti, oggi invece ci svegliamo e le società che sono vere e proprie istituzioni ed eccellenze come il Siena calcio e la Mens Sana basket si ritrovano ad un passo dal fallimento, pronte a chiudere la saracinesca della storia e lasciare solo nei libri i ricordi della loro esistenza. E con esse il declino inesorabile ha già coinvolto importanti realtà come il Poggibonsi (appena retrocessa dai professionisti ai Dilettanti in serie D), la Virtus Basket (costretta ad iscriversi alla serie C regionale), il Costone (che arranca dopo gli ottimi risultati degli anni scorsi), senza parlare di quelle società dilettantistiche che dell'attività sociale dedicata ai giovani facevano il loro fiore all'occhiello e che oggi si ritrovano confinate in un angolo in attesa di non dover chiudere (vedi Asta Taverne e San Miniato, entrambe affiliate con il Siena).
Il dramma Bisogna andare però al centro del problema, capirlo, sviscerarlo, avendo la consapevolezza che gli errori sono sempre frutto di un insieme di situazioni. E il dramma (così come la gloria) dello sport senese ha principalmente un nome: Banca Monte dei Paschi. Inutile girarci intorno, l'istituto di credito che ha favorito il miracolo della Robur in serie A per nove stagioni e della Mens Sana con la vittoria di 8 scudetti e l'arrivo alle Final Four di Eurolega, è anche e soprattutto responsabile della fine tragica delle due società a cui, dopo aver erogato milioni di euro, ha chiuso da un giorno all'altro il rubinetto non permettendo di fatto alle due “Beneamate” di trovare vie d'uscita per salvare le proprie casse. Sono consapevoli il presidente Mps Alessandro Profumo e il dg Fabrizio Viola che le loro scelte hanno massacrato due realtà importanti del territorio? Parlare di società sportive vuol dire, oggi come oggi, parlare di aziende al cui interno, al di là dei professionisti tesserati, lavorano tante persone (dagli addetti alla lavanderia agli autisti) e che lontano dai riflettori hanno contribuito ai successi degli anni passati. Le istituzioni e la politica senesi, in modo particolare il comune, lo sanno bene, ma stentano a dare un reale sostegno, a contribuire ad un aiuto. Bravi negli anni a riempirsi la bocca di parole abusate come "squadre d'eccellenza" o "società fiore all'occhiello della città", a fare sfilate al palazzetto o allo stadio, ma adesso che la situazione sta precipitando, nessuno è disposto a mettersi in gioco, a dare un apporto fattivo lasciando di fatto a se stesse il futuro di Siena e Mens Sana. Eppure basterebbe poco. Questo non giustifica ovviamente le responsabilità e gli errori commessi da chi ha gestito direttamente le due organizzazioni sportive, ma una riflessione e' giusto farla.
Casa Robur Mentre i vertici bianconeri pensano a far discutere la città sulla riqualificazione dell'area del Rastrello e quindi anche dello stadio, la dirigenza è stata costretta quasi alla chetichella ad un drammatico faccia a faccia con la squadra: "Non posso pagarvi gli stipendi" è stato detto dal patron bianconero mercoledì negli spogliatoi di Colle. Questo comporterà due punti di penalizzazione nel prossimo campionato (se mai il Siena ce la farà ad iscriversi) e soprattutto la dichiarazione che le casse della Robur non hanno nemmeno 350 euro per acquistare panini, crostate e qualche litro di benzina. Figuriamoci gli stipendi dei dipendenti. Come può andare avanti una società in queste condizioni? Ieri, fonti vicine alla Procura, hanno confermato che stanno procedendo pignoramenti e richieste di pagamenti da parte di molti creditori mentre non ha trovato conferma l'apertura di una inchiesta penale nei confronti dei dirigenti dell'Ac Siena. Almeno su questo fronte una buona notizia. Il debito che la Robur ha accumulato fino ad oggi è circa 72 milioni di euro, nessuna banca italiana è disposta a fare credito e se entro i prossimi due mesi non entreranno capitali freschi (finanziatori o nuova proprietà) la vecchia e cara Robur rischia il tracollo. Fra pochi giorni, tra l'altro, San Miniato potrebbe mettere i lucchetti ai campi, una situazione simile anche a Colle Val d’Elsa o come quella che si è già verificata con il pullman bianconero. Sul futuro starebbe lavorando l'amministrazione comunale con in testa il sindaco Bruno Valentini pronto a mediare l'ingresso di un nuovo socio. Indiscrezioni parlano di Maurizio Mian, ex presidente del Pisa calcio. Ci sarebbe però in corso anche una vera e propria trattativa gestita direttamente a Roma per il passaggio di proprietà. La notizia è stata confermata ieri da fonti vicine al presidente Massimo Mezzaroma, “ma tutto resta ad una fase embrionale” (così come altri interessamenti). La promozione in serie A darebbe sicuramente una spinta importante ad un nuovo corso in casa bianconera, ma i tempi stringono e le casse piangono.
Casa Mens Sana La situazione è ancora più drammatica rispetto al Siena, un caso “terminale”. Non c'è solo il versante sportivo a rischiare il tracollo, ma in modo particolare quello societario perché l'inchiesta "Time-Out" ha portato la Procura di Siena ad ipotizzare la bancarotta fraudolenta e false comunicazioni sociali in relazione ai bilanci dal 2009 al 2013. Un ciclone potrebbe investire la gloriosa società pluricampione d'Italia e costringerla a chiudere i battenti. La Mens Sana è stata messa in liquidazione il 21 febbraio scorso nominando liquidatore il commercialista Egidio Bianchi. La decisione è stata presa dopo che il Cda non ha approvato il bilancio, in perdita di 5,4 milioni. E' stata presentata inoltre dalla procura di Siena un'istanza di fallimento che, nel caso venisse accolta, porterebbe il liquidatore a cedere il posto ad un curatore fallimentare nominato dal Tribunale. Paradossalmente, alla luce delle normative sportive, questo potrebbe rendere più agevole alla squadra l'approdo alla conclusione del campionato. La procedura di fallimento consente l'esercizio provvisorio dell'attività fino al termine della stagione agonistica. La Mens Sana, la squadra delle istituzioni senesi su cui in tanti (forse troppi) si sono pavoneggiati per avere la ribalta dei riflettori oggi non ha più santi in paradiso, figuriamoci tra le istituzioni che l'hanno colpevolmente lasciata al suo destino.
Il comune ed il sindaco Valentini hanno accolto e discusso con il Comitato “La Mens Sana è una fede” garantendo l’impegno a cercare in modo fattivo una soluzione, ma il tempo rimasto è troppo poco. Così come sembra ormai finito quello in cui Siena sognava trionfi e guardava orizzonti infiniti. Se c'è un barlume di speranza va coltivato fino in fondo. Qualcosa di importante può essere ancora fatto.

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Schwarzy e Cotillard tra i vip al One Planet summit di Parigi

Schwarzy e Cotillard tra i vip al One Planet summit di Parigi

Parigi, (askanews) - Tra i capi di Stato e di governo di tutto il mondo, sono intervenuti a Parigi per il One Planet Summit anche l'ex governatore della California Arnold Schwarzenegger e l'attrice francese Marion Cotillard. Il summit rappresenta una "sfida immensa" dopo la firma degli accordi di Parigi e punta a velocizzare i finanziamenti per la lotta contro i cambiamenti climatici. Nel corso ...

 
Al seggio a cavallo per votare, è candidato repubblicano Alabama

Al seggio a cavallo per votare, è candidato repubblicano Alabama

Gallant (Alabama), (askanews) - E' arrivato a cavallo al seggio elettorale di Gallant, in Alabama, Roy Moore, controverso candidato repubblicano, che punta ad ottenere la poltrona al Senato lasciata libera da Jeff Sessions. I cittadini dello Yellowhammer State dovranno scegliere tra lui, uomo fortemente appoggiato dalla destra capeggiata da Steve Bannon, e il democratico Doug Jones, che secondo ...

 
Macron dal One Planet Summit: "Stiamo perdendo la battaglia"

Macron dal One Planet Summit: "Stiamo perdendo la battaglia"

Parigi, (askanews) - "Stiamo perdendo la battaglia, non ci si deve ingannare. Stiamo avendo un buon momento, tutto è fantastico perché stiamo insieme, c'è molta gente che si stima o sta imparando l'uno dall'altro e ciò può apparire un buon momento, ma stiamo perdendo la battaglia. Chi è venuto prima di noi, aveva un vantaggio, potevano dire 'non sappiamo', ed è vero. Ma negli ultimi vent'anni ...

 
Facebook: ricavi pubblicitari nei Paesi dove sono realizzati

Facebook: ricavi pubblicitari nei Paesi dove sono realizzati

Milano, (askanews) - I ricavi pubblicitari di Facebook non saranno più contabilizzati dal quartier generale internazionale ma dalle società locali che operano nei singoli Paesi: l'annuncio della svolta storica, con l'obiettivo dichiarato della "trasparenza" per la società, è arrivato con un post nella newsroom del social network fondato da Mark Zuckerberg firmato dal Cfo Dave Wehner. Il social ...

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

Fabrizio Frizzi torna in tv

Il fatto

Fabrizio Frizzi torna in tv

"Tornerò a condurre L'Eredità il 15 dicembre, prima insieme a Carlo Conti, poi continuerò da solo". E' stato lo stesso Fabrizio Frizzi a confermarlo, durante la puntata di ...

06.12.2017

Gisele Bündchen da capogiro a New York

Gossip

Gisele Bündchen da capogiro a New York

Impossibile non notarla durante questo photoshoot a Brooklyn. Scollo esagerato, mini-abito e stivali altissimi, Gisele Bundchen è mozzafiato con questo look newyorkese. ...

05.12.2017