Il Capodanno si farà, la città reagisce alla crisi e ai tagli

Piazza del Campo, Arci, Siena jazz e Confesercenti mettono in campo le forze e promuovono un 31 dicemnre di eventi e spettacoli

28.11.2012 - 10:23

0

Anche il 2012 finirà con il botto. Forse meglio e più degli altri anni. Un Capodanno è possibile anche per Siena, nonostante i tagli dovuti a un bilancio in rosso, senza farlo calare dall’alto, quindi, ma costruendolo giorno dopo giorno, dal basso. Non è campata in aria la teoria secondo la quale la crisi, oltre all’inevitabile effetto di impoverire, abbia il potere di rinvigorire l’impegno e quindi l’ingegno dei cittadini, nell’intento di rimettere in circolo buone energie. Fa piacere scoprire che in questa città, a volte assopita e volte disorientata, si facciano avanti persone capaci di sostenere iniziative favorevoli alla ripresa, non solo dell’economia, ma anche e soprattutto dello spirito della gente. L’iniziativa promossa dall’Associazione Piazza del Campo capitanata da Andrea Bellandi, dall’Arci presieduto da Serenella Pallecchi, insieme alla Fondazione Siena Jazz guidata da Franco Caroni, ha trovato subito il sostegno di Confesercenti e l’adesione di via Pantaneto e punta a raccogliere numerosi altri proseliti, con il fine di organizzare un Capodanno carico di luci,musica e divertimento. Con l’idea del “faidate” e con la volontà di offrire un ventaglio di opportunità che Siena non ha mai avuto prima, per San Silvestro. Sulla carta, sarà un 31 dicembre dinamico, effervescente, coinvolgente per un gran numero di persone di tutte le età, itinerante all’interno del centro storico, con un fulcro centrale che rimane piazza delCampo, evitando, però, che diventi il salotto esclusivo. La nicchia dovrà essere vissuta come una tappa, seppur essenziale, di un percorso di eventi, dislocati lungo le vie e nelle piazze all’interno delle mura.

Notizia integrale nel Corriere di Siena del 28 novembre 2012
a cura di Gaia Tancredi

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

La denuncia di Oxfam: in Siria è emergenza ma gli aiuti calano

La denuncia di Oxfam: in Siria è emergenza ma gli aiuti calano

Roma, (askanews) - Dalla comunità internazionale ancora una volta non è arrivato ciò che serviva davvero per garantire un futuro al popolo siriano. È la denuncia di Oxfam, all'indomani della sesta conferenza di Bruxelles sulla crisi. "Nonostante le preoccupazioni espresse dai diversi governi a Bruxelles per la crescente ondata di violenze in Siria, le dichiarazioni d'intenti non si tradurranno in ...

 
È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Premio Chigiana sbarca a New York

Siena

Premio Chigiana sbarca a New York

Il Premio Chigiana sbarca a New York, dove tiene la prima sessione di audizioni internazionali dell’edizione 2018, dedicata alla nuova generazione di cantanti lirici, in ...

17.02.2018

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Siena

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Stava per iniziare l'esibizione di un gruppo senese quando, sabato sera, dieci agenti si sono presentati nel bar Cacio e Pere, hanno passato al setaccio la documentazione ed ...

11.02.2018