Cerca

Lunedì 20 Febbraio 2017 | 18:47

Con la Provincia vengono spazzati via anche i lavoratori

Tutti i timori che accompagnano il riordino dell’ente Prefettura, questura, comandi di carabinieri e finanza: tutti a Grosseto?

Se il destino della provincia senese è quello di scivolare verso la Maremma, la speranza è che riesca a farlo almeno a testa alta. Non tanto per un moto di orgoglio in difesa di una forte identità che viene violata, quanto per trovare tutti gli strumenti per mantenere aperti almeno gli uffici territoriali del governo, facendo valere la necessità assoluta che una città come questa che vive di turismo e che occoglie una comunità universitaria vastissima, debba mantere alcuni capisaldi della vita amministrativa. Ammesso che nè la Corte costituzionale nè il Tar ci possano evitare il peggio, è ora di domandarci che fine farà la nostra prefettura. Quale sede avrà la questura? E i comandi dei carabinieri, quelli della finanza e che dire dei vigili del fuoco, tutti nel grossetano? E che dire della Camera di commercio? Vogliamo svuotare Siena e portare tutto nel capoluogo? Ci auguriamo che uno scempio del genere venga in qualche modo arginato con una forte e partecipata gestione di ogni passaggio che porterà ad una inivitabile trasformazione.

Notizia integrale sul Corriere di Siena del 2 Novembre
a cura di Gaia Tancredi

Più letti oggi

il punto
del direttore