Cerca

Lunedì 20 Febbraio 2017 | 18:48

Foiano della Chiana in maschera

È il più antico d’Italia: quest’anno festeggia la 474esima edizione

Foiano della Chiana in maschera

Entra nel vivo l’edizione 2013 del Carnevale di Foiano della Chiana, il piccolo borgo in provincia di Arezzo che ospita il Carnevale più antico d’Italia giunto alla 474esima edizione. Già svelati dai quattro cantieri in gara i carri allegorici. Il carro degli Azzurri si intitola “La Grande Bufala”: la bufala, al centro dell'opera, non e altro che la rappresentazione dell'operato del mondo della politica e dell'economia internazionale. Il mondo dei “normali” e invece rappresentato da Pulcinella che grazie alla sua maschera può ironizzare su tutti gli accadimenti quotidiani. “Quinto Elemento” e invece il titolo che propone il cantiere di Bombolo: la natura, e l'unica via per regolarizzare il mondo attraverso l'intervento, talvolta disastroso, di acqua, aria, terra e fuoco. Questo servirà a far rinascere tutto dalle ceneri, come l'Araba Fenice. Di “Res Novae” tratterà il carro del cantiere dei Nottambuli. Un'allegoria artistica che rappresenta gli elementi della quotidianità attuale: inquietudine, inganno, rassegnazione, tristezza. Una figura per ognuna di queste emozioni che potranno essere risolte solo grazie a un concetto di “rivoluzione” morale. “La luce oltre la palude” e il titolo presentato dal cantiere dei Rustici. La palude rappresenta la fangosità dell'attuale situazione, ma alla fine di questa c’è una speranza. Riuscirà questa speranza ad attraversare questa palude infestata dai mostri? A dominare il popolo carnevalesco infine sarà la figura di Re Giocondo che durante l'ultima domenica di festa, dopo aver fatto pubblico testamento, viene dato alle fiamme nella cerimonia della rificolonata. Molte le attività collaterali. La Galleria Furio del Furia ospita nelle domeniche di festa (3, 10, 17 febbraio e 3 marzo) le mostre “L'essenza dell'essenzialità” di Vittoria Marziari, Dylan Dog negli incubi di Luca Dell'Uomo, oltre alla ormai collaudata Biennale di Pittura. La sala della Carbonaia ospita una personale della pittrice Olimpia Bruni dal titolo “Crisocromia”. Domenica 17 febbraio sarà la volta del concorso “Reginetta del Carnevale”, per l'elezione della miss che rappresenterà la manifestazione. Dal 2 febbraio inoltre partirà anche il percorso enogastronomico con un ospite d'eccezione: l'attore Gianmarco Tognazzi presenterà i vini dell'azienda di famiglia, “La Tognazza”.

il punto
del direttore