Cerca

Domenica 19 Febbraio 2017 | 15:43

Matteo Betti, altri due bronzi conquistati in Coppa del mondo: "Buoni risultati"

"Sono soddisfatto per il ritorno sul podio nel fioretto, i risultati sono buoni anche se tutti questi bronzi cominciano ad essere monotoni"

Matteo Betti, altri due bronzi conquistati in Coppa del mondo: "Buoni risultati"

Matteo Betti ha iniziato alla grande la nuova stagione agonistica, con due medaglie di bronzo arrivate nelle competizioni individuali di fioretto e spada, conquistate nella prima prova di Coppa del Mondo 2013 a Montréal in Canada.
Il cammino è stato più o meno simile nelle due competizioni con i due gironi di qualificazione superati rispettivamente con tre vittorie e due sconfitte (fioretto) e tre vittorie ed una sconfitta (spada).
La gara di fioretto è proseguita con l’assalto degli ottavi concluso per 15/3 sull’inglese Gilliver e con il seguente ritorno sul podio, a distanza di qualche mese dall’esperienza di Londra, grazie alla vittoria nei quarti di finale per 15/13 contro il tiratore rappresentante della Polonia Pender, numero 2 del tabellone dopo i gironidi qualificazione.
Per Matteo l’amara sconfitta è arrivata in semifinale contro il fiorettista francese Tokatlian per 14/15, giunta al termine di un assalto in cui lo schermidore senese non ha tirato al meglio, ma comunque viziato da una decisione arbitrale sul finale del match che ha fatto molto discutere la delegazione azzurra.

"Buoni risultati" "Sono soddisfatto per il ritorno sul podio nel fioretto, i risultati sono buoni anche se tutti questi bronzi cominciano ad essere monotoni”, ha esordito scherzando Matteo, ricordando così anche il terzo posto alle Paralimpiadi di Londra della scorsa estate. “Comunque sono sereno, non è la prima volta che mi capita di prendermi questa fastidiosa malattia della bronzite e so che passerà. Alla fine, il risultato rispecchia il mio momento e ci ha dato buone indicazioni per lavorare in direzione del mondiale di agosto".




Servizio integrale nel Corriere di Siena del 4 maggio

Più letti oggi

il punto
del direttore