SIENA

Causarano, c'è Siena nello scudetto della Juventus

Il medico sociale dalla Robur alla Vecchia Signora

03.05.2015 - 18:47

0

C’è anche un po’ di Siena nel quarto scudetto consecutivo della Juventus, il 31° della sua storia (il 33° per i tifosi bianconeri). E ci sono corsi e ricorsi storici che tornano alla mente in una miscela di emozioni, nostalgia, orgoglio. Sabato 2 maggio le telecamere di SkySport hanno inquadrato il volto sorridente di Andrea Causarano, medico sociale della Juventus, festeggiare con l’allenatore Allegri e i tanti campioni bianconeri, da Tevez a Buffon, da Bonucci a Pirlo. Lo ha fatto nel campo di Marassi dopo la vittoria per 0-1 sulla Sampdoria, ironia della sorte proprio nello stesso stadio in cui 12 anni prima il sorriso di Causarano e i suoi abbracci si incrociavano con quelli del presidente della Robur, Paolo De Luca, di mister Giuseppe Papadopulo e degli indimenticabili Pinga, Mignani, Taddei, Argilli.

Il grande salto Da Siena alla corte della Vecchia Signora dopo venti anni e circa settecento "panchine" con i colori della Balzana, Causarano ha fatto il grande balzo, arrivando nella società di calcio sportivamente più amata. Premiato per la sua professionalità e preparazione, voluto da Antonio Conte, ma rimasto saldamente al suo posto anche con l’arrivo di Allegri grazie alla sua esperienza e un lungo ed importante curriculum che adesso si arricchisce con lo scudetto, in attesa della semifinale di Champions contro il Real Madrid. Andrea Causarano è sempre stato un punto di riferimento per la Robur, le quasi 700 panchine lo dimostrano (in realtà gli anni sono 25 considerando anche le giovanili). Persona razionale, mite, distaccata, fredda nel considerare le situazioni. Sono valori propri di ogni medico che non si può far trasportare dalle passioni o dalle emozioni quando deve visitare, controllare le condizioni di un paziente. Nel caso specifico un giocatore di calcio.

La curiosità In pochi sanno che il medico campione d’Italia della Juventus quando era studente in medicina, giocava nel Chiusdino (squadra storica dei dilettanti senesi). Era un terzino di fascia di quelli "zitti", nel senso che non alzava mai la voce, né protestava se non in modo educato con l'arbitro. Nella prestazione tecnico-tattica "parlava" ovviamente con i piedi, che avevano due voci. Una, tutta propositiva, quella che metteva al servizio della sua squadra per attaccare, l'altra senza curare troppo l'intonazione, né il gorgheggio che riservava nell'incontro fisico con gli avversari. Era ruvido al contatto, diciamo così.

Con la Robur Con il Siena ha vissuto una storia umana e professionale straordinaria. Nei suoi venti anni ha attraversato tutte le vicissitudini della società. Certo da medico, ma prima ancora, o per lo meno sulla stessa intensità partecipativa come senese e contradaiolo della Selva, le grandi gioie delle promozioni in B ed in A. Crediamo però, ma non abbiamo statistiche in proposito, che sia l'unico medico cacciato dalla panchina. Accadde in C1, una delle volte in cui il Siena giocò a Modena. Forse l'arbitro equivocò, immaginò che fosse stato Causarano a “innalzare lodi al cielo” cantando la bravura dell'usignolo, mentre era stato un altro componente. Il nostro fece presente che era il medico e che il suo ruolo non poteva essere assunto da nessun altro, ma l'arbitro ricordò che sulla panchina del Modena c'era il medico che avrebbe comunque soccorso i giocatori del Siena. E Causarano guardò la partita dall'imbocco degli spogliatoi.

Saluti ed emozioni In estate prima di trasferirsi orgogliosamente a Torino, “il dottore” volle salutare la città e i tifosi. Era profondamente preoccupato per il futuro della Robur di Mezzaroma che stava morendo: “Quante emozioni con il nostro Siena, tante situazioni difficili, momenti di grande difficoltà, ma su tutta la nostra storia sportiva è la notte di Genova che svetta e che ci dette una gioia inimmaginata ed inimmaginabile. Papadopulo fu l'allenatore che portò la squadra in A contro tutti e contro tutto" disse durante la conferenza. Oggi sono cambiati i compagni di viaggio, ma lo stadio è rimasto sempre lo stesso per l’ennesima gioia nella storia di Andrea Causarano il quale, pur nell'euforia del titolo italiano, non si è dimenticato della sua città e della sua Robur. In un angolo degli spogliatoi si è fatto fotografare con la bottiglia di champagne e il cartello: "Domani tutti al Rastrello" per incitare il Siena verso la gara decisiva per il ritorno nei professionisti.  Sotto gli occhiali sono scese anche le lacrime, ma come gli ha insegnato Paolo De Luca... “non bisogna mai vergognarsi dei propri sentimenti”. Complimenti dottore.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Trump riceve Macron: "Da matti l'accordo con l'Iran"

Trump riceve Macron: "Da matti l'accordo con l'Iran"

Roma, (askanews) - "Da matti l'accordo con l'Iran": così il presidente statunitense dalla Casa Bianca dove riceve il francese Emmanuel Macron. Proprio l'accordo con Teheran firmato da Barack Obama assieme alla diplomazia internazionale è uno dei temi caldi dell'incontro fra Parigi e Washington: Macron aveva per missione cercava di convincere Trump a non recedere dall'accordo, perdendo anni di ...

 
Inaugurata la prima statua di donna davanti a Westminster

Inaugurata la prima statua di donna davanti a Westminster

Londra, (askanews) - Non solo le statue di Winston Churchill, di Gandhi e di Mandela davanti al parlamento britannico; c'è finalmente anche la statua di una donna, l'attivista per i diritti femminili Millicent Fawcett, svelata nel centesimo anniversario del voto alle donne. La statua realizzata dall'artista Gillian Wearing, è stata inaugurata dalla premier Theresa May accanto al sindaco di Londra ...

 
Trump-Macron in abito nero, Melanie-Brigitte sfoggiano il bianco

Trump-Macron in abito nero, Melanie-Brigitte sfoggiano il bianco

Roma, (askanews) - Il presidente americano Donald Trump ha ricevuto alla Casa Bianca il presidente francese Emmanuel Macron. I due capi di Stato, in elegante completo scuro, erano accompagnati dalle rispettive moglie, Melanie e Brigitte, entrambe in completo bianco. Melanie con anche un cappello a larghe tese.

 
Economia

Bose europee contrastate, a Milano bene il lusso

Le Borse europee chiudono contrastate, sulla scia del ribasso di Wall Street dopo che i rendimenti decennali americani hanno toccato la soglia del 3% per la prima volta da gennaio 2014. A Milano l'indice Ftse Mib segna +0,22% oltre quota 24mila punti. In progresso Londra +0,36%, deboli i listini di Francoforte -0,17% e Parigi -0,10%, dove il fermo di Vincent Bolloré per un'inchiesta su presunte ...

 
È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Premio Chigiana sbarca a New York

Siena

Premio Chigiana sbarca a New York

Il Premio Chigiana sbarca a New York, dove tiene la prima sessione di audizioni internazionali dell’edizione 2018, dedicata alla nuova generazione di cantanti lirici, in ...

17.02.2018

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Siena

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Stava per iniziare l'esibizione di un gruppo senese quando, sabato sera, dieci agenti si sono presentati nel bar Cacio e Pere, hanno passato al setaccio la documentazione ed ...

11.02.2018