SIENA

Causarano, c'è Siena nello scudetto della Juventus

Il medico sociale dalla Robur alla Vecchia Signora

03.05.2015 - 18:47

0

C’è anche un po’ di Siena nel quarto scudetto consecutivo della Juventus, il 31° della sua storia (il 33° per i tifosi bianconeri). E ci sono corsi e ricorsi storici che tornano alla mente in una miscela di emozioni, nostalgia, orgoglio. Sabato 2 maggio le telecamere di SkySport hanno inquadrato il volto sorridente di Andrea Causarano, medico sociale della Juventus, festeggiare con l’allenatore Allegri e i tanti campioni bianconeri, da Tevez a Buffon, da Bonucci a Pirlo. Lo ha fatto nel campo di Marassi dopo la vittoria per 0-1 sulla Sampdoria, ironia della sorte proprio nello stesso stadio in cui 12 anni prima il sorriso di Causarano e i suoi abbracci si incrociavano con quelli del presidente della Robur, Paolo De Luca, di mister Giuseppe Papadopulo e degli indimenticabili Pinga, Mignani, Taddei, Argilli.

Il grande salto Da Siena alla corte della Vecchia Signora dopo venti anni e circa settecento "panchine" con i colori della Balzana, Causarano ha fatto il grande balzo, arrivando nella società di calcio sportivamente più amata. Premiato per la sua professionalità e preparazione, voluto da Antonio Conte, ma rimasto saldamente al suo posto anche con l’arrivo di Allegri grazie alla sua esperienza e un lungo ed importante curriculum che adesso si arricchisce con lo scudetto, in attesa della semifinale di Champions contro il Real Madrid. Andrea Causarano è sempre stato un punto di riferimento per la Robur, le quasi 700 panchine lo dimostrano (in realtà gli anni sono 25 considerando anche le giovanili). Persona razionale, mite, distaccata, fredda nel considerare le situazioni. Sono valori propri di ogni medico che non si può far trasportare dalle passioni o dalle emozioni quando deve visitare, controllare le condizioni di un paziente. Nel caso specifico un giocatore di calcio.

La curiosità In pochi sanno che il medico campione d’Italia della Juventus quando era studente in medicina, giocava nel Chiusdino (squadra storica dei dilettanti senesi). Era un terzino di fascia di quelli "zitti", nel senso che non alzava mai la voce, né protestava se non in modo educato con l'arbitro. Nella prestazione tecnico-tattica "parlava" ovviamente con i piedi, che avevano due voci. Una, tutta propositiva, quella che metteva al servizio della sua squadra per attaccare, l'altra senza curare troppo l'intonazione, né il gorgheggio che riservava nell'incontro fisico con gli avversari. Era ruvido al contatto, diciamo così.

Con la Robur Con il Siena ha vissuto una storia umana e professionale straordinaria. Nei suoi venti anni ha attraversato tutte le vicissitudini della società. Certo da medico, ma prima ancora, o per lo meno sulla stessa intensità partecipativa come senese e contradaiolo della Selva, le grandi gioie delle promozioni in B ed in A. Crediamo però, ma non abbiamo statistiche in proposito, che sia l'unico medico cacciato dalla panchina. Accadde in C1, una delle volte in cui il Siena giocò a Modena. Forse l'arbitro equivocò, immaginò che fosse stato Causarano a “innalzare lodi al cielo” cantando la bravura dell'usignolo, mentre era stato un altro componente. Il nostro fece presente che era il medico e che il suo ruolo non poteva essere assunto da nessun altro, ma l'arbitro ricordò che sulla panchina del Modena c'era il medico che avrebbe comunque soccorso i giocatori del Siena. E Causarano guardò la partita dall'imbocco degli spogliatoi.

Saluti ed emozioni In estate prima di trasferirsi orgogliosamente a Torino, “il dottore” volle salutare la città e i tifosi. Era profondamente preoccupato per il futuro della Robur di Mezzaroma che stava morendo: “Quante emozioni con il nostro Siena, tante situazioni difficili, momenti di grande difficoltà, ma su tutta la nostra storia sportiva è la notte di Genova che svetta e che ci dette una gioia inimmaginata ed inimmaginabile. Papadopulo fu l'allenatore che portò la squadra in A contro tutti e contro tutto" disse durante la conferenza. Oggi sono cambiati i compagni di viaggio, ma lo stadio è rimasto sempre lo stesso per l’ennesima gioia nella storia di Andrea Causarano il quale, pur nell'euforia del titolo italiano, non si è dimenticato della sua città e della sua Robur. In un angolo degli spogliatoi si è fatto fotografare con la bottiglia di champagne e il cartello: "Domani tutti al Rastrello" per incitare il Siena verso la gara decisiva per il ritorno nei professionisti.  Sotto gli occhiali sono scese anche le lacrime, ma come gli ha insegnato Paolo De Luca... “non bisogna mai vergognarsi dei propri sentimenti”. Complimenti dottore.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Germania, Verdi: al parlamento torna gente che nega l'Olocausto

Germania, Verdi: al parlamento torna gente che nega l'Olocausto

Roma, (askanews) - Il co-leader dei Verdi tedeschi, il turco-tedesco Cem Oezdemir, ha dichiarato che tutti i partiti democratici dovranno "superare le divisioni della società", dopo l'amara vittoria della cancelliera tedesca Angela Merkel, indebolita dallo storico successo della destra nazionalista Afd. Dalle urne è uscita una situazione frammentata, che spingerà probabilmente Merkel a formare ...

 
Sala: immigrazione-sicurezza centrali in Ue, sinistra risponda

Sala: immigrazione-sicurezza centrali in Ue, sinistra risponda

Milano (askanews) - Il risultato delle elezioni tedesche "non credo potrà influenzare l'esito del referendum sull'autonomia della Lombardia, ma torniamo al solito punto: la questione dell'immigrazione e della sicurezza è centrale in Europa": così il sindaco di Milano, Beppe Sala, ha commentato il voto in Germania a margine della presentazione del Prix Italia. "Milano magari è un modello anche a ...

 
No alla discarica, cittadini di Casorezzo "bloccano" Milano ride

No alla discarica, cittadini di Casorezzo "bloccano" Milano ride

Casorezzo (Milano), (askanews) - In piazza con finti sacchi neri della spazzatura in mano per "bloccare" la corsa ciclistica Vodafone Milano ride e protestare contro la nuova discarica di rifiuti cosiddetti "speciali" che dovrebbe sorgere nel territorio a cavallo tra due comuni. I cittadini di Casorezzo, guidati dal comitato che dal 1999 combatte contro la costruzione della discarica, hanno ...

 
Su TIMVision arriva "The Handmaid's Tale", vincitrice di 8 Emmy

Su TIMVision arriva "The Handmaid's Tale", vincitrice di 8 Emmy

Roma (askanews) - Arriva in Italia una delle serie tv più attese dell'anno, "The Handmaid's Tale", in anteprima esclusiva su TIMVision da martedì 26 settembre. Racconta un futuro distopico senza libertà in cui le donne sono considerate proprietà dello Stato. Ispirata all'omonimo romanzo di Margaret Atwood, ha appena trionfato agli Emmmy Awards, dove ha vinto otto premi, tra cui quello per miglior ...

 
Colin Firth diventa italiano

Concessa la cittadinanza

Colin Firth diventa italiano

Colin Andrew Firth ha ottenuto la cittadinanza italiana. Lo rende noto il ministero dell'Interno. Il famoso attore, premio Oscar per il film "Il discorso del re", ha sposato ...

22.09.2017

Sanremo: presenta Claudio Baglioni

Non solo direttore artistico

Sanremo: presenta Claudio Baglioni

Ormai per tutti era già una certezza, ma ora è ufficiale: Claudio Baglioni non sarà soltanto il direttore artistico di Sanremo 2018, ma anche il conduttore del festival che ...

22.09.2017

Umbra tra i big dei giovani scrittori

La storia

Umbra tra i big dei giovani scrittori

Una passione per la scrittura, quella di Alessandra Squarta, che porta Nocera Umbra al top regionale. C’è anche la giovane scrittrice nocerina, infatti, fra i tre finalisti ...

22.09.2017